Indagine sull'assistenza familiare in Italia: il contributo degl’immigrati

Indagine condotta da Agenzia Tu di Unicredit e Aima Firenze

20/02/2014

........Dall’indagine è emerso che gli assistenti familiari (750 mila secondo l’Istat) provengono, in ordine di importanza numerica, da Romania, Ucraina, Moldova, Filippine, Ecuador, Sri Lanka e Perù.
Gli intervistati hanno una buona capacità di risparmio. Sono infatti in grado di accantonare anche fino a 250 euro al mese. Il denaro guadagnato viene poi in parte spedito, nella maggioranza dei casi, ai familiari nei Paesi d’origine (il 33,6% attraverso canali informali, correndo il rischio del mancato recapito).
Tra i diversi dati interessanti emersi dall’indagine, è da segnalare il tema del livello di istruzione, che risulta mediamente elevato, con il 26,7% che ha conseguito il diploma e il 18,0% che ha frequentato l’Università.

Meno soddisfacente è la formazione specifica ricevuta per la cura delle persone (73,3% risposte negative e 24,7% risposte positive). Va segnalato che solo una quota minoritaria sente la necessità di una formazione specifica (36,0%, contro il 59,4% di risposte negative).
L’indagine rivela anche che il 56,5% non presenta la dichiarazione dei redditi (benché obbligatoria per i redditi da lavoro dipendente superiori a 8 mila euro).

Venendo alla tipologia delle persone da assistere, sono principalmente gli anziani (53,1%; in più della metà dei casi si tratta di un anziano solo). Inoltre, in un terzo dei casi (36,5%) l’assistenza viene prestata alle famiglie, dove quasi sempre vi sono dei figli e, in un terzo dei casi, degli anziani a carico.

La grande maggioranza degli intervistati lavora tra le 20 e le 40 ore a settimana (55,6%), una quota consistente (26,2%) lavora tra le 41 e le 60 ore e addirittura non mancano i casi di oltre 60 ore di lavoro (4,0%), come vi è anche chi lavora meno di 20 ore (6,4%).

Le mansioni affidate riguardano principalmente la cura delle persone (per il 66,5%degli intervistati) e la cura della casa (per il 63,2%), ma non è di poco conto il lavoro svolto in cucina (33,3%), mentre è meno ricorrente il compito di fare la spesa (7,1%).

Dalla ricerca emerge che gli assistenti familiari sono fortemente motivati nel lavoro e molto attaccati alle famiglie, nonostante pesi la frequente lontananza dal proprio nucleo familiare.  Si pensi infatti che il 91,6% giudica benissimo o bene il comportamento delle famiglie nei propri confronti e che l’ l’84,9% di essi svolge con piacere (abbastanza, molto, moltissimo) il servizio presso la famiglia.........
Redattore sociale

Leggi tutto il rapporto dell'indagine

Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious MySpace

Pubblicita

Articoli correlati

I minori di origine straniera in Oratorio. Dall’integrazione alla condivisione

La ricerca, condotta da Giovanni Castiglioni e Emma Garavaglia intende aggiornare la fotografia del fenomeno della presenza e partecipazione dei minori stranieri negli oratori e nella diocesi di...

Gli italiani conoscono gli immigrati?

Dal Rapporto CISF 2014, di imminente pubblicazione, emergono dati estremamente interessanti anche sulla conoscenza che del fenomeno immigrazione hanno le famiglie italiane. Innanzitutto, va...

Pietro Boffi


Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo, 14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati