"FAMIGLIA E CONSUMI AL TEMPO DEL COVID 19" DISPONIBILE SU YOUTUBE

20/12/2021

Il tempo della pandemia ha alterato il nostro quotidiano per un periodo così esteso da modificare abitudini, stili relazionali, tendenze all’acquisto, progettualità. Il webinar che il Cisf ha organizzato lo scorso 16 dicembre per presentare il "Terzo rapporto dell’Osservatorio sui consumi delle famiglie. Consumi e consumatori al tempo del COVID-19" (volume curato da Luigi Tronca e Domenico Secondulfo / Editrice FrancoAngeli) è stato occasione per mettere a fuoco questi cambiamenti, e per ascoltare le riflessioni di sociologi ed economisti su ciò che è avvenuto.

 

Insieme a Francesco Belletti, direttore Cisf, sono stati ospiti Luigi Tronca (Direttore Osservatorio sui consumi delle famiglie e Professore Ordinario di Sociologia Generale, Dipartimento di Scienze Umane Università di Verona), Domenico Secondulfo (Direttore onorario Osservatorio sui consumi delle famiglie, già Professore Ordinario di Sociologia Generale, Dipartimento di Scienze Umane Università di Verona) e Matteo Rizzolli (Professore associato di Politica Economica, Lumsa / Docente Stabile Straordinario di Politica ed economia delle istituzioni familiari, Pontificio Istituto Giovanni Paolo II).

 

Luigi Tronca ha messo a fuoco la portata della ricerca, che ha interpellato circa 2mila soggetti e ha messo in luce un allargamento delle reti sociali, durante il Covid. La pandemia ha stimolato reti più allargate ma forse meno significative, meno intense. A “tenere le fila” di questi network sono maggiormente i soggetti femminili e l’età media è di circa 50 anni. In relazione ai consumi, Domenico Secondulfo ha messo in luce 4 gruppi di famiglie: i clienti (che fanno scelte d’acquisto a prescindere dal prezzo dei prodotti), gli accorti, le formiche e i vecchi e nuovi poveri. C’è stato un progressivo spostamento fra i vari gruppi, con una maggiore attenzione alle scelte d’acquisto e ai prezzi. Poi la pandemia ha creato uno spazio di ritiro domestico che non è stato, hanno sottolineato gli esperti, così negativo e drammatico come i media hanno riportato: il consumo enorme di farine, lieviti, prodotti di base per la cucina ha rivelato anche il piacere di declinare il tempo del distanziamento sociale intorno alla tavola, con ritmi più umani.

Matteo Rizzolli, infine, ha citato gli studi internazionali sulla felicità ribadendo il fatto che il tempo della pandemia trascorso in famiglia è stato intenso, ma non necessariamente negativo. Tra i gruppi di famiglie consumatrici si è rivelata sicuramente l’anomalia generata dal Covid: a causa del generale “blocco” di tante attività e la sostanziale contrazione dei consumi, alcune famiglie nell’ultimo anno e mezzo hanno potuto addirittura accumulare maggiori risparmi, mentre altre hanno vissuto un’inattesa e drammatica precarietà economica, dovuta alla perdita del lavoro.

 

Il video dell’intero webinar (1 ora 10 min) è disponibile sul canale YouTube del Cisf.

 

Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious MySpace

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita


Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici o analytics anonimizzati, informativa cookie policy

Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo, 14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati