1 agosto 2010 - XVIII Tempo ordinario


Luca (12.13-21)

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontano da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».


Vanità della ricchezza

«Tenetevi lontani da ogni cupidigia» (Lc 12,15). In tempo di crisi, mentre i mercati fanno fatica a venir fuori dai guai provocati da chi diabolicamente ha considerato l’economia solo come profitto personale, l’invito del Maestro di Galilea sembra contrassegnato da altri umori, da altre condizioni. Dov’è la ricchezza? Chi può permettersi l’abbondanza in tempo di carestia, se non quei pochi che hanno concentrato la gran parte del bene comune nel loro egoistico forziere?

Tuttavia è proprio in questi tempi di crisi che si erge potente la parola del Maestro. Una parola che rimarca il susseguirsi degli avvenimenti che hanno descritto il declino della società opulenta, la rovina di chi avendo dimenticato il Vangelo ha investito la sua stessa vita solo nel benessere materiale.

Potente il richiamo di Gesù che ancora sigilla il percorso e il senso della vita su quei valori che rendono umano l’uomo e lo aprono alla compassione, alla condivisione, alla giustizia, alla distribuzione equa dei beni.

Il Maestro mette in guardia dalla provvisorietà del tempo e dalla follia di illudersi di poterlo fermare a forza di denaro: «Anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende dai suoi beni» (Lc 12,15) che un niente può disperdere come polvere al vento. Pur essendo necessario investire anche in sicurezza materiale, bisogna tenere un occhio vigile a ciò che nessuna ruggine può sciupare.

«Vanità delle vanità», dice Qoèlet, «vanità delle vanità, tutto è vanità» (1,2). Chi ha lavorato per accumulare sulla Terra dovrà lasciare comunque e comunque non vale la pena faticare una vita intera per lasciare tutto e non guadagnare nulla. L’insegnamento di Gesù di Nazaret provoca questo nostro tempo che ancora si lecca le ferite di un benessere economico dilapidato, aspettando che il benessere ritorni senza aver imparato che tutto era vanità.

Se l’inganno della ricchezza non produce giustizia, ma anzi rende più povero l’uomo, più vuoto di sé stesso, se rende tale sia chi abbonda perché è distratto dal suo destino, sia chi manca perché è costretto a essere privato delle sue possibilità, dei suoi sogni e quindi della sua dignità, non si può desiderare quel passato di svendita di umano come il meglio per l’uomo.

«Non mentitevi gli uni gli altri. Vi siete infatti spogliati dell’uomo vecchio con le sue azioni e avete rivestito il nuovo» (Col 3,9). E chi diventa uomo nuovo dà valore a ciò che conta, a ciò che resta e permette di rendere possibile il sogno che nonostante la “disonesta ricchezza” (Lc 16,9) si possa costruire un mondo dove è bello pensare che non ci sia il ricco e il povero, dove tutti abbiano la dignità di dire: ogni uomo è mio fratello.

Pubblicato il - Commenti ()

25 luglio 2010 - XVII Tempo ordinario


Luca (11,1-13)

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: “Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo ad ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione”». [...] Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto».


La tenerezza del Padre

«Signore, insegnaci a pregare» (Lc 11,1). Abbandonarsi a Dio e sentirsi protetti dall’amore del Padre è per il discepolo fonte di coraggio, certezza di essere sostenuti nell’ora della prova. Le parole non sempre, quasi mai, riescono a descrivere il bisogno di tenerezza e protezione di chi cerca in Dio l’abbraccio di fortezza. Le parole sono deboli quando tracciano percorsi che tentano di sfondare il cielo e provocare risposte alle domande di senso che il credente pone all’Alto. Tutta la Sacra Scrittura è un dialogo tra le nostre misere, fragili, contraddittorie parole e la Parola che non tradisce, che rende possibile la comunicazione impossibile tra il tutto e il niente.

Ma il discepolo chiede le parole adatte, capaci di sfondare il tempo e agguantare l’eterno. Non è follia che pretenda la risposta dal Dio degli eserciti e le parole adeguate per presentarsi dinanzi al roveto ardente senza rimanere fulminato dalla potenza di Dio. Il povero invoca e Dio l’ascolta, ripete il salmista, e la sua risposta è sollievo nella sofferenza, lotta per la giustizia, braccio teso in battaglia. Ma il Maestro di Galilea sorprende il povero che invoca.

Spiazza il discepolo che cerca parole per raccontare la vita al Signore degli eserciti, che resta il Dio della potenza, il totalmente Altro che pretende giudizio di bestemmia e debita condanna al solo pronunciare il suo nome. Gesù supera il desiderio delle parole richieste, accetta la sfida e provoca il discepolo a chiedere perché gli sarà concesso, a bussare perché gli verrà aperto, a cercare perché troverà ma a una condizione: aprirsi alla conoscenza vera di quel Dio a cui si rivolge perché mostrando il suo volto conceda la grazia. Pregare è mettersi nudi dinanzi alla verità di Dio, è abbandonarsi al suo progetto, è cercare il suo regno, è fare la sua volontà, è essere pronti a condividere il pane, benedizione di Dio, e disponibili a rendere il perdono.

Pregare è trovare le parole che insieme dicono la fedeltà del discepolo e la consapevolezza di potersi fidare di un interlocutore che non mente, non tradisce, non abbandona, non vuole la morte del peccatore ma che trovi la strada per tornare a casa. Il Maestro sconvolge i suoi compagni quando, avendogli chiesto: «Insegnaci a pregare», più che parole consegna l’assurdo del Vangelo: Dio ti è padre, tuo padre, anzi di più, Abbà, babbo, papà. Balbettio di tenerezza che solo un bimbo riesce nella sua semplicità a pronunciare, pronto a cercare la carezza della guancia paterna che sfiora la propria, a sentire le sue braccia potenti tirarlo in alto al petto e avvolgerlo di sicurezza. Quando pregate dite: «Padre», e lasciatevi fasciare dalla tenerezza di un Dio diverso.

Pubblicato il - Commenti ()

18 luglio 2010 - XVI domenica Tempo ordinario


Il servizio e l’ascolto

«Una sola è la cosa di cui c’è bisogno. Maria si è scelta la parte migliore » (Lc 10,42). Le sorelle di Lazzaro, Marta eMaria, aprono la loro casa all’amico Gesù. Il Maestro sa che ogni volta che passerà da Betania potrà bussare alla loro porta e troverà rifugio, calore familiare. Un affetto consacrato da parole di verità, dalla ricerca sincera di uno scambio fiducioso, aperto alla compassione. Con gli amici ci si scambia la vita, ma se si sceglie di essere compagni di Gesù, si sceglie la sua Parola.
Accettare la proposta di colui che ripete «Vi ho chiamato amici» (Gv 15,15) è aprirgli la propria casa, come Marta e Maria. Accoglierlo è liberare l’ingresso alla Parola che in diverso modo colora di senso la vita e la orienta al bene.
Diverso modo di indirizzare la propria esistenza rispondendo con la propria singolare storia alla proposta esigente dell’amico, così come le due sorelle nel diverso atteggiamento, in ascolto del Verbo, sembrano ripetere: «La tua parola, Signore, è verità: consacraci nel tuo amore» (Gv 17,17.19).
Diverso darsi e dire, ma non opposto, il porsi di Marta e Maria descrive percorsi di ricerca, modalità di risposta alla Parola. Entrambe sono comunque al suo servizio, entrambe sono beate perché custodiscono la parola di Dio che porterà copioso frutto.
La Parola resta al centro, in ogni caso. Per chi accoglie l’invito del Maestro solo la Parola, la sua, rimane il motivo centrale dell’amicizia con lui. Se da discepolo, e perciò da amico, pensassi di convertire il mondo senza essere compromesso dall’ascolto del Verbo, se volessi comprendere il mio itinerario credente lontano dalla Parola, tradirei la sua amicizia.
Marta si lamenta della mancanza di Maria, tutta presa dalla voce di Gesù, affascinata dalle sue parole di verità. Pensa, e non sbaglia, che ospitalità sia mettersi al servizio, indossare il grembiule della disponibilità, apparecchiare la tavola della condivisione, lavare i piedi della compassione. Ma il richiamo del Maestro rimanda al dovere di orientare ogni cosa in ragione della sua Parola.
Troppo impegnati a decidere se un cristiano debba essere dedito alla vita contemplativa o al servizio dei fratelli si perde di vista che chi sceglie il Maestro di Galilea, sceglie comunque la sua Parola. Sceglie l’ascolto, l’abbandono e, grazie alla Parola, sceglie anche il servizio ai fratelli, la corsa entusiastica del Vangelo gridato con la vita. La parte migliore che Maria si è scelta non è una fuga dal servizio ma il necessario spazio di silenzio, libertà di parole da acchiappare per dare senso a tutto il resto.
Mentre il mondo ci dice che siamo vivi solo se ingurgitiamo il tempo, il Vangelo lancia la sfida a un tempo significativo in armonia con la Parola.

Luca (1038-42)

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, sedutasi ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Pubblicato il - Commenti ()

11 luglio 2010 - XV domenica Tempo ordinario


Chi è il mio prossimo?

«Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?» (Lc 10,25). Come per dire: cosa devo fare per essere felice? La domanda posta dal dottore della Legge sfonda il muro della presunzione di chi pensa che a forza di norme sia possibile trovare risposta al senso della vita. Amare Dio sopra ogni cosa, amare il prossimo come sé stessi, questo il comandamento per ereditare la felicità. La legge trova la sua sintesi perfetta nello svolgimento ordinato della vita di ogni uomo che provocata dal futuro avanza nel presente a ritmo dell’amore, verso l’Amore. Dio è primo, tuttavia nella esperienza umana Dio si svela dopo gli uomini, dentro gli uomini.
Il bambino incontra prima il volto della madre. Sarà lei a presentargli Dio che, primo come assoluto, nell’esperienza umana arriva attraverso gli altri. Ecco perché non posso amare Dio che non vedo se non amo gli altri che mi stanno accanto (cf. 1Gv 4,20). Il comandamento va oltre e racconta di un amore possibile, dato all’altro perché originato da un sé riconosciuto e riconoscibile: ama l’altro come te stesso, a dire che nessuno può dare agli altri quello che non ha. Posso amare se mi accetto, se mi voglio bene, se sono in armonia con me stesso, se conoscendomi riesco anche a perdonarmi. In tal caso amare Dio passa attraverso il sé, amare l’altro ugualmente è dono di sé.
Ma chi è il mio prossimo? Il Maestro non sfugge all’interrogativo e mentre riannoda il passato della legge, consegna il comandamento nuovo, forte di un amore uguale al suo, un amore capace di compassione. La parabola del samaritano è la tragedia di un inganno risolto grazie alla gratuità. Il sacerdote e il levita passano oltre colui incappato nel dolore, come tanti che parlano di giustizia e di fraternità, ma non la praticano. Un diverso per razza e religione si lascia invece provocare dal dolore innocente e riconosce nell’afflitto l’umano che gli appartiene. La conseguenza è la pietà, che muove il miracolo dell’abbondanza in tempo di carestia.
Il Maestro porta all’estrema conseguenza la sua rivoluzione. Chi è il prossimo? Colui che ha bisogno, che è aggredito, lasciato da solo agonizzante. Ovvio, chi altro. Ma la domanda del Maestro sconvolge: chi è il prossimo dell’aggredito? Chi è il prossimo del povero? E così facendo capovolge i ruoli dei protagonisti, anzi rende entrambi ugualmente protagonisti: il mio prossimo non è solo chi riceve perché è nel bisogno, ma anche chi dona è prossimo di chi è nel bisogno e gli rende la gioia di servirlo.
Forse c’è grande consolazione nel rendersi disponibili verso quanti sono nel dolore, ma è esaltante superare le barriere perché gli altri amandomi scoprano nel dono le frontiere splendenti della gioia.


Luca (10,25-37)

In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai». Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto».

Pubblicato il - Commenti ()

4 luglio 2010 - 14° Domenica Tempo Ordinario

Luca (10,1-12.17-20)  

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”.    

    
Messaggeri  della Parola

 
«Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi» (Lc 10,3). Il coraggio dell’annuncio si coniuga con il rischio. Il discepolo ha imparato alla scuola del Maestro di Galilea la gioia di gridare al mondo la verità che ha ricevuto, ma anche la consapevolezza che non sempre, non tutti sono disponibili ad accogliere la parola di verità.      
L’imperativo assoluto del Vangelo è partecipare agli altri ciò che si è ricevuto,       rendere   consapevoli tutti gli uomini che «è vicino il regno di Dio» (Lc 10,11). Regno sta per promessa mantenuta, per liberazione offerta ai prigionieri, per avvento dell’anno di grazia del Signore. È la profezia che diventa carne, sostanza degli avvenimenti, storia rinnovata per amore e solo per amore. Regno sta per acquisizione di un nuovo linguaggio per dire vita, di un’esperienza che superi il tormento del passato provocato da una relazione malata tra Dio e l’uomo, che impediva di leggere nella verità la tenerezza del Padre che ama e perdona: «Come una madre consola un figlio, così io vi consolerò» (Is 66,13).
L’annuncio gioioso della festa ritrovata è l’unica sostanza che riempie la bisaccia del messaggero, è l’unica ricompensa, è l’unico potere che lo spinge a cercare nuovi compagni d’avventura. Fedele al mandato ricevuto  consegna la Parola non sua, la vive come propria, la protegge come tesoro geloso, non la confonde con le parole vacue del mondo,  non la scambia con nessun’altra.  
A chi consapevolmente, provocato dalla testimonianza del discepolo, l’accoglie è data la pace.  A chi si oppone al Verbo l’oscurità di senso e il giudizio del messaggero: «Anche la polvere della vostra città che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi» (Lc 10,11).
I messaggeri della Parola sanno di essere agnelli in cerca di altri agnelli, pronti come loro a far parte del gregge per superare definitivamente i giorni di lutto.   Agnelli consapevoli   di dover fare i conti con il branco sciolto di lupi feroci, pronti a contrastare il passo gioioso del messaggero di Dio,  a rubargli parole e trasformarle da entusiastica speranza in agonia.
Il discepolo sa che deve affrontare il buon combattimento dell’annuncio con il coraggio della fede per confondere i lupi di ogni tempo. La testimonianza dei settantadue di allora, e di quelli di oggi, sarà creduta se essi saranno credibili, se la verità del Verbo si sposerà con la loro verità sofferta, ricercata a tutti i costi, superando ogni ostacolo e tentazione. Né sicurezza umana, né tornaconto personale potranno mai favorire la corsa del Vangelo: i piedi del messaggero correranno liberi se il suo vanto sarà la libertà provocata dal primo comandamento: «Non avrai altro Dio all’infuori di me».       

Pubblicato il - Commenti ()

Pubblicita

Autore del blog

Rito romano

In queste pagine potete trovare il commento alla liturgia domenicale e festiva secondo il RITO ROMANO, curata dal cardinale Dionigi Tettamanzi. 

Calendario

<<febbraio 2024>>
lmmgvsd
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati