Scuola e capitale sociale

Colozzi Ivo, Un'indagine nelle scuole secondarie di secondo grado della Provincia diTrento, Erickson, 2011, pp. 245

14/11/2011

Recenti ricerche hanno evidenziato che la scuola italiana riesce a produrre un’effettiva mobilità sociale in misura molto limitata e, comunque, nettamente inferiore alle aspettative. Nell’indicare le ragioni di questo risultato, i sociologi italiani, diversamente dai colleghi americani, non hanno quasi mai considerato il capitale sociale come una variabile esplicativa del rendimento scolastico. È quanto ha inteso fare invece questa ricerca.
Fonte: Erickson
L’indagine, che ha coinvolto un campione rappresentativo delle scuole secondarie di secondo grado della Provincia di Trento, ha misurato e analizzato: il capitale sociale delle scuole, cioè la quantità delle relazioni di collaborazione tra le scuole e le altre istituzioni del territorio; la volontà/capacità delle scuole di aumentare il capitale sociale delle famiglie; il capitale sociale degli studenti delle classi del campione.
Le conclusioni della ricerca dimostrano che il capitale sociale è un fattore strategico del processo formativo perché incide significativamente sui suoi esiti, in termini sia positivi che negativi, a seconda delle forme che assume e delle modalità con cui viene investito o impiegato.

Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious MySpace

Pubblicita


Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo, 14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati