06
feb

Ma davvero in Italia siam tutti cattolici?

In Italia non c’è nessuno scisma. Nessun cattolico senza papa. I numeri parlano da soli: l’88 per cento degli italiani si dice cattolico. L’80 per cento è favorevole a mantenere il crocifisso nelle aule scolastiche e negli uffici pubblici. L’8 per mille va alla Chiesa mediamente in misura dell’85 per cento. Su queste basi, si potrebbe immaginare che una maggioranza schiacciante degli italiani sia pronta a uniformarsi alle sollecitazioni del Vaticano, per esempio in materia di fedeltà coniugale e di impiego dei contraccettivi. Ma su questo i numeri non ci giungono in soccorso. In Italia ci si sposa sempre meno, e sempre meno con rito religioso. Il numero dei divorzi è quadruplicato in 25 anni, sono cresciute le coppie di fatto e i figli nati fuori dal matrimonio. Siamo forse atei praticanti? Neanche questo è vero. Un sondaggio della fondazione tedesca Bertelsmann su 21 mila cittadini europei ha assegnato agli italiani la palma della religiosità. L’85 per cento degli intervistati dichiara di credere in Dio, il 67 è convinto che ci sia una vita oltre la morte, il 55 addirittura va a messa almeno una domenica al mese e il 47 prega una volta al giorno. In Occidente «un senso del sacro così diffuso e radicato si riscontra soltanto in Polonia, Spagna e Stati Uniti». Dunque possiamo concludere che l’indifferenza sulle direttive della Chiesa coesiste con la «persistenza di un forte sentimento del sacro». Ma è dentro questo sentimento che dobbiamo guardare. Perché c’è di tutto. Secondo Sergio Luzzatto appare diffusa una forma di credenza senza appartenenza», un sentimento che porta a sentirsi persino «più autenticamente cristiani quando si disobbedisce al Vaticano che quando gli si obbedisce». Luzzato probabilmente ha ragione. Sono tanti coloro che credono in Dio «nonostante il Vaticano». Se è così, la Santa Sede ha qualche problema di comunicazione.

Pubblicato il 06 febbraio 2013 - Commenti (2)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da gianfranco caserta il 06/02/2013 20:42

come contare i cattolici in italia? Riferendosi a quanti vanno a messa ogni domenica ed a quanti sono cresimati

Postato da Antonio Salzano il 06/02/2013 19:25

Magari fosse un problema di comunicazione, potrebbe essere risolto in tempi brevi. Ma so di scoprire l'acqua calda e l'autore dell'articolo sa meglio di me quali sono i problemi della frattura,del fossato che si è creato tra la Chiesa popolo di Dio e la Chiesa gerarchica mai come oggi distante anni luce dalla comunità dei credenti. La Chiesa dei credenti che trova pastori degni di tale nome opera per il bene ed è presente nei territori, i preti di strada testimoniano il Vangelo circondati da comunità operose e vive. Ma il Vaticano è lontano...,parla un altro linguaggio molto più comprensibile al potere, a quel potere con il quale non intende mai compromettersi. Questa non è la Chiesa del Vangelo di Cristo, non è la Chiesa che ci piace.

Pubblicita

Autore del blog

Il Vangelo secondo gli italiani

Calendario

<<giugno 2022>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati