Gli italiani conoscono gli immigrati?

mediamente gli italiani sono convinti che gli immigrati siano circa il doppio del loro numero reale: una evidente sopravalutazione

28/02/2014

Dal Rapporto CISF 2014, di imminente pubblicazione, emergono dati estremamente interessanti anche sulla conoscenza che del fenomeno immigrazione hanno le famiglie italiane.
Innanzitutto, va segnalato che mediamente gli italiani sono convinti che gli immigrati siano circa il doppio del loro numero reale: una evidente sopravalutazione, figlia presumibilmente dell’allarmismo e dei toni esagerati, quasi terroristici, che vari attori sociali – per finalità sostanzialmente di tornaconto politico – hanno utilizzato in questi anni, man mano che il fenomeno immigrazione cresceva.

Rispetto alle fonti attraverso le quali gli italiani costruiscono la loro immagine e la loro percezione del fenomeno immigrazione, le risposte al questionario somministrato per il Rapporto Cisf 2014 forniscono un quadro articolato e abbastanza sorprendente.

Da un lato, emerge il fatto che molti italiani hanno a che fare solo in modo sporadico con persone immigrate, e dall’altro che coloro che hanno a che fare spesso o molto spesso con immigrati, e vivono la cosa come negativa, sono solo il 9,2%.

Questo significa che gli atteggiamenti e i giudizi negativi verso gli immigrati che spesso verifichiamo sono solo in minima parte dovuti a conoscenza diretta, bensì normalmente riconducibili ad altre fonti, e  che in caso di contatti diretti prevalgono le impressioni positive, mentre il pregiudizio si attenua.

Tra i fattori che influenzano le idee e le opinioni degli italiani, certamente ci sono da annoverare i mass media. Infatti, coloro che dichiarano di sentir parlare spesso o molto spesso in modo positivo degli immigrati sono solo il 5,7%, mentre il 44,2%  degli intervistati ammette che spesso o molto spesso dai mass media ricavano un’idea negativa degli immigrati.

Questa polarizzazione, che risulta peraltro scarsamente influenzata dalle variabili interne al campione d’indagine, è altamente significativa: degli immigrati nei mezzi di comunicazione si parla, ma per la gran parte solo quando sono protagonisti di vicende negative (come capita ovviamente anche per altri fenomeni: “fa più rumore l’albero che cade…”), ma ciò che conta è notare che l’influsso dei media per molti italiani è sostitutivo di altre modalità di conoscenza, anche – e soprattutto – della frequentazione diretta.

Pietro Boffi
Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious MySpace

Pubblicita

Articoli correlati

Indagine sull'assistenza familiare in Italia: il contributo degl’immigrati

........Dall’indagine è emerso che gli assistenti familiari (750 mila secondo l’Istat) provengono, in ordine di importanza numerica, da Romania, Ucraina, Moldova, Filippine,...

Immigrati e sistema economico

Uno dei luoghi comuni più ricorrenti, in tema di immigrazione, è la convinzione che gli immigrati ricevano più di quanto versino alle casse dello Stato, quando è vero...

Pietro Boffi

I minori di origine straniera in Oratorio. Dall’integrazione alla condivisione

La ricerca, condotta da Giovanni Castiglioni e Emma Garavaglia intende aggiornare la fotografia del fenomeno della presenza e partecipazione dei minori stranieri negli oratori e nella diocesi di...

I matrimoni misti in Italia: dati Istat

istat 9.3821 Tra il 2008 e il 2010 si è registrata una battuta d’arresto del trend di aumento dei matrimoni con almeno uno sposo straniero, mentre nel biennio 2011-2012 si...

ISTAT

Cittadini stranieri e salute

In attesa dell'uscita del Rapporto Cisf, previsto per il 26 marzo, il sito www.cisf.it pubblica settimanalmente dati  e notizie che riguardano da varie prospettive delll'ampio mondo...

Comunicato stampa ISTAT


Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo, 14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati