23
ott

Aerare la casa con la nebbia: i falsi miti

La nebbia è un inequivocabile sintomo che l’umidità relativa dell’aria in quel luogo e in quell’istante  ha raggiunto il valore del  100%.  Ricordiamo che l’umidità relativa indica non tanto quanti grammi di vapore ci sono nel volume d’aria considerato ma piuttosto quanto l’aria sia più o meno vicina alla saturazione: ad esempio, una umidità relativa del 70% significa che alla massa d’aria manca ancora, a quella temperatura, il 30%, per diventare satura e quindi condensare sotto forma di nebbia o di nube.

La casalinga che, al primo mattino, vuole aprire le finestre per cambiare l’aria, potrebbe di conseguenza pensare che, se lo facesse, l’umidità in casa aumenterebbe.

Niente di più sbagliato!

In effetti negli ambienti chiusi con  una temperatura interna  di 20 °C e umidità relativa intorno 60% - i valori ottimali  dal punto di vista del confort fisiologico -  l’umidità assoluta reale, a quella  temperatura, equivale a circa 12.5 grammi di vapore per  metro cubo di aria. Supponiamo allora che, con tali iniziali condizioni, in una mattina nebbiosa con aria esterna a zero gradi (e quindi umidità assoluta  pari a 4.5 grammi per metro cubo), decidiate di aprire le finestre per il ricambio dell’aria, e supponiamo che, a seguito di tale azione, la temperatura dei locali  scenda fino 10 °C.

Il rimescolamento  tra il metro cubo di nebbiosa aria esterna con contenuto di 4.5 grammi e quella  interna,  inizialmente con 12.5 grammi per metro cubo darà luogo, all’interno dell’ambiente, a una nuova massa d’aria, il cui contenuto di vapore sarà, ovviamente, all’incirca la media dei due valori ovvero circa  9 grammi metro cubo.

Conclusione: l’aria  nei locali appena aerati passerebbe dai 12.5 grammi per metro cubo ad appena  9 grammi: insomma diventerebbe più secca di quella preesistente.

Paradossale, vero? È chiaro allora che le casalinghe che nelle giornate nebbiose non aprono le finestre, nel timore che entri in casa troppa umidità, in realtà compiono un madornale errore!

Pubblicato il 23 ottobre 2012 - Commenti (0)
20
gen

Fine settimana senza freddo, neve e nebbie

Un fine settimana scialbo, dal punto di viste meteo, nonostante il passaggio di due perturbazioni atlantiche. La prima perturbazione, giunta ieri, giovedì, al Centro nord, insisterà sull’Italia anche oggi e domani; la seconda arriverà domenica con riflessi anche sul lunedì. Entrambi le perturbazioni, però, saranno sospinte da forti correnti nord occidentali le quali però, costrette ad aggirare la barriera alpina, lasceranno all’asciutto il Nord Italia, per raggiungere, invece, le regioni centro-meridionali, ma con pochi fenomeni di rilievo. In compenso, le miti e intense correnti Nord atlantiche terranno lontane il gelo e le nebbie e faranno risalire ovunque le temperature.

Ma ecco nei dettagli il tempo che farà da venerdì 20 a lunedì 23 gennaio.

Venerdì: rasserena sulle regioni di Nordovest per arrivo di venti di Foehn; nubi sul resto d’Italia; nevicate sulle Alpi di confine; piogge su Lazio, Est Sardegna e tutto il Sud, tranne la Sicilia. Ventoso con mare mosso sul Medio Tirreno (e quindi anche sull’Isola del Giglio) per venti di Ponente e sulla Sardegna per Maestrale.

Sabato: sereno su regioni di Nordovest; regioni tirreniche, Est Sardegna; un po’ di innocue nuvole sul resto d’Italia; nevicate sulle Alpi di confine centro-orientali; qualche pioggia sul Nordovest della Sardegna. Ventoso con mare mosso sul Medio Tirreno (e quindi ancora anche sull’Isola del Giglio), sulle Isole e al Sud per venti di Maestrale

Domenica: sereno su quasi tutto il Nord, Liguria, Toscana, Sardegna, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria ionica; nubi sul resto d’Italia; piogge su Campania, Ovest Sicilia. Ventoso per Maestrale sulle Isole.

Lunedì: molte nubi al Sud e sulle Isole; poco nuvoloso o nuvoloso sulle regioni centrali, sereno sul Nord Italia. Piogge deboli, su Lazio, Campania, Calabria tirrenica, Ovest Sicilia, Ovest Sardegna. Ventoso sulle Isole e al Sud. 

                                                                                                         www.meteogiuliacci.it

Pubblicato il 20 gennaio 2012 - Commenti (0)
27
dic

Troppa nebbia in pianura padana?

Piazza Duomo a Milano avvolta nella nebbia.
Piazza Duomo a Milano avvolta nella nebbia.

A fine anni ’70 riscosse grande successo il programma TV “Portobello”, condotto dall’indimenticabile Enzo Tortora e nella quale erano ospiti eclettici inventori in erba.
In una puntata della rubrica, fece a lungo notizia la strana proposta di un signore di Milano: abbattere il Turchino, il baluardo montuoso che separa la Valpadana dalla Liguria, onde consentire all’aria nebbiosa che affligge le pianure del Nord Italia, di trovare una via di fuga verso il Ligure.
L’inventore tenne a lungo in scacco “gli addetti ai lavori” perché tra costoro non vi fu nessuno che fosse riuscito a trovare validi argomenti per smontare la colossale bufala. Eppure la risposta per liquidare la strampalata idea era semplice!

Eccola: l’aria contenuta nella Pianura Padana si può immaginare come confinata in uno scatolone alto circa 15 km, lungo circa 400 km, largo 200 km. L’abbattimento del Turchino avrebbe creato in tale “scatolone” d’aria una fessura di circa 2 km quadrati, ovvero una finestra ininfluente sul ricambio di aria in Val Padana.
Infatti, fatte le dovute proporzioni, è come pretendere di ricambiare l’aria in un locale alto 15 cm, lungo 4m e largo 2m, con un foro di appena 1/10 di millimetro quadrato!

Pubblicato il 27 dicembre 2011 - Commenti (0)
02
dic

Prima le nuvole... poi sole per il ponte

L’avanguardia di una debole perturbazione atlantica ha raggiunto oggi, venerdì 2, il Nord Italia e le regioni tirreniche, con venti di Libeccio. La perturbazione attraverserà, sabato 3, il Nord dell’Italia per poi raggiungere, domenica 4, anche il Centro sud. Lunedì ancora nuvole sulle Alpi e sulle regioni tirreniche per un’altra debole perturbazione, la quale poi martedì, interesserà le regioni adriatiche. Poi, mercoledì e giovedì, tornano l’alta pressione, il bel tempo ovunque, ma anche le nebbie al Nord. Venerdì sera probabile nuovo peggioramento al Nord.



Ma ecco in dettaglio il tempo per i prossimi giorni:

Venerdì 2: nubi al Nord e regioni tirreniche; qualche pioggia su Liguria, Lazio, Campania, Alta Toscana.

Sabato 3: ancora nuvole al Nord e regioni tirreniche; piogge su Levante ligure, Alta Toscana, Alpi centro-orientali, Friuli, Venezia Giulia, , Campania.

Domenica 4: molte nubi al Nord; poco nuvoloso o nuvoloso sul resto d’Italia; qualche pioggia su Lazio,Campania, Nord Sardegna.

Lunedì 5: nubi su Alpi, regioni tirreniche, Sardegna. Qualche pioggia su regioni tirreniche.

Temperature

Martedì in calo al Nord e poi, venerdì anche al Centro.

Pubblicato il 02 dicembre 2011 - Commenti (0)
25
nov

Nebbie al Nord, migliora il tempo al Sud

Alta pressione per il fine settimana su quasi tutta l’Italia
Alta pressione per il fine settimana su quasi tutta l’Italia

L’alta pressione attualmente sul Nord Italia tende in questo fine settimana ad estendersi a tutta l’Italia, favorendo il bel tempo su quasi tutta la penisola ma, nello stesso tempo, riportando in grande stile le nebbie nella pianura padano-veneta e aggravando il problema dell’inquinamento sulle metropoli del Nord.
Tuttavia lunedì una debole perturbazione atlantica poterà un po’ di nubi su gran parte del Nord Italia con conseguente temporaneo allentamento della morsa delle nebbie e degli inquinanti in pianura padano-veneta; nubi anche sulle Isole per una perturbazione nord africana.
 Martedì torna ancora l’alta pressione con bel tempo su tutto il Centronord ma di nuovo con le nebbie al Nord, mentre la perturbazione Nord Africana porterà nuvole su tutto il Meridione.
Mercoledì migliora al Sud; peggiora invece al Nord, ma si allontanano le nebbie, per una nuova più intensa perturbazione atlantica.
Giovedì bel tempo al Nord, senza nebbie; nubi invece sul Medio Adriatico e al Sud per il passaggio della perturbazione atlantica.
Venerdì migliora quasi ovunque ma tornano l’alta pressione e le sue immancabili dame di compagnia – le nebbie- in pianura padano-veneta.

Temperatura

In rialzo nei valori massimi diurni sul Nord Italia e sulle regioni tirreniche.

Ma ecco i dettagli del tempo fino a lunedì


Venerdì 25: nubi su Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Lucania, Calabria, Est Sicilia, Est Sardegna. Nebbie sparse in Valpadana di notte e al primo mattino. Qualche pioggia su Molise, Foggiano, Lucania, Calabria ed Est della Sardegna.

Sabato 26: nubi su Alpi centro-orientali, Puglia, Calabria, Sud Sicilia. Nebbie in Pianura padana di notte e al primo mattino.

Domenica 27: sereno quasi ovunque. Nebbie diffuse e persistenti in Pianura padano-veneta.

Lunedì 28: sereno su Alpi e regioni centrali. Nubi in Valpadana, Liguria, Basso Lazio, Sardegna e su tutto il Meridione. Qualche pioggia sul Sud della Sardegna.

Pubblicato il 25 novembre 2011 - Commenti (0)
22
nov

Meno umido in casa con la nebbia

La nebbia è un inequivocabile sintomo che l’umidità relativa dell’aria, in quel luogo e in quell’istante, ha raggiunto il valore del 100%. Ricordiamo che l’umidità relativa indica, non tanto quanti grammi di vapore ci sono nel volume d’aria considerato, ma piuttosto quanto l’aria sia più o meno vicina alla saturazione: ad esempio, un’umidità relativa del 70% significa che alla massa d’aria manca ancora, a quella temperatura, il 30%, per diventare satura e condensare sotto forma di nebbia o di nube. La casalinga che, al primo mattino, vuole aprire le finestre per cambiare l’aria, potrebbe di conseguenza pensare che, se lo facesse, l’umidità in casa aumenterebbe. Niente di più sbagliato! In effetti, negli ambienti chiusi con una temperatura interna di 20 °C e umidità relativa intorno 60% (i valori ottimali dal punto di vista del confort fisiologico), l’umidità assoluta reale, a quella temperatura, equivale a circa 12.5 grammi di vapore per metro cubo di aria.

Supponiamo allora che, con tali condizioni iniziali, in una mattina nebbiosa con aria esterna a zero gradi (e quindi umidità assoluta pari a 4.5 grammi per metro cubo), decidiate di aprire le finestre per il ricambio dell’aria, e supponiamo anche che, a seguito di tale azione, la temperatura dei locali scenda ad un valore di 10 °C. Il rimescolamento tra il metro cubo di aria nebbiosa esterna contenente 4.5 grammi con quella interna, inizialmente contenente 12.5 grammi per metro cubo, darà luogo, all’interno dell’ambiente, a una nuova massa d’aria, il cui contenuto di vapore sarà, ovviamente, intorno alla media dei due valori, ovvero circa 9 grammi per metro cubo. In conclusione: l’aria nei locali appena aerati passerebbe da un contenuto di 12.5 grammi per metro cubo ad appena 9 grammi, insomma diventerebbe più secca di quella preesistente. Paradossale, vero? È chiaro allora che le casalinghe, che nelle giornate nebbiose non aprono le finestre, nel timore che entri in casa troppa umidità, in realtà compiono un madornale errore!

Pubblicato il 22 novembre 2011 - Commenti (0)
18
nov

Ancora bel tempo fino a domenica

Per il fine settimana sull’Italia insisterà un’alta pressione
Per il fine settimana sull’Italia insisterà un’alta pressione

Insistono le nebbie in Pianura Padana

Fino a domenica, l’Italia seguiterà ad essere abbracciata da un’alta pressione, la quale oltre a favorire il bel tempo, propizierà però ancora la formazione di nebbie in Pianura Padana e nelle valli del Centro.
Poi, intorno a lunedì, il tempo tenderà a rannuvolarsi e tra martedì e giovedì arriveranno anche le piogge al Centrosud e Liguria, a causa di una perturbazione in arrivo dalla Spagna. Ma poi, nel fine settimana, probabile ritorno dell’alta pressione, del bel tempo e delle immancabili nebbie.

Temperature

Un po’ freddo di notte e al mattino al Centronord. Ma, da lunedì, temperature notturne e mattutine in rialzo; temperature massime diurne invece in calo.

Ma ecco i dettagli del tempo fino a lunedì

Venerdì 18: sereno quasi ovunque; nebbie in Valpadana e valli del Centro.

Sabato 19: un po’ di nubi lungo le coste liguri, toscane e laziali; molte nubi in Sardegna e Sicilia. Qualche pioggia su Sud Sardegna. Nebbie in Pianura Padana e valli del Centro.

Domenica 20: sereno su Alpi e regioni di Nordovest; un po’ di nubi sul resto d’Italia; nebbie in Pianura Padana; qualche pioggia su Sud Sardegna, Est Sicilia, Bassa Calabria.

Lunedì 21: nubi su quasi tutta l’Italia, tranne Dolomiti e Venezie. Qualche temporale in Sardegna; piogge su Medio-bassa Toscana, Bassa Calabria.

Pubblicato il 18 novembre 2011 - Commenti (0)
11
nov

Nebbie protagoniste per molti giorni

Posizione dell’alta pressione alle ore 02.00 di domenica 13 novembre
Posizione dell’alta pressione alle ore 02.00 di domenica 13 novembre

Nuvole e piogge dalla seconda metà della prossima settimana


Sull’Italia si è affacciata di nuovo un’alta pressione e con essa è tornato il bel tempo su gran parte della penisola.
Ma si sa, le alte pressioni favoriranno nei prossimi 5-6 giorni, oltre che la serenità del cielo, la presenza di fitte nebbie nella pianura padano-veneta e nelle valli del Centro.
Ma poi, intorno al 17-18 novembre, il tempo probabilmente si guasterà per l’arrivo di una perturbazione dalla Spagna, la quale, tra venerdì 18 e domenica 20, porterà piogge in prevalenza al Nord e sulle regioni tirreniche. Le piogge, sabato 19, potrebbero essere forti su Piemonte e Ponente ligure.

Temperature

Un po’ di freddo al mattino nelle pianure del Nord.

Ma ecco in dettaglio il tempo per i prossimi giorni

Venerdì 11: nubi su Venezie, Medio-basso Adriatico, Calabria, Lucania. Nebbie in Pianura Padana. Qualche rovescio pomeridiano su Calabria, Salento. Sereno sul resto d’Italia.

Sabato 12: un po’ di nubi sparse su Medio-basso Adriatico e regioni ioniche. Qualche rovescio su Sicilia ionica. Nebbie in pianura padano-veneta e valli del Centro.

Domenica 13: un po’ di nubi sui rilievi calabro-lucani; nebbia in pianura padano-veneta e valli del Centro; sereno sul resto d’Italia.

Lunedì 14: un po’ di nubi sui rilievi del Sud; nebbia in pianura padano-veneta e valli del Centro. Sereno sulle altre regioni.

Pubblicato il 11 novembre 2011 - Commenti (0)
28
ott

Bel tempo, ma occhio alle prime nebbie!

Un’alta pressione poterà il bel tempo su quasi tutta l’Italia ma anche le prime nebbie
Un’alta pressione poterà il bel tempo su quasi tutta l’Italia ma anche le prime nebbie

Il tempo da venerdì a lunedì

Farà bel tempo su gran parte dell’Italia almeno fino a venerdì 4 novembre. Unica eccezione le Isole che tra venerdì e lunedì saranno sotto l’influenza di una perturbazione africana. Un po’ di nuvole anche sul Nord Italia nella giornata di martedì per il passaggio di un perturbazione atlantica a Nord della Alpi. La prevalenza del bel tempo sarà merito di un’alta pressione la quale appunto insisterà su gran parte dell’Italia almeno per i prossimi 7-8 giorni. Ma la presenza dell’alta pressione favorirà anche il ristagno di umidità in prossimità del suolo, con conseguente comparsa delle prime nebbie notturne e mattutine nella Pianura Padana e nelle valli del Centro.

Temperatura

Senza variazioni significative e comunque nella norma.

Ma ecco in dettaglio il tempo nei prossimi giorni:

Venerdì 28 ottobre: nubi su Piemonte, Val d’Aosta, Liguria, Bassa Lombardia, Lazio, coste di Toscana-Marche, Abruzzo, Molise, Lucania, Isole. Qualche pioggia su Est di Sardegna-Sicilia. Sereno sul resto d’Italia.

Sabato 29: nubi su Piemonte, Bassa Lombardia, Trentino, Emilia, Romagna, Toscana, interno Lazio, Marche, Abruzzo, Molise, Salento, Isole. Rovesci su Sardegna.

Domenica 30: molte nubi su Basso Lazio, Molise, Lucania, Campania, Calabria, Isole. Nubi anche su Media Toscana, Emilia, Romagna, Val d’Aosta, Verbano, Laghi lombardi. Rovesci su Sicilia e Sud Sardegna.

Lunedì 31: un po’ di nubi Piemonte, Lombardia, Bassa Emilia, Romagna, Marche, Campania, Calabria, Isole. Rovesci sulla Sicilia.

Pubblicato il 28 ottobre 2011 - Commenti (0)

Pubblicita

Autore del blog

Il meteo di Giuliacci

Col. Mario Giuliacci

Mario Giuliacci è un meteorologo, personaggio televisivo e colonnello italiano. È laureato all'Università La Sapienza di Roma. È autore di diversi libri sulla meteorologia. Attualmente cura su LA7 la rubrica del meteo per il fine settimana.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati