13
ago

Siviglia, terra di sogni e di passioni

L'hotel "Casa de la Juderia" a Siviglia.
L'hotel "Casa de la Juderia" a Siviglia.

A due passi dal barrio Santa Cruz, a Siviglia, appena fuori dal dedalo di viuzze imbiancate a calce punteggiate di gerani, c'é la cattedrale. È lí che durante la settimana di Pasqua, giovani forzuti varcano la soglia maestosa a passo cadenzato, portando sulle spalle giganteschi baldacchini raffiguranti la Vergine e Gesù. È la Semana Santa, uno degli avvenimenti più sentiti di tutta la Spagna. Le confraternite dei penitenti incappucciati sfilano notte e giorno, l'impressionante baldacchino della Madonna della Macarena entra, non senza difficoltà, in cattedrale, verso le quattro del mattino.

Ma perché parlare della cattedrale quando bisognerebbe parlare di alberghi di charme e più precisamente di due deliziosi hotel del barrio Santa Cruz, il Rey de Baeza e la Casa de la Juderia? Semplice. La buona ragione é che Siviglia é terra di passioni, e nel calderone delle passioni tutto si fonde: la religione, la storia, il folklore, l'identità di un popolo. Questo magma incandescente si fonde e dilaga; nessun angolo della città ne é indenne, ogni quartiere, ogni piazzetta, ogni vicolo e ogni monumento ne é impregnato.

E ogni albergo. La Casa de la Juderia si sviluppa attorno a uno di quei patios fioriti che sono l'orgoglio del capoluogo andaluso. Il nome arriva dal passato, quando il barrio Santa Cruz si chiamava ancora barrio de la juderìa e qui venne ad abitare la comunità ebraica (judìos) dopo la cacciata dei Mori. Proprio in quel periodo il sultano Boabdil perse le sue belle città in stile mudejar, e si vide soffiare sotto gli occhi la fortezza dell'Alhambra a Granada. Sua madre gli disse allora: "Non piangere come una donna ciò che non hai saputo tenere come un uomo".

L'hotel "Casas del Rey de Baeza" a Siviglia.
L'hotel "Casas del Rey de Baeza" a Siviglia.


Tenera, la mamma. E nella casa della juderìa non passarono soltanto i judìos. Abbiamo cominciato parlando della cattedrale. Sotto la navata principale, sono sepolti i resti di Cristoforo Colombo
. Il grande navigatore di origine genovese, durante il primo viaggio nel Nuovo Continente, ebbe la discutibile trovata di portare con sé dieci indios Taino, da offire in regalo ai reali spagnoli. In un'epoca in cui la quantità di melanina nella propria pelle era inversamente proporzionale alla quantità di diritti da far valere, quel regalo parve un atto generoso.

Alcuni di quegli indios vennero alloggiati proprio qui, nell'edificio che ora ospita la casa de la Juderìa. "Effetti colaterali" diremmo oggi, col cinismo di certo lessico militare. Se la storia degli indios tainos é certamente triste, le cronache ci informano che qualche decennio più tardi, la stessa casa venne abitata da un personaggio grazie al quale il mondo si arricchì di una perla letteraria e di un meraviglioso personaggio, benché immaginario: Don Quijote. In quella casa infatti soggiornò a lungo il duca di Bejar, mecenate e sostenitore di Cervantes.

la piscina sul tetto dell'hotel "Casas del Rey de Baeza" a Siviglia.
la piscina sul tetto dell'hotel "Casas del Rey de Baeza" a Siviglia.


Nel barrio di Santa Cruz, la storia passa come una brezza a volte tiepida, a volte glaciale, fa tremare i fiori di bouganville e i rami di glicine, taglia con lame di luce i muri bianchi, si insinua nei portici della Casa de la Juderia. Ma un ritratto di Siviglia e di questo quartiere in cui batte il cuore storico della città non sarebbe completo senza un altro piccolo indirizzo di charme, la Casa del Rey de Baeza. È il ritratto di un'altra Siviglia, quella popolare, quella che Prospero Merimée ha immaginato nella storia della sigaraia Carmen.

Perché qui, ai tempi del re Alfonso III, il monarca che salvò dalla distruzione il barrio e che regalò alla città, con l'Expo Iberico Americana, l'impressionante Plaza de Espana, c'era un corral de vecinos. L'edificio disposto attorno a un cortile interno su cui si affacciano infilate di balconi, era popolato da diverse famiglie e il patio era il cuore comune di questi piccoli microvillaggi che vennero a crearsi quando i nobili abbandonarono gli sfarzosi palazzi del centro per trasferirsi fuori città, e questi vennero popolati da famiglie proletarie che li trasformarono in appartamenti.

Queste vivaci e piccole comunità raccontate da Calderon de la Barca e da Merimée, erano rette da una casera, una figura a metà fra la portinaia e l'inflessibile amministratrice, a cui spettava il malcelato piacere di mettere in strada il mobilio degli inquilini morosi. Oggi la Casa del Rey de Baeza é un romantico hotel in stile andaluso, con una piscina sul tetto - particolarità unica nel quartiere - da cui godere la vista sulla Giralda e sul tappeto di tegole rosse della città di Carmen.


La curiosità

I ristoranti di entrambi gli hotel servono naturalmente un ottimo gazpacho, piatto tradizionale andaluso a base di verdure. L'origine del nome deriva dall'arabo "caspa" che indicherebbe i pezzi, i frammenti di vegetali e pane contenuti in questa zuppa fredda. Un antico sinonimo del gazpacho era "capon de galera" e indicava la minestra data agli schiavi che remavano sulle galere. È la stessa etimologia della nostra italianissima "caponata".

Pubblicato il 13 agosto 2011 - Commenti (0)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita

Autore del blog

Grandi hotel grandi storie

Eva Morletto

Eva Morletto é da sette anni direttrice editoriale del magazine "Life Club", dedicato a viaggi e life style oltre che collaboratrice di numerose riviste. E' membro del Prix de la Villegiature, giuria internazionale impegnata a premiare i migliori resort e hotel di charme in Europa e nel mondo. E' stata corrispondente da Parigi per la televisione giapponese FUJI TV.

Calendario

<<febbraio 2024>>
lmmgvsd
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati