12
gen

La ripresa

“Hai preparato la cartella?”
“Mamma mi provi la lezione?”
“Devi ancora farti la doccia?”
“Perché stasera non possiamo più vedere un film tutti insieme?”
“Io non ho sonno, voglio giocare ancora”.
“Non riesco a ritrovare il libro di lettura… chi me l’ha preso?”
“Io non voglio andare alla scuola materna perché tutti mi prendono in giro!”
“Io voio andale alla cuola ma viene anche mamma”.
“Mi serve una matita H3... e adesso come faccio se non c’è in casa?”
“Cosa mi metti per merenda… ti prego non dirmi frutta!”
“Mamma, vieni. Quando ci sono ancora vacanze?”
“Ops! Nello zaino ho trovato un arancio!”

Alle 23 riusciamo a spegnere le luci anche se C. (3 anni) va avanti a cantare la Bella lavanderia ancora per parecchio. Che bilancio fare di queste vacanze? Quanto tempo siamo riusciti a passare insieme, quante cose belle abbiamo fatto con i nostri figli e con i nostri compagni? La cosa più bella per me è stata camminare tutti insieme. Costringere, perché altrimenti avrebbero di certo preferito il divano o la tv, i nostri figli a uscire di casa per esplorare un territorio, una salita o una discesa. Abbiamo passeggiato nelle terre della Lunigiana, colpite di recente dall’alluvione, abbiamo visto le tracce del disastro ad Aulla, il fango accumulato, le macchine distrutte, i negozi ancora chiusi.

I nostri bambini hanno fatto un sacco di domande, hanno voluto sapere in cosa può trasformarsi un corso d’acqua che ora appare così innocuo. Siamo saliti in cima al Sacro Monte di Varese, quattordici cappelle per circa 2 Km di salita per uno itinerari più belli della nostra provincia. “Mamma, ma cosa c’è di bello in questa salita?” Ci ha chiesto J. (11 anni) ai primi tornanti “è tutto sempre uguale”. Poi abbiamo camminato, arrancato, per poi scattare e vedere chi riusciva ad arrivare per primo in cima a una rampa molto ripida di gradini. E abbiamo aspettato C. con il suo passo corto che è arrivato però fino in cima. E poi dopo poco la discesa ripida, senza funicolare, anche se i nostri figli avrebbero voluto tanto usare quella scorciatoia.

Camminare tutti insieme in casa nostra non è un desiderio che ci accomuna. È piuttosto una fissa dei grandi che i nostri figli tollerano, un’esperienza nella quale qualche volta si lasciano coinvolgere. Il risultato è sempre esaltate, almeno per me e mio marito: parliamo di un sacco di cose, ridiamo, facciamo giochi, cantiamo… “Certo che mamma quando si rientra a casa dopo una bella passeggiata al freddo ci si sente proprio bene!” A. (8 anni) “Tra tutte le passeggiate che fanno schifo, questa era pochissimo brutta ma tantissimo la più bella” P. (5 anni). “Bello!” “Ti è piaciuto il giro che abbiamo fatto?” “Bello che siamo arrivati a casa così posso sentirmi la partita… Però è stato bello anche il giro… basta che non ti metti subito in testa di farne un altro!” J. (11)  Ognuno ha il suo modo di esprimere il senso di appartenenza alla famiglia che il camminare insieme ci regala. Ora non resta che rimetterci in movimento per controllare che tutti siamo ben coperti.

La ripresa è ormai ufficiale! E voi come avete passato questi giorni di festa? Che momenti particolari avete vissuto in famiglia? Quali sono state le esperienze, i fatti o le emozioni che vi hanno fatto sentire uniti? E che fatiche siete stati costretti ad affrontare? Aspetto i vostri racconti. Buona ripresa a tutti!

Pubblicato il 12 gennaio 2012 - Commenti (3)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da fabiola il 15/01/2012 15:37

quest'anno sono state veramente particolari.. ho preso l'influenza, febbre 24, 25, 26 dicembre.. il mio secondo figlio aveva già detto che voleva cucinare per tutti e si è messo d'accordo con sua sorella (la quinta). natale con i miei genitori, ci hanno servito dei piatti stupendi, come al ristorante....insomma mi hanno veramente meravigliata... poi i giorni successivi tutti mi hanno coccolata: mezze giornate a letto... riposini vari.. convalescenza per l'influenza come in 30 anni non avevo mai fatto. insomma la mamma che può tirare un po' il fiato perchè i ragazzi ormai più grandi le danno una mano.... grazie a tutti i miei sette figli e a mio marito che mi ha portato più colazioni a letto in queste vacanze di natale che in 30 anni di matrimonio!!!

Postato da trismamma75 il 14/01/2012 23:34

Purtroppo questi giorni di vacanza sono stati gli ultimi del mio congedo di maternità, per cui li ho vissuti con una certa nostalgia. Non è il fatto di tornare al lavoro che mi pesa (mi sento una privilegiata per questo, ho un part-time 4 ore vicino a casa), anche se sarei rimasta molto volentieri ancora un po' col mio cucciolo, quanto il fatto che... vorrei tanto un altro bambino, ma non c'è modo di convincere mio marito. Confesso che, pur avendo passato dei giorni meravigliosi con i bimbi a casa dall'asilo, ogni giorno qualche lacrima per questo motivo mi scappava...

Postato da Molly il 12/01/2012 16:45

Io purtroppo ho sempre lavorato e mio marito invece e' rimasto con i cuccioli... come al solito le vacanze sono solo per i bambini ma tornare a casa etrovarli li ad aspettarmi era bellissimo... fare tardi la sera vedendo tutti insieme un cartone, o leggendo una storia... preparare la cena insieme, farci gli scherzi, fare la doccia insieme e pettinarci dopo il balsamo... confesso che queste piccole e semplici situazioni mi hanno comunque riempito il cuore... durante la settimana c''e sempre un po' di tensione per rispettare gli orai ma con loro che a scuola non andavano non guardavamo proprio l'orologia... certo la mattina alle 07.00 la mia sveglia mi pesava un po' anzi tantissimo...ma e' stato un bel prezzo da pagare! un sorriso

Pubblicita

Autore del blog

Noi mamme

Barbara Tamborini

Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di libri sull'educazione. Ha 4 figli.

Calendario

<<agosto 2022>>
lmmgvsd
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati