05
mar

Cattolici e politica, non ci resta che sperare

Fanno riflettere, le parole del sociologo e politologo Alberto Gambino, professore di diritto Civile all'Università Europea di Roma, sull'ultimo sondaggio Ipsos dedicato al voto dei cattolici e al boom dei credenti che hanno votato Grillo: "Oramai i cattolici votano come tutti gli altri segmenti di elettori". Nessuna  sorpresa: votano così da almeno un ventennio (e anche prima, quando c'era la Dc). Ma il problema è un altro, e resta aperto: sapranno i cattolici provenienti da ogni schieramento fare massa critica al momento di votare per leggi che mettono al centro i valori del Vangelo? Sapranno convergere su temi quali quelli del principio e della fine della vita, della solidarietà umana, dell'accoglienza, dei principi della famiglia? Finora non è quasi mai stato così. Ma è lecito sperare, come fa beppe Del Colle sull'ultimo nuimero di Famiglia Cristiana: "Se il miracolo è già riuscito nel Dopoguerra con De Gasperi", scvrive Del Colle, "perché rinuncioare alal speranza che si possa ripetere"? Ma è triste constatare che dobbiamo solo sperare.

Pubblicato il 05 marzo 2013 - Commenti (0)

Pubblicita

Autore del blog

Il Vangelo secondo gli italiani

Calendario

<<giugno 2022>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati