23
lug

Baci appassionati

  Oggi ho portato Pietro e Caterina al parco giochi in bici. Il caldo a casa era intollerabile. I due si sono avventurati tra le piante e i giochi per esplorare l’ambiente. C’erano altri bambini in giro con i loro genitori. Dopo un po’ il mio sguardo si sofferma su una panchina un po’ defilata: ci sono due adolescenti che si baciano appassionatamente. Pietro decide di andare ad arrampicarsi proprio sugli attrezzi a pochi metri da loro. Penso che se anche cadesse di testa dal piolo più alto, loro non si accorgerebbero di nulla. Neppure le nostre urla disperate li distoglierebbero dai loro baci, forse neanche le sirene dell’ambulanza (per fortuna Pietro non è caduto!). Io e mio marito ora non riusciremmo a stare appiccicati così a lungo neanche con una pistola alla tempia… con questo caldo poi... Quei due sono incollati, infaticabili, irraggiungibili. Dieci, venti, trenta minuti senza una pausa. Li osservo spesso, mio figlio non si sposta da lì e nello stesso campo visivo tengo a fuoco entrambi. Un po’ li invidio. Io e mio marito di movimento ne facciamo parecchio, i figli e il lavoro ci assorbono tutto il giorno. La sera ci ritroviamo sfiniti, ci mettiamo a fuoco solo dopo un po’. D’estate poi la vivacità dei figli sembra inesauribile, si va tutti a letto più tardi, io e lui riusciamo a parlarci davvero, solo molto tardi. E i baci belli, quelli che durano, hanno bisogno di energia. Il tempo corre e spesso rimandiamo a domani l’appuntamento per stare un po’ vicini. Grazie al cielo ogni tanto ci diamo degli appuntamenti di coppia, solo per noi, rubati a tutto. Lì ricarichiamo le batterie; può essere una cena insieme, una passeggiata, un pomeriggio in casa da soli o, qualche volta, un breve viaggio. Lì riscopro le labbra morbide e umide di mio marito, le stesse che mi appassionavano quando eravamo fidanzati. Sono brevi attimi, sufficienti per riassaporare la passione di quei due ragazzini sulla panchina. Attimi, perché ora la vita è piena di tanto altro. Essere genitori senza un compagno a fianco è difficile. Molte mamme e molti papà la sera, dopo essersi dedicati ai figli, si ritrovano da soli, senza una relazione di coppia a cui appoggiarsi. Il tema di questa settimana è denso: che peso ha l’affettività di coppia nella tenuta energetica di un genitore? Quale spazio riuscite a ritagliare per la cura della vostra coppia? Quali sono le fatiche dei genitori che non vivono più una dimensione di coppia? E soprattutto… c’è qualcuno che si bacia ancora come quei due ragazzi? Buona settimana a tutti.

Pubblicato il 23 luglio 2010 - Commenti (3)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da barbarave il 09/08/2010 10:20

Anche noi facciamo fatica a stare da soli, soprattutto durante queste lunghe vacanze estive! Cerchiamo comunque di darci segni di affetto anche se ci sono i figli, penso che li renda sicuri dell'amore dei genitori tra loro e li aiuti ad esprimere affetto. Comunque noi la sera siamo troppo stanchi, a volte non riusciamo neanche a coricarci assieme, certe sere resistiamo al sonno per vederci ma sono eccezioni, eppoi ci sono le preoccupazioni, i problemi: a volte si parla solo di questo! Ma serve tempo e bisogna ritagliarselo con grande fatica, sia per il dialogo sia per le effusioni!

Postato da NADIUSH il 01/08/2010 09:45

complimenti per l'iniziativa, nonchè all'autrice del blog: anche psicopedagogista? inarrestabile questa donna!

Postato da STEFANIA64 il 24/07/2010 08:35

Baci così appassionati e lunghi magari no, però una costante ricerca di trovare spazio anche per noi coppia questo sì. Abbiamo un'attività che ci prende molto tempo, 3 figli, uno grande di 27 anni che è molto indipendente, uno di quasi 18 che è adolescente ma ci segue ancora volentieri nelle vacanze e uno di quasi 10 che ha bisogno di attenzione; proprio il più piccolo questa mattina è partito per le vacanze di branco con gli scout e questo ci permette di prenderci un paio di giorni di vacanza solo per noi per avere quel giusto spazio che talvolta serve per ricaricare le pile. Pensiamo sia doveroso regalarci del tempo per rendere più bello anche quello che dedichiamo ai nostri figli. Grazie anche a voi per questo bellissimo spazio dedicato alla famiglia e alle sue reali problematiche quotidiane, conoscervi e leggervi è come trovare un amico a cui parlare volentieri.
Stefania

Pubblicita

Autore del blog

Noi mamme

Barbara Tamborini

Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di libri sull'educazione. Ha 4 figli.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati