10
dic

Cari adulti vi scrivo...

Sono uno studente liceale di Benevento. Le scrivo come cittadino e affezionato lettore per esprimere la mia delusione per i numerosi scandali cui assistiamo ogni giorno. Stiamo sprofondando nell’abisso. Posso farle un elenco: corruzione negli organi democratici, evasione fiscale, delinquenza, malfunzionamento delle strutture pubbliche, disinteresse da parte dei cittadini alla politica, mancanza di lavoro e di meritocrazia, mezzi di informazione sottomessi a forze politiche ed economiche, un sistema fiscale non equo, istituzioni gestite da uomini corrotti ed egoisti, collusi con mafia e criminalità organizzata… È anche vero che queste persone sono state votate dagli italiani. Nonostante tutto, io voglio guardare al domani con speranza. Ho l’obbligo di impegnarmi con tutte le mie forze perché le cose cambino. Come me, molti giovani nutrono lo stesso auspicio. A chi ci governa e agli adulti chiediamo di non deludere le nostre aspettative. E di restituirci, con esempi migliori, l’orgoglio di essere italiani.

Mario Z.

Il tuo atteggiamento, caro Mario, è quello giusto. Non basta lamentarsi di ciò che non funziona. O fare la “lista della spesa” degli scandali che ci sprofondano nell’abisso. Occorre reagire e impegnarsi in prima persona, senza rilasciare deleghe in bianco. È facile aggregare e strumentalizzare il malcontento, per alimentare l’antipolitica. Ma la sola protesta, senza un progetto, non porta lontano. Contribuisce, anzi, a disgregare il Paese. Più di quanto non lo sia già. Sebbene voi giovani siate delusi dai pessimi esempi di noi adulti, non è tempo di mollare. Rendetevi protagonisti del cambiamento. Questi nostri politici, da soli, non si scolleranno mai dalle poltrone. Da veri camaleonti, sono furbi e lesti nel riciclarsi.

Pubblicato il 10 dicembre 2012 - Commenti (8)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da branda il 12/12/2012 12:00

Caro Andrea Annibale, posso chiederti senza alcun intento polemico come tu possa conciliare nella tua anima il voto all'UDC (Cuffaro, CL, Formigoni e quant'altro...) e la pratica del Vangelo? O del Vangelo non t'importa più nulla?

Postato da Andrea Annibale il 11/12/2012 16:58

Ormai, sparare a zero sui politici e sul “sistema” è diventato uno sport fin troppo facile. La mia insegnante di lettere al Liceo Vittorio Alfieri di Torino nei lontani anni ’80 diceva – giustamente – che si deve distinguere tra sistema politico, sistema economico, ecc. e non parlare in termini generici di “sistema”. Era una delle poche insegnanti cattoliche che avevamo e io allora militavo nella FGCI (Federazione Giovanile Comunista Italiana). Oggi sostengo Monti e l’UDC (sempre più in crisi nei consensi, stando ai sondaggi e di questo mi dispiaccio). In questi decenni passati abbiamo avuto garantito un certo benessere economico, una certa libertà ed una situazioni di pace sociale e militare. Cose da non sottovalutare. Va tutto male per colpa dei politici? Non direi. Certo, c’è chi non è stato all’altezza della crisi ma la crisi l’hanno creata i mercati, non i politici. E’ una crisi del sistema economico, internazionale, prima di tutto contro la quale nessuno può fare miracoli. Aborrisco i toni derisori e infamanti che vengono usati contro chiunque abbia sbagliato. Certo, c’è chi è in mala fede ed è questa mala fede, più di ogni altra cosa, che, a mio modesto avviso, va denunciata. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

Postato da branda il 11/12/2012 11:02

Fatta la tara alla forma, la sostanza è quella che ci vuole. Meraviglioso: http://tv.liberoquotidiano.it/video/109131/Il_delirio_del_prete___Dio__porta_il_Cav_all_inferno_.html#.UMcCU7Lv_Yg

Postato da santrev il 10/12/2012 21:10

Caro Mario se un giorno entrerai a far parte del Parlamento, diffida di coloro che girano con il portafoglio aperto in mano cercando il consenso di qualche collega parlamentare che possa sostenere la sua maggioranza! Come vedi anche oggi, questa gente non ha nemmeno il senso della vergogna e si ripropone, anche perché trovano qualcuno disposto a sostenerli. E poi diffida e non farti atrofizzare le idee da qualcuno che ti dica,"Ghe pensi mi"

Postato da Libero Leo il 10/12/2012 19:01

"Da veri camaleonti, sono furbi e lesti nel riciclarsi.". Parole sacrosante! Mi fanno pensare al PCI poi PDS poi DS e poi PD. Forse ho dimenticato qualche riciclo. Ma la sostanza è sempre la stessa: statalismo, tasse, invidia e, seppur nascosta, lotta contro la chiesa Cattolica. Ha ragione don Sciortino. Sono veramente "furbi e lesti nel riciclarsi". E molti non se ne accorgono o, per interesse personale, fingono di non accorgersene.

Postato da Andrea Zilio il 10/12/2012 12:31

Sono scoraggiato, sfinito. Le sue sacrosante parole, che ripete da sempre e chissà per quanti anni ancora, chi le ascolta? Vede risultati? La storia è maestra, e si ripete. All'apice della disgregazione sociale e della prepotenza di pochi, solo fatti tremedi possono scuotere la mansuetidine dei molti. Che si ribelleranno furiosamente. Ci siamo, quasi. Allora torneremo a inginocchiarci, a pregare, a piangere, a invocare, riscoprire la fede perduta. L'umanità perduta. Ma a che prezzo? Ci chiederemo: ma come è stato possibile che non ce ne siamo accorti, che non ci siamo alzati in piedi prima?

Postato da martinporres il 10/12/2012 11:47

E' la ruota della vita. Ho conosciuto tante persone che da giovani dicevano di volere cambiare il mondo. Poi da adulti sono peggio di chi li ha preceduti.

Postato da Argonauta54 il 06/12/2012 15:58

Ce poco da commentare, una chiara e sincera espressione proveniente dal mondo giovanile immacolato del Sud dovrebbe far uscire le lacrime di pentimento alla politica che non ha voluto pianificare al meglio il futuro del Paese, Verrà un giorno che le loro coscienze assopite dal gozzovigliare di beoni e spendaccioni, ladri e truffatori si risveglieranno e tremeranno per il sangue innocente delle ingiustizie perpetrate alla povera onesta gente.

Pubblicita

Autore del blog

Don Sciortino risponde

Don Sciortino

Don Antonio Sciortino è il direttore responsabile di Famiglia Cristiana. In questo blog affronterà le tematiche riguardanti la famiglia e le questioni sociali, dalla disoccupazione, all'immigrazione all’impegno dei cristiani.

Calendario

<<giugno 2022>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati