18
ott

E i genitori si ribellano!

Mentre sto scrivendo, abbiamo raggiunto e superato i 27.000 iscritti alla Pagina Facebook Essere genitori di Famiglia Cristiana. Settimanalmente manteniamo aggiornati e forniamo numeri che effettivamente ci confermano nel lavoro e ci incoraggiano, spingendoci al di là delle prospettive.

     Continuano i messaggi brevi e continuano le Discussioni importanti. Noi cerchiamo di rispondere in tempo reale; cosa che, data la fantasia del web, non sempre è possibile, per fortuna: significa che il traffico è davvero intenso…

     Una cosa ci ha positivamente colpito negli ultimi giorni. I genitori, possiamo dirlo, si ribellano. Ma a che cosa? Essenzialmente i genitori, senza essere bacchettoni, si ribellano allo squallore di un certo tipo di televisione. Hanno scritto. Titolo Discussione; Grande fratello 11: «Avevano detto che dopo la sesta edizione non l’avrebbero più fatto, siamo arrivati all’11ª edizione…»; «Ne ho visto 10 minuti della prima puntata della prima serie e avevo già la nausea, mi hanno detto che le prime due edizioni erano ancora peggio per contenuti e volgarità, eppure continua ad essere di moda e stravisto!!!».

     Che dire? In effetti dice bene chi vuole intervenire per rendere i produttori e distributori di alcune trasmissioni consci di quanto portano nelle case degli spettatori, anche nelle ore in cui i bambini sono davanti alla TV, e fanno anche bene a denunciare come vi siano però tanti, troppi genitori, che, loro per primi, non vedono l’ora che inizino quegli spettacoli.

     Il discorso è importante perché pone l’attenzione sul dialogo che si viene a creare tra genitori, figli, e, detto in parole semplici, quel che entra in casa attraverso la televisione. Già avevamo accennato a questi temi, parlando di Internet e del controllo genitoriale sui siti frequentati dal computer di casa. Possiamo aggiungere che la prima responsabilità è proprio dei genitori, che è bene approfondiscano in se stessi cosa e perché vogliono vedere certe trasmissioni, per sapere poi proporre valide alternative, qualora si accorgano che quel che entra in casa non è del tutto congruente alle mete educative.

     La superficialità con cui talvolta sono affrontati questi temi rende purtroppo ragione di molte non belle sorprese in ambito pedagogico. Accogliamo quindi con molto ottimismo gli interventi di chi propone la novità della ribellione a un certo tipo di spettacolo, che non significa castrare o comunque inibire gli animi, ma aprirli a contenuti più ricchi e stimolanti.

Pubblicato il 18 ottobre 2010 - Commenti (0)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita

Autore del blog

Voci da Facebook

Massimo Bettetini

Massimo Bettetini, 45 anni, è psicoterapeuta, psicologo della fiaba, poeta.
 Da anni si dedica al mondo della famiglia, dell'adolescenza, dell'editoria, amalgamando al lavoro "sul campo"
 quello di scrittore.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati