I minori di origine straniera in Oratorio. Dall’integrazione alla condivisione

Educare generando futuro: Segnaliamo la ricerca voluta dalla Arcidiocesi di Milano, Ufficio pastorale migranti, Caritas Ambrosiana e Ismu, (Iniziative e Studi sulla Multietnicità

17/02/2014

La ricerca, condotta da Giovanni Castiglioni e Emma Garavaglia intende aggiornare la fotografia del fenomeno della presenza e partecipazione dei minori stranieri negli oratori e nella diocesi di Milano.
”Come le scuole anche gi oratori presentano al loro interno una popolazione non più composta esclusivamente da bambini e ragazzi italiani. In alcuni oratori della diocesi di Milano la presenza di minori stranieri raggiunge percentuali vicine al 40-50% sul totale”.

All’indagine hanno partecipato 119 parrocchie della diocesi, cerca l’11% dell’universo.

Il questionario rivolto a sacerdoti e/o direttori d’oratorio era composto da quattro sezioni:
A: Informazioni riguardante le caratteristiche generali della parrocchia
B: Rivelazione di dati circa la presenza e la partecipazione dei minori immigrati e delle loro famiglie alle attività parrocchiali esplorando quali siano i fattori che ostacolano o incentivano la frequenza alle varie iniziative
C: individuazione dei giudizi degli intervistati rispetto agli atteggiamenti di apertura/chiusura della comunità  parrocchiale verso i minori immigrati
D. Raccolta d'informazioni sulle iniziative organizzate dalla parrocchia (eventualmente insieme ad altre istituzioni) rivolte in particolare agli immigrati e al fine di promuovere l’integrazione nei diversi ambienti parrocchiali tra cui l’oratorio.


Alcuni risultati dell’indagine quantitativa:
- Nelle province diocesane – a esclusione di Milano dove il primato è degli  asiatici- le
provenienze da paesi dell’Est Europa predominano ovunque.
(Più del 50 % in provincia di Pavia, tra il 40 e 50 %  in province quali Monza Brianza e
Varese).
- Gli immigrati che frequentano la parrocchia sono prevalentemente cattolici (60,2%, seguito da musulmani (25,8%) e da coloro che appartengono a confessioni cristiane, diverse da quella cattolica (10,2%)
- Quasi il 94 % delle famiglie cattoliche immigrate si rivolge alla parrocchia per la celebrazione della Comunione e della Cresima. Per quanto riguarda il Battesimo, le famiglie si rivolgono alla parrocchia nell’ 80, 2 % dei casi, mentre il 12,6% torna nel proprio paese d’origine.
- L’oratorio estivo e il doposcuola  vedono una maggiore presenza di minori stranieri, seguiti dai gruppi sportivi, il bar e il gruppo chierichetti.
-I principali canali di accesso dei minori sono legati ai rapporti costruiti fuori e dentro: le reti amicali e le reti costruite a scuola rappresentano una risorsa importante non solo per l’inserimento negli oratori  ma in generale per i percorsi di integrazione sociale.  

L’indagine quantitativa si conclude con una domanda aperta per sondare come gli oratori e le parrocchie  vorrebbero essere meglio sostenuti nell’affrontare le sfide che l’immigrazione porta con sé.
Anche se per la ricchezza di suggerimenti non era semplice sintetizzare le risposte, i ricercatori hanno evidenziato alcuni concetti ritenuti importanti ed emergenti:
-    Un canale di supporto potrebbe essere l’organizzazione di momenti di formazione,  
     anche su temi specifici come quello della legislazione e regolazione dell’immigrazione
-    La condivisione e scambio di buone pratiche
-    Il supporto nell’organizzazione di servizi a sostegno di stranieri in situazioni difficili; i
     ricercatori sottolineano come questo canale prende in considerazione lo straniero come
     soggetto che vive uno stato di difficoltà, in primo luogo materiale, che ne ostacola 
     l’integrazione.  


La ricerca è completato con la discussione di focus group che hanno coinvolto sia i ragazzi stranieri sia i responsabili e operatori di oratorio e i cappellani migranti.

Il rapporto di ricerca si conclude con suggerimenti di prospettive pastorali.

Anche se geograficamente limitato, questo lavoro bene mostra come la società e la famiglia italiana siano diventate multietniche e quante le dimensioni ed ambiti di vita che necessitano ulteriore esplorazione e riflessione.


Esce in marzo il Rapporto Famiglia CISF 2014 con titolo: Le famiglie di fronte alle sfide dell’immigrazione







 

Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious MySpace

Pubblicita

Articoli correlati

Immigrati e sistema economico

Uno dei luoghi comuni più ricorrenti, in tema di immigrazione, è la convinzione che gli immigrati ricevano più di quanto versino alle casse dello Stato, quando è vero...

Pietro Boffi

Indagine sull'assistenza familiare in Italia: il contributo degl’immigrati

........Dall’indagine è emerso che gli assistenti familiari (750 mila secondo l’Istat) provengono, in ordine di importanza numerica, da Romania, Ucraina, Moldova, Filippine,...

I matrimoni misti in Italia: dati Istat

istat 9.3821 Tra il 2008 e il 2010 si è registrata una battuta d’arresto del trend di aumento dei matrimoni con almeno uno sposo straniero, mentre nel biennio 2011-2012 si...

ISTAT

Immigrazione e invecchiamento

Un interessante articolo di F. Fubini su Repubblica del 13 gennaio u.s. (“Se la crisi svuota le culle”), mette in relazione gli ultimi dati sulla fecondità in Italia (tornata a...

Pietro Boffi

Gli italiani conoscono gli immigrati?

Dal Rapporto CISF 2014, di imminente pubblicazione, emergono dati estremamente interessanti anche sulla conoscenza che del fenomeno immigrazione hanno le famiglie italiane. Innanzitutto, va...

Pietro Boffi


Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici o analytics anonimizzati, informativa cookie policy

Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo, 14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati