Famiglia e immigrazione, incontro di formazione**

Le sfide del welfare: indicazioni operative dal Rapporto Cisf 2014.

29/09/2014

**= Sono stati richiesti i crediti formativi per assistenti sociali e avvocati

Il Rapporto Cisf 2014, “Le famiglie di fronte alle sfide dell’immigrazione” è stato realizzato nella consapevolezza che la dimensione familiare è variabile decisiva, sia per comprendere meglio “le vite degli altri”, le storie di migranti, sia per verificare se l’ambito familiare sia risorsa di accoglienza o spazio di chiusura verso l’esterno. Infatti «ignorare la “variabile famiglia” nei processi migratori significa pregiudicare in tutto o in parte la comprensione di ciò che significa e comporta il fatto di emigrare. Osservare l’immigrazione sotto l’aspetto della famiglia significa innanzitutto interrogarsi sui vissuti di speranza e di sofferenza, di distacco e di recupero degli affetti e dei sostegni primari, di tenace costruzione del proprio futuro tenendo conto delle persone più care. L’immigrazione mette in gioco i sentimenti più profondi degli uomini e delle donne migranti» (P. Donati, Rapporto Cisf 2014, p. 25).

Per approfondire questi temi il Cisf organizza un seminario di studio, “Famiglia e immigrazione: le sfide del welfare”, il prossimo venerdì 28 novembre, a Milano (Auditorium don Alberione, Via Giotto 36) indirizzato soprattutto agli operatori socio-sanitari e del diritto che operano a sostegno delle persone e delle famiglie migranti. La dimensione familiare del fenomeno migratorio non  è infatti tema molto conosciuto e presidiato, e di fatto esige ancora una elevata quota di “riflessività operativa”. In primo luogo gli stessi aspetti conoscitivi  sono costantemente sfidati dal rapido mutamento dei modelli e dei progetti migratori, dei Paesi di provenienza, delle tipologie familiari;anche la loro comprensione ed interpretazione è complessa, per il progressivo e mutevole intreccio di culture, età e identità (basti pensare alle seconde generazioni, o ai matrimoni misti). Anche i modelli di accoglienza e di presa in carico socio-relazionale ed assistenziale di breve e medio periodo sono “messi alla prova” dal cambiamento, ed è difficile per tutti dire cosa funziona e cosa va cambiato, nelle prassi attuali prevalenti. Lo stesso scenario regolativo e normativo, nazionale, locale ed internazionale, nei suoi elementi di mutamento e di incertezza (e nelle sue zone d’ombra), contribuisce a sfidare e rendere ulteriormente difficile l’attività quotidiana di chi opera per garantire diritti, condizioni dignitose di vita ed efficaci processi di integrazione alle persone migranti e alle comunità in cui si inseriscono.

Inoltre il Rapporto Cisf esplora non solo la dimensione familiare dell’immigrazione, ma anche il modo in cui le famiglie italiane sono o meno capaci di accoglienza; le riflessioni si fondano su un inedita ricerca su un campione di 4.000 famiglie "native", dove viene confermata la già nota ambivalenza del nostro popolo rispetto alla sfida dell'accoglienza, evidenziando la necessità di un punto di vista familiare non solo sulle traiettorie migratorie, ma anche, sul fronte del Paese d'accoglienza, rispetto ai processi educativi e la cultura interna familiare, più o meno capace di apertura e dialogo.

Famiglie risorse per l'integrazione, quindi (la tesi di fondo del Rapporto), sia per gli stranieri che per i nativi, ma non sempre, e non a qualunque condizione. E il seminario del 28 novembre vuole offrire qualche indicazione anche per gli operatori, per far sì che questo “sguardo al familiare” consenta di individuare modalità innovative di risposta, in cui la famiglia possa essere risorsa di integrazione e di riconoscimento reciproco, in una società realmente interculturale, capace di valorizzare la diversità di storie, tradizioni e valori, all’interno di una piattaforma unitaria di cittadinanza per tutti: dove ciascuno sappia riconoscere i propri doveri e possa riscuotere i propri diritti.

PROGRAMMA DELL'EVENTO

09.30 – 10.00 Registrazione partecipanti
10.00 – 10.30 I perché di un incontro
                                     Francesco Belletti, Direttore Cisf
                                     Lorenzo Trucco, Presidente Asgi, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione
                                     Fabio Folgheraiter, Docente Metodologia del servizio sociale, Università Cattolica, Milano
10.30 – 12.00             Migrazioni e famiglie: scenari e sfide per i servizi
                                   Maurizio Ambrosini, Docente Sociologia dei processi economici, Università degli Studi, Milano
                                   Pietro Boffi, Responsabile Centro documentazione Cisf
                                   Mara Tognetti Bordogna, Docente Sociologia economica e sociologia del lavoro, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Dipartimento  Sociologia e  Ricerca sociale 
                                   Roberto Bestazza, psicologo psicoterapeuta, Cooperativa Terrenuove Onlus
12.00 – 13.00             Dibattito
13.00 – 13.15           
Chiusura dei lavori
14.30 – 16.00             Aspetti giuridici dell’immigrazione al familiare e sfide di accoglienza
                                    Ennio Codini, Docente Istituzioni di diritto pubblico, Università Cattolica,  Milano
                                    Giancarlo Perego, Direttore Migrantes
                                    Lorenzo Trucco, Presidente Asgi, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione
16.00 – 17.00   
Dibattito
17.00 – 17.30        
Chiusura dei lavori

L’iscrizione è gratuita e verrà accettata fino ad esaurimento dei posti in Auditorium.
Mandare l’adesione a: www.cisf.it o scrivere a: cisf@stpauls.it
Informazioni:  Grazia Cerino
Tel.: 02.4807.2703, grazia.cerino@stpauls.it

L'evento è stato organizzato dal Cisf in collaborazione con Università Cattolica,Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione e Centro Studi Erickson.

Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious MySpace

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita


Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo, 14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati