20
mar

Quando la gioia esplode nel canto

Pablo Picasso, Due donne corrono sulla spiaggia (1922) Parigi, Museo Picasso.

Pablo Picasso, Due donne corrono sulla spiaggia (1922) Parigi, Museo Picasso.

Nella Bibbia assistiamo a un’autentica esplosione di gioia quando sulla riva del mar Rosso Miriam, sorella di Mosè canta e danza in onore di Yahweh che ha salvato il popolo affogando gli egiziani. Il testo è noto come «il canto del mare»: «Allora Miriam, la profetessa, sorella di Aronne, prese in mano un timpano: dietro a lei uscirono le donne con i timpani, formando cori di danze» (Es 15,20). È lei che inoltre insegna il ritornello, ripetuto dall'intera assemblea: «Cantate al Signore perché ha mirabilmente trionfato: ha gettato in mare cavallo e cavaliere!».

Miriam, questa donna di quasi novant’anni che aveva raccolto Mosè neonato, abbandonato in una culla di vimini galleggiante tra i giunchi del Nilo, è sorpresa dalla gioia come il vecchio Simeone del Vangelo che tiene tra le braccia il Bambino Gesù. Anche lui canta ed è così pieno di gioia che chiede al Signore di morire: «Ora lascia o Signore che il tuo servo vada pace!» (Luca 2,29). Quando la speranza si trasforma in certezza, quando si è scampato un pericolo o si ha stretto tra le braccia  il Messia, allora esplode la gioia.

«In verità siete sospesi tra dolore e gioia come bilance» scrive K. Gibran nel suo libro Il profeta. E quando prevale la gioia si rimane sorpresi. Sorpreso dalla gioia è il titolo dell’atuobiografia in cui lo scrittore C. S. Lewis, autore delle Cronache di Narnia,  racconta il suo passaggio dall’ateismo al cristianesimo. Ma la gioia è essenzialmente suono e squilla alta nel canto dell’Inno alla gioia di Beethoven, l’ultimo movimento della Nona di Beethoven: Gioia, figlia dell'Eliso, / Fiamma d'oro giù dal ciel, / Noi veniamo, ardenti in viso, / Diva eccelsa, al tuo sacel. // Il tuo fascino affraterna / Ciò che il mondo separò, / Fratellanza impera eterna / Dove l'ala tua posò.

Alfredo Tradigo

Pubblicato il 20 marzo 2013 - Commenti (0)
13
mar

La fede muove la storia e i popoli

Il passaggio del Mar Rosso, scuola di Raffaello (1483-1520), Logge Vaticane

Il passaggio del Mar Rosso, scuola di Raffaello (1483-1520), Logge Vaticane

La fede non è un’astrazione né l’antidoto, la panacea ai mali del mondo. Non è neppure l’oppio dei popoli, la morfina o l’anestetico per evitare sofferenze e guai. La fede non è solo un rifugio ai mali del mondo. Anche ma non solo. La fede è innanzitutto un atto positivo, un fatto che accade nella storia. Il primo esempio di fede che incontriamo nella Bibbia è narrato nell’episodio in cui Abramo per Dio sacrifica il figlio. Per fede Abramo “credette a Dio e ciò gli fu messo in conto di giustizia” scrive san Paolo nella sua lettera ai Galati. Abramo è il padre della fede di tre popoli: l’ebraico, il musulmano e il cristiano.

Dopo di lui Mosè ebbe fede in Dio e condusse fuori dall’Egitto il popolo d’Israele che da schiavo diventò libero. Per fede agirono i profeti e per fede Maria disse sì all’angelo. La fede muove la storia perché obbedisce solo a Dio. Lo ascolta e gli obbedisce. Così la fede sposta le montagne. Gesù, dopo aver seccato il fico con la sua parola, disse ai discepoli: “Se aveste veramente la fede, potreste dire a questa montagna: Va’ e gettati nel mare ed essa lo farebbe”. La vera fede erige cattedrali, ospedali, lebbrosari, scuole. Il vento della fede investe la storia e lentamente la modifica. Fa crollare i muri come quello di Berlino. E i muri che le persone si costruiscono nel cuore le une contro le altre.

Alfredo Tradigo

Pubblicato il 13 marzo 2013 - Commenti (1)
06
mar

Lo studio è la ricetta della felicità

Lo studio del pittore, di Pietro Barabino (1822-1869). Genova Galleria d'Arte Moderna

Da quando lo studio è diventato, giustamente, un diritto per tutti, se ne è perso un po’ il valore. Perché avere il tempo e la possibilità di studiare è in un certo senso anche un privilegio rispetto a chi non ha questo tempo e questa possibilità Così assistiamo a una generazione di studenti spesso svogliati o annoiati. Chi meglio può comprendere il valore dello studio sono gli studenti lavoratori, quelli che di giorno studiano e di sera fanno sacrifici per conquistarsi un diploma. Chi al contrario studia e basta, se non ha professori che gli comunichino gusto e senso e li coinvolgano personalmente nella materia rischiano di crescere generazioni di studenti annoiati. Né tutto può esser risolversi con ricerche e seminari collettivi, a meno che queste ricerche mettano in moto la genialità e la creatività dei singoli.

 

Perché lo studio è passione, iniziativa personale, conquista. Pensiamo ai grandi ricercatori: Leonardo da Vinci, Einstein, i coniugi Curie. E in campo artistico a Leopardi, Caravaggio, Van Gogh. L’inizio per loro è stato umile studio, ore e ore consumate in un corpo a corpo con la propria materia. Fino a scoprire che studiare ciò che si ama è il divertimento migliore della vita. Nello studio e nella ricerca entriamo in comunione con l’oggetto del nostro desiderio. È così per ciascuno di noi, qualsiasi cos prediliga. Anche il calcio o lo sport. Il lavoro p spesso è obbligo, aridità, fatica. Sogniamo sempre di fare qualcosa d’altro. Ma quando riusciamo a far coincidere studio e lavoro, la nostra passione e la realtà quotidiana raggiungiamo, per quello che si può raggiungere su questa terra, uno stato di  rara, duratura, invidiabile felicità.

Alfredo Tradigo

Pubblicato il 06 marzo 2013 - Commenti (0)
27
feb

Non abbiamo quaggiù una fissa dimora

Un pellegrino in viaggio verso Santiago di Compostela

È una frase abusata ma assolutamente vera  e giova quindi ripeterla: il viaggio è metafora della vita. Da Sulla strada di Jack Kerouac, manifesto della generazione beat a La strada, romanzo post-apocalittico di Cormac McCharhty passando per il film La strada di Federico Fellini, viaggio nell’Italia contadina degli anni Cinquanta. Con la nostra immaginaria macchina del tempo passiamo a volo d’uccello sopra i viaggiatori del Grand Tour del Settecento, le grandi rotte degli esploratori intercontinentali del Cinque-Seicento, i pellegrinaggi medioevali sulla via Francigena  e Romea del Medioevo, o sul cammino di Santiago. Fino alle grandi e misteriose migrazioni  di popoli, dalla rotta di san Brendano nel VI secolo dall’Irlanda all’America al viaggio del Kon-tiki, dal pacifico al Sud America.

 

Se poi scaviamo nel mito troviamo il viaggio di Ulisse oltre le colonne d’Ercole ricordato nell’Inferno di Dante Alighieri, grande poeta e viaggiatore dello spirito. E  Orfeo, poeta e cantore che viaggia nel regno dei morti per incontrare la sposa Euridice.

 

La vita è un viaggio, a piedi o in automobile che sia. Utilizzando uno slogan biblico potremmo scrivere sul camper o sulla nostra roulotte con cui andiamo in vacanza: Non abbiamo quaggiù un fissa dimora. I senza fissa dimora, gli homeless che  vivono sulla strada come chiunque  al mondo è in difficoltà. Anche noi homeless, senza fissa dimora per qualche mezzora, quando la nostra auto ci abbandona in panne sul ciglio della strada.

 

Dunque viaggiare ha mille significati e sfumature. Oggi si viaggia perlopiù per lavoro o per piacere ma rispetto al passato il viaggio è sicuro e non rappresenta più quel rischio che faceva chiedere ai pellegrini medievali la benedizione prima di partire. Ogni viaggio, oggi come ieri, sottopelle ha il presentimento di poter esser l’ultimo viaggio. Ma vale la  pena tentarlo perché, come insegnano i cinesi: chi viaggia vive due volte.

Alfredo Tradigo

Pubblicato il 27 febbraio 2013 - Commenti (0)
24
feb

Se leggi, cresci

"La scrittura cresce con chi la legge."

Gregorio Magno


Hai una frase più emozionante di questa sul tema della LETTURA?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 24 febbraio 2013 - Commenti (0)
23
feb

Chi sei

"Dimmi quello che leggi e ti dirò chi sei, è vero; ma ti conoscerei meglio se mi dicessi quello che rileggi."

Francois Mauriac


Hai una frase più emozionante di questa sul tema della LETTURA?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 23 febbraio 2013 - Commenti (1)
22
feb

Altri mondi

"Quando un uomo sente il mondo farsi oscuro attorno a lui, legge un libro e vede un altro mondo."

Shmuel Y. Agnon


Hai una frase più emozionante di questa sul tema della LETTURA?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 22 febbraio 2013 - Commenti (0)
21
feb

Leggere molto e bene

"Non è sapiente chi ha letto molto, ma chi ha letto bene."

Xavier de Maistre


Hai una frase più emozionante di questa sul tema della LETTURA?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 21 febbraio 2013 - Commenti (1)
20
feb

Il vanto

"Altri menino vanto delle parole che hanno scritto; il mio orgoglio sta in quello che ho letto."

Jeorge Luis Borges


Hai una frase più emozionante di questa sul tema della LETTURA?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 20 febbraio 2013 - Commenti (0)
20
feb

Prendi il libro e mangia!

 

Giotto. Ezechiele riceve in un libro le parole da riferire al Suo popolo. Padova, Cappella Scrovengi (immagine Scala)

Prendi il libro e mangia! Mai parola fu detta più lapidaria e sconvolgente sulla lettura. Il testo dell’Apocalisse prosegue: questo piccolo libro in bocca ti sarà dolce come il miele ma poi sarà amaro nelle tue viscere. L’Angelo parla in visione all’evangelista Giovanni così come molti secoli prima aveva fatto con Ezechiele che riceve dal cielo un rotolo da mangiare che è dolce come miele al palato, ma contiene messaggi profetici duri e sconvolgenti per il popolo d’Israele.

Entrambi questi esempi ci dicono
con il linguaggio simbolico tipico della cultura semita come la parola di Dio più che letta vada ricevuta e meditata (masticata, “ruminata” dicevano i Padri) nel proprio cuore. Maria, non ha scritto una riga della sua esperienza unica e sconvolgente di essere Madre di Dio ma, come ricorda san Luca, “serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore”.

Di un buon lettore si dice:
è uno che i libri se li divora. In Italia per la verità c’è più gente che scrive che gente disposta alla fatica della lettura. Se ne lamentava già agli inizi dell’Ottocento Giacomo Leopardi. Del resto le librerie straboccano di libri invenduti e le biblioteche domestiche di libri non letti. Occorre però sapere scegliere tra tanta offerta di lettura cosa leggere e soprattutto come leggere perché le letture portino frutto nella nostra vita. E come diceva Leonardo da Vinci: “Non v’è saper sanza lo ritener”.

Alfredo Tradigo

Pubblicato il 20 febbraio 2013 - Commenti (0)
19
feb

Il lavoro è opera di Dio

"L'uomo, creato a immagine di Dio, mediante il suo lavoro partecipa all'opera del Creatore."

Giovanni Paolo II


Hai una frase più emozionante di questa sul tema del LAVORO?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 19 febbraio 2013 - Commenti (0)
18
feb

Il piacere nelle cose

"Ciò che rende lieta la vita non è fare le cose che ci piacciono, ma trovare piacere nelle cose che dobbiamo fare."

Wolfgang Goethe


Hai una frase più emozionante di questa sul tema del LAVORO?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 18 febbraio 2013 - Commenti (1)
17
feb

Senza rimorsi

"Fà non quello che ti piace, ma quello che ti piacerà aver fatto."

Jacques Deval


Hai una frase più emozionante di questa sul tema del LAVORO?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 17 febbraio 2013 - Commenti (0)
16
feb

Il compenso

"Il vero compenso non è ciò che il lavoro ci permette di guadagnare, ma ciò che esso ci permette di diventare."

John Ruskin


Hai una frase più emozionante di questa sul tema del LAVORO?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 16 febbraio 2013 - Commenti (1)
15
feb

Se stessi

"Il lavoro non mi piace, non piace a nessuno, ma mi piace quello che c'è nel lavoro: la possibilità di trovare se stessi."

Joseph Conrad


Hai una frase più emozionante di questa sul tema del LAVORO?
Scrivila qui sotto utilizzando i commenti e la vedrai pubblicata.

Pubblicato il 15 febbraio 2013 - Commenti (1)


Pagina 1 di 4


1 2 3 4 > >>

Pubblicita

Autore del blog

Le parole della vita

Famiglia Cristiana presenta una nuova e attraente iniziativa: Le parole della vita”. Dieci eleganti volumi tutti da collezionare con centinaia di pensieri, riflessioni, aforismi di poeti, scrittori, filosofi e autori che hanno fatto la storia del pensiero.

Le più belle frasi per accompagnarti nei momenti più importanti della vita, per dare un significato nuovo, originale, più profondo alle nostre azioni.

una dedica .

Calendario

<<agosto 2022>>
lmmgvsd
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati