05
mar

Ma la Chiesa paga già l'Imu

Su quasi tutti i mass media abbiamo letto che la Chiesa, finalmente, pagherà l’Imu. Giustizia è stata fatta, hanno detto in molti. Non so che risposte dare alle accuse. Mi pare che ci sia un attacco ideologico alla Chiesa, al di là della verità dei fatti. E i radicali sono in prima fila. Dimenticano, però, il contributo pubblico che prendono per la radio. Quasi dieci milioni di euro, mentre si lesinano i soldi ad altre emittenti private, di cui molte cattoliche. A che titolo questo contributo per i radicali? Forse perché, talora, si sono venduti l’anima al precedente governo?

Un lettore

Autorevoli giornali e apprezzati giornalisti hanno contribuito ad alimentare nell’opinione pubblica un’autentica “bufala”: la Chiesa, finalmente, pagherà l’Imu sui propri immobili. Ma la Chiesa ha sempre pagato le tasse su tutte le attività commerciali! Nessuno, con un minimo di onestà intellettuale, può affermare il contrario. Era esentata, come tanti altri organismi ed enti laici, solo per le attività solidali ed educative. Le polemiche e gli attacchi finiti sui giornali, alimentati soprattutto dai radicali, riguardavano situazioni “miste” (culto e commercio), su cui ora s’è fatta chiarezza. La Chiesa, anzi, ha invitato a procedere nei casi ove la legge è stata violata. Ci aspetteremmo altrettanta chiarezza in altre istituzioni.

Pubblicato il 05 marzo 2012 - Commenti (2)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da operitaly il 08/03/2012 16:48

Una cosa è l'attività commerciale ed un'altra cosa è l'immobile ad uso commerciale. La chiesa ha affittato mezza Roma e mezza Italia a vari livelli, soprattutto alle scuole ed ad altri usi commerciali, per i quali riscuote l'affitto. Pertanto deve pagare l'ICI o IMU su tutti questi immobili. ...Poi mi piacerebbe sapere di quali impianti idrici e fognature, usufruisce il Vaticano. Il Vaticano, è uno stato indipendente, ma l'elettricità, Il Gas e gli impianti idrici, sono del Vaticano oppure sono Italiani? Chi paga queste spese?

Postato da Libero Leo il 08/03/2012 00:58

Mi risulta che il governo Prodi (agosto 2006) aveva introdotto l'esenzione limitatamente agli immobili non esclusivamente commerciali. Pertanto, se è vero quanto mi risulta, fino a quando non sarà modificata la norma, se all'interno dell'immobile destinato ad attività commerciale c'è una piccola parte destinata ad attività religiose o non commerciali, l'intero edificio è esente. Se è vero quanto mi risulta, è evidente che questa norma consente di esentare facilmente gli immobili: è sufficiente prevedervi un piccolissimo luogo dedicato alla preghiera per renderlo esente.

Pubblicita

Autore del blog

Don Sciortino risponde

Don Sciortino

Don Antonio Sciortino è il direttore responsabile di Famiglia Cristiana. In questo blog affronterà le tematiche riguardanti la famiglia e le questioni sociali, dalla disoccupazione, all'immigrazione all’impegno dei cristiani.

Calendario

<<febbraio 2023>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati