11
gen

Ieri pompieri, oggi incendiari

Il movimento leghista mi fa irritare. Dopo essere stati al Governo per otto anni, criticano e si comportano come se fossero sempre stati all’opposizione. Ho settantasette anni e ho sempre fatto del volontariato, fin da ragazzino nell’Azione cattolica. Ora, in politica, non si capisce più niente. Prevale solo la logica clientelare. Si bada agli interessi personali. E anche i cattolici non sono da meno. Manca quella formazione morale, che avevamo noi dell’Ac, per vivere da cittadini responsabili. Mi colpisce, infine, la contraddizione del movimento leghista. Per criticare l’attuale Governo si appellano alla Costituzione. Ma sono gli stessi che hanno dileggiato bandiera e inno nazionale. Purtroppo, tra tanta accondiscendenza. Anche da parte della Chiesa. 

                                                                                                                   Igino - Firenze

Potrei cavarmela dicendo che quelli che ieri erano i pompieri, oggi sono gli incendiari. E anche tanto maldestri. Hanno fatto passare gli elefanti e ora strillano per un moscerino. Chi ha onestà intellettuale, sa giudicare. Molti, in passato, hanno taciuto per viltà o compiacenza. Derubricando a goliardate atti di vera inciviltà. Oggi, paghiamo il prezzo del silenzio e della mancanza di coraggio. Così, il degrado civile ed etico ha corroso la società. A ognuno le proprie responsabilità.

Pubblicato il 11 gennaio 2012 - Commenti (14)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da brunoi il 18/01/2012 15:31

Caro Salis, ti faccio notare che Don Mazzi in un dibattito alla Versiliana disse che i seminari minori sono superati e non piu' adatti ai nostri tempi.Direi che ha detto una cosa scontata perche tali seminari sono scompoarsi quasi ovunque. Di tuo poi hai aggiunto che nei seminari si fa' una lettura non autentica dei libri sacri e si forma all'obbedienza e al culto della personalita' delle altre sfere Papa in testa. Ti consiglio di suggerire come testi formativi dei futuri preti, la Bibbia dei Testimoni di Geova o quella dei Mormoni. Ritengo inoltre che l'obbedienza al Papa preserva noi cattolici da deviazioni cosi frequenti nelle chiese protestanti. Nel 1700 in Svizzera nacque una nuova Chiesa a casua di una disputa sulle ali degli angeli. Infine ipoizzi che nel catechismo cattolico ci sia lo zampino del demonio. A questo punto cosa aspetti a cambiare Chiesa?

Postato da folgore il 16/01/2012 21:59

Classico da Italia attuale! In questo caso avevo solo detto che la scomunica non può essere data quando gli pare al Papa, ma in casi specifici. Che la Lega Nord (come il PDL, peraltro) non raccolga simpatie tra la maggior parte di chi scrive qui è un dato di fatto e questo ho detto. In quanto ai fratelli che sbagliano etc, beh....lasciamo perdere che non vedo molti che possano dare lezioni (cfr. le parabole del fariseo e del pubblicano e la vicenda dell'adultera e di chi voleva lapidarla per avere un raffronto di certe affermazioni....).

Postato da luciocroce il 16/01/2012 19:21

Malgrado mi impegni a fondo - e pur comprendendo alcune motivazioni originarie della Lega - faccio fatica a capire come, dopo decenni di leghismo, ci siano ancora credenti in buona fede che lo difendano a spada tratta; passi per gli atei devoti, la cui adesione al cattolicesimo è meramente strumentale, passi per chi crede in una religione essenzialmente civile, che non può non avere obiettive difficoltà ad accettare gli insegnamenti di Cristo; ma il normale credente, come fa a trovarsi d'accordo con chi della carità fa strame? E la carità non dovrebbe essere il carattere distintivo del credente? S. Paolo non ci dice niente? Nel Giorno del Giudizio Finale su cosa crediamo che saremo giudicati? soltanto sull'avere o non aver preteso che il Crocifisso venisse appeso sul muro dei pubblici uffici? Io credo che se si si potesse, come si fa con il colesterolo o con la glicemia, misurare il "tasso di cattiveria" di questo Paese si verificherebbe , molto probabilmente, che questo non è stato mai così alto come ora, neanche quando i comunisti si mangiavano i bambini, c'era la cortina di ferro e la Russia si chiamava Unione Sovietica. L'operazione "White Christmas" di Coccaglio non vi ricorda nulla? E quante altre migliaia di operazioni più o meno analoghe ci sono state in questi decenni? E le panchine cui sono stati aggiunti i braccioli con l'esclusivo scopo di impedire che i senza dimora potessero passarvi la notte, "lussuosamente" distesi? E ve lo ricordate il buon Maroni quando - nella sua veste di Ministro degli interni, non di miliziano padano - diceva che nei confronti degli immigrati "non bisogna essere buonisti ma cattivi"? (Sì, proprio così, "cattivi"). Si dirà: ma questi sono dettagli; è vero, sono dettagli, fatti ben più gravi sono stati commessi nei confrronti dei neri e dei terroni. Però, già solo i dettagli dovrebbero aiutarci ad aprire gli occhi.

Postato da giogo il 16/01/2012 17:53

Per Libero e Folgore...chi dice che i leghisti non sian considerati fratelli ?? Certo fratelli ..ma fratelli che sbagliano eccome...egoismo e mancanza di solidarietà, insulti, volgarità (il dito medio,il cappio, i rutti e amenità varie...li possiamo paragonare ai peccatori o ai pubblicani??). E poi meravigliarsi che non raccolgano simpatie (altra bordata che deborda) fra ci lettori di FC...è pretendere un po troppo. Cari amici ci siete GIA' Voi, basta e avanza. Saluti

Postato da luciocroce il 16/01/2012 13:26

Malgrado mi impegni a fondo - e pur comprendendo alcune motivazioni originarie della Lega - faccio fatica a capire come, dopo decenni di leghismo, ci siano ancora credenti in buona fede che lo difendano a spada tratta; passi per gli atei devoti, la cui adesione al cattolicesimo è meramente strumentale, passi per chi crede in una religione essenzialmente civile, che non può non avere obiettive difficoltà ad accettare gli insegnamenti di Cristo; ma il normale credente, come fa a trovarsi d'accordo con chi della carità fa strame? E la carità non dovrebbe essere il carattere distintivo del credente? S. Paolo non ci dice niente? Nel Giorno del Giudizio Finale su cosa crediamo che saremo giudicati? soltanto sull'avere o non aver preteso che il Crocifisso venisse appeso sul muro dei pubblici uffici? Io credo che se si si potesse, come si fa con il colesterolo o con la glicemia, misurare il "tasso di cattiveria" di questo Paese si verificherebbe , molto probabilmente, che questo non è stato mai così alto come ora, neanche quando i comunisti si mangiavano i bambini, c'era la cortina di ferro e la Russia si chiamava Unione Sovietica. L'operazione "White Christmas" di Coccaglio non vi ricorda nulla? E quante altre migliaia di operazioni più o meno analoghe ci sono state in questi decenni? E le panchine cui sono stati aggiunti i braccioli con l'esclusivo scopo di impedire che i senza dimora potessero passarvi la notte, "lussuosamente" distesi? E ve lo ricordate il buon Maroni quando - nella sua veste di Ministro degli interni, non di miliziano padano - diceva che nei confronti degli immigrati "non bisogna essere buonisti ma cattivi"? (Sì, proprio così, "cattivi"). Si dirà: ma questi sono dettagli; è vero, sono dettagli, fatti ben più gravi sono stati commessi nei confrronti dei neri e dei terroni. Però, già solo i dettagli dovrebbero aiutarci ad aprire gli occhi.

Postato da Franco Salis il 16/01/2012 10:16

Libero Leo il 15/01/2012 11.46,Nel dare “la carta di identità” non si può far confusione tra carnefice e vittima. Fatta questa affermazione che rivolta ai leghisti è storicamente accertata, “con i clandestini bisogna essere cattivissimi” (© Maroni) Patto scellerato con Gheddafi per buttare a mare i migranti,comunque impedire loro di toccare suolo italiano, "non si accettano predicatori meridionali e cani” nei palazzi torinesi e milanesi. Sfruttamento della fame dei meridionali (lavoro nero) e poi caccia all’ extracomunitario di notte con le ronde. Ti bastano le prove o debbo continuare? Gesù è stato “accusato con disprezzo di essere amico dei pubblicani e dei peccatori”,ma il predicatore ha detto anche “dolosamente mentendo”? Comunque la fratellanza può non venire meno se ci si adopera per le redenzione dei leghisti e non limitarsi alla ampiamente giustificata invocazione della giustizia,davanti a Dio visto che gli uomini sono tardi a muoversi in questa direzione. Un esempio illuminante viene da don Mazzi che è riuscito ad accorciare i tempi di detenzione (secondo legge)di Erika e farle proseguire la pena in attività di ricostruzione della personalità. Pensa anche che Giovanni Paolo II prevedeva, come punizione per chi avesse abortito e si fosse pentito, il solo impegno in associazioni per la vita e ovviamente l’immediato rientro nella comunità cristiana. Con questo non credo assolutamente che il Beato Giovanni Paolo II tenesse in piccola considerazione la gravità dell’aborto. Per non fare di tutta l’erba un fascio,debbo dire che ci sono persone leghiste in buona fede,che si sono buttate fra le braccia del carnefice per difendersi da attacchi da parte di altra tipologia di malavitosi con assalto alle ville,(costruite per lo più con danaro pagato in meno ai meridionali ed extracomunitari) o alle attività commerciali,che hanno o avevano raggiunto livelli di emergenza. Per quanto riguarda Gesù,non dimenticare che ha cacciato in malo modo i mercanti dal Tempio rovesciando i tavoli del cambiavalute e che ha avvertito che sarebbe stato meglio mettersi una pietra al collo e buttarsi in mare piuttosto che far del male ad uno di questi piccoli. Di contro chi avesse fatto del bene a quei piccoli lo avrebbe fatto a Lui. I migranti sono o non sono “piccoli” “gli ultimi” sono o non sono Gesù?Hai capito bene il significato dell’omelia o hai preso solo un brano del tutto? Oppure è quel predicatore risente della formazione che si offre ancora oggi in seminario? Tant’è che-lo ha detto Marzi- se fosse passato in seminario non si sarebbe fatto prete,auspicandone la chiusura . Infatti in essi si dà una lettura non sempre autentica dei libri sacri,ma ,peggio,si informa e forma alla obbedienza e al culto della personalità delle alte sfere vaticane Papa in testa. Hai visto quanto era più “cristiano” l’incontro di Monti con Ratzinger , una semplice stretta calorosa della mano. Comunque non perderti d’animo,altra parte sta scritto: “Io vi dico che grande festa è fra gli angeli nei cieli quando un peccatore si converte”. curiazo il 12/01/2012 19.02 ,lascia perdere la”scomunica” essa è si una pena prevista dal Codice canonico,ma non dimenticare mai e poi mai che il Codice e il Catechismo nonché la “tradizione” sono opere dell’uomo in cui il maligno può averci messo lo zampino. Che vergogna Bertone ieri che magnificava la giustizia vaticana!Ciao

Postato da Libero Leo il 15/01/2012 11:46

Leggendo la risposta di don Sciortino mi pare di capire che egli accusi decisamente i leghisti di essere incendiari. Ciò mi ha fatto ricordare quanto egli stesso ha scritto in un’altra risposta: “.. Il novanta per cento di coloro che si dicono cattolici in realtà lo sono solo all’anagrafe battesimale. Perché il Vangelo non ispira più i loro stili di vita e le scelte di ogni giorno.”. E mi sono domandato: l’accusa rivolata ai leghisti è ispirata al Vangelo? Quindi mi sono ricordato l’omelia dell’8.1.12 (Battesimo del Signore), nella quale il predicatore, dopo aver ricordato, tra l’altro, che Gesù fu accusato con disprezzo di essere amico dei pubblicani e dei peccatori, ha concluso: “Così inizia il Vangelo. Questa è la carta di identità del Figlio di Dio: non venir meno al legame di fraternità con ogni uomo, senza distinzione. Così inizia la vita cristiana. Ma è questa la carta di identità dei figli di Dio?”. Ed un’altra domanda è emersa: “Perché non dovremmo considerare fratelli anche i leghisti, così come gli immigrati, senza alcuna distinzione?”.

Postato da folgore il 13/01/2012 17:08

Dai curiazo, la Chiesa non può scomunicare così come gli pare. Magari solo per avere offeso Roma (che è una città qualsiasi, come potrebbe essere che so Palermo o Foggia) o i nostri militari (che saranno anche da rispettare, certamente, ma non rappresentano la cristianità ma lo Stato italiano). In definitiva....altra bordata alla Lega, che certo non raccoglie dei simpatizzanti in F.C.

Postato da spark il 13/01/2012 16:53

Tranquilli, sono tornati! Non i pompieri di Viggiu' , ma quelli dell'asse Via Bellerio-Arcore. Avete visto la giornata parlamentare di ieri? tra la pronuncia della consulta sui referendum e l'intervento dei pompieri per salvare quel sant'uomo di Cosentino...adda' passa' a nuttata! (diceva il grande Eduardo).Si, nonostante tutto questo schifo, la nuttata sara' ancora lunga, ma sono convinto che passera', dipendera' solo da noi, da come ci comporteremo alle prossime elezioni, poi non ci saranno piu' scuse. Resistere, resistere,resistere! Osvaldo Bardelli

Postato da brunoi il 13/01/2012 14:29

luciocroce,se Mons.Fisichella ha detto che bisogna prendere atto che la Lega esiste e che é fortemente radicata sul territorio é difficile affermare il contrario.Piuttosto domandiamoci perche'questo é avvenuto. Dalle miei parti i politci di grandi partiti sono indifferenti ai problemi della gente e del territorio.Purtroppo. La Chiesa cosa deve fare? Certamente non puo' scomunicare i leghisti,ma cerca anche con loro il dialogo senza rinunciare a condannare certe loro posizioni.

Postato da vdiste1939 il 13/01/2012 12:11

innanzitutto vorrei distinguere tra chiesa e gerarchie. la lega sin dalle origini ha impostato la sua azione cercando di far leva sui sentimenti più vili: protezione della robba e dl mio, odio verso chi è diverso, sollecitazioni contro ogni forma di veera fraternità. se si può comprendere il parroco di montagna, anche se senza urtare si può cercare di far capire, il comportamento e le frasi sia di mons fisichella che del card bertone lascianodi stucco. ho la sensazione, ma spero di sbagliarmi che ogni tanto il vangel,o sfugga dagli obittii dicerti prelati, ai quali invece secondo me, ma posso sbagliarmi non dovrebbe sfuggire l'urgenza che Gesù viene prima di tutto

Postato da luciocroce il 12/01/2012 21:56

Caro Brunoi, quello che Lei dice è vero, però dobbiamo anche ammettere che, oltre all' appoggio fornito da una parte, soltanto una parte però, del clero a livello locale - in alcune situazioni più che comprensibilmente: è difficile per un povero parroco pigliare le distanze da una giunta leghista in un piccolo paese - dalle alte gerarchie vaticane sono spesso arrivate forti aperture di credito nei confronti di Bossi e del suo movimento; valgano due esempi . La Lega al Nord attua “un presidio del territorio” che una volta “era appannaggio di vescovi e parroci”, disse il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato della Santa Sede, prima delle elezioni regionali 2010. E dopo il voto arrivò la benedizione di monsignor Rino Fisichella, presidente della Pontificia accademia per la vita, che alCorriere della sera dichiarò: “Anzitutto credo che dobbiamo prendere atto dell’affermarsi della Lega, della sua presenza ormai più che ventennale in Parlamento, di un radicamento nel territorio che le permette di sentire più direttamente alcuni problemi presenti nel tessuto sociale. Quanto ai problemi etici, mi pare che manifesti una piena condivisione con il pensiero della Chiesa". Evidentemente credevano, sicuramente in buona fede, che la Lega, nonostante fosse un partito nella sua essenza anticristiano, potesse comunque contribuire a diffondere quelli che sono considerati valori cattolici non negoziabili; è il vecchio discorso della "religione civile" che tante volte, nel corso dei secoli, si è pensato di poter utilizzare a difesa della "cattolicità". C'è stato, è un dato di fatto, una sorta di "sdoganamento" della Lega da parte del mondo cattolico. Perchè ci siamo ridotti così? Io sono portato a pensare che possano aver avuto un’influenza non irrilevante anche i cambiamenti che ci sono stati nella Chiesa in questi ultimi decenni. Negli anni Cinquanta/Ottanta la Chiesa riteneva che tra i suoi compiti principali vi fosse anche quello di contribuire a creare una società meno ingiusta, più fraterna, formando coscienze in grado di ragionare, e operare, sui problemi della società alla luce del Vangelo; conseguentemente, numerosi politici cristianamente ispirati si impegnarono – seppur con alterna fortuna e capacità – in tal senso. Da tempo, invece, non è più così; la Chiesa è cambiata, ha dato sempre meno importanza al tema della giustizia; conseguentemente, sono cambiati anche i sentimenti e i comportamenti dei credenti, a mio avviso in peggio. Speriamo che ora si sia toccato il fondo e inizi, finalmente, la risalita. Cordialmente.

Postato da curiazo il 12/01/2012 19:02

La Chiesa dovrebbe puramente e semplicemente scomunicare i leghisti che si dicono cattolici, offendono ogni giorno Roma culla della cristianità ed invitano i nostri militari ad affondare i barconi con a bordo essere umani.

Postato da brunoi il 12/01/2012 13:29

Igino,non mi sembra che la Chiesa sia stata accondiscendente alla Lega quando dileggiava l'inno nazionale e la bandiera. Bossi definiva "Vescovoni" i Vescovi e invitava i suoi a non versare l'8xmille alla Chiesa perche contraria alle loro posizioni. Ce lo siamo dimenticati? Purtroppo anche da parte di noi cattolici tiriamo per la giacca la Chiesa,la vorremmo silente su alcuni temi e urlante su altri.

Pubblicita

Autore del blog

Don Sciortino risponde

Don Sciortino

Don Antonio Sciortino è il direttore responsabile di Famiglia Cristiana. In questo blog affronterà le tematiche riguardanti la famiglia e le questioni sociali, dalla disoccupazione, all'immigrazione all’impegno dei cristiani.

Calendario

<<febbraio 2024>>
lmmgvsd
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati