17
nov

Mio figlio è timido

Vi propongo un rapido test. Pensate ai vostri figli e considerate se vi siete trovati in qualcuna di queste situazioni:

  1. lo accompagnate a una festa di compleanno, convinti che ne approfitterete per fare la spesa, ma il frigo resta vuoto perché lui vi vuole lì;
  2. in vacanze, alla settima sera in cui provate a incoraggiarlo a partecipare alla baby dance vi convincete che forse è meglio lasciar perdere;
  3. a una festa chiamano tutti i bambini per la foto di gruppo. Il vostro scappa via e si rifugia addosso a voi;
  4. l’attore o il mago di uno spettacolino cerca dei volontari. Vi abbassate per ripescare vostro figlio che si è tuffato sotto le sedie;
  5. incontrate una persona adulta che lui non ha mai visto e fa capire a voi e a lei che vorrebbe tanto continuare a non conoscerla;
  6. arrivate a una festa con giochi organizzati e animatori molto motivati. Capite al volo che vostro figlio preferirebbe andare dal dentista;
  7. la maestra lo ha cambiato di posto e lo ha messo con un compagno che non è suo amico; lo capite dal muso lungo e dagli occhi rossi;
  8. siete alla recita di fine anno e vi chiedete perchè vostro figlio non provi almeno a fare la comparsa;
  9. tutti i suoi amichetti si mettono a urlare il suo nome per chiamarlo a spegnere le candeline e lui corre via piangendo;
  10. il giorno della corsa campestre si sveglia sempre col mal di pancia.

In quante di queste situazioni vi riconoscete? Io posso dire che con ciascuno dei miei figli, ho vissuto alcune di queste situazioni e ogni volta mi sono chiesta: cosa fare? Insistere, dare una piccola spinta, trattenerlo… oppure accoglierlo, aspettare, consolarlo? Ci sono bambini molto sicuri di sé, intraprendenti e altri più o meno timidi. Per questi ultimi le emozioni, quando arrivano, sono così forti da essere ingestibili. Meglio quindi nascondersi, togliersi dalle situazioni che mettono ansia. Alcuni bambini hanno il terrore di fare una brutta figura, di sbagliare, di non essere all’altezza, di essere rifiutati. In alcuni casi diventa necessario offrire al bambino un supporto competente per uscire da questa gabbia che imprigiona però almeno tiene al sicuro. Per i più, la timidezza è solo uno dei tratti del proprio carattere e mamma e papà possono essere dei buoni allenatori per aumentare le sicurezze. Di cosa ha bisogno un bambino timido?

Di un genitore che lo accoglie ogni volta che l’emozione lo travolge e lo aiuta a dare parole al vulcano che gli si accende in pancia. Mai dire davanti a tutti: “Eccolo qui, come al solito ha paura. Dai non essere così timido!”. Mi è capitato molte volte di vedere adulti (nonni, zii, genitori,…) che spronano i bambini timidi mettendoli in un tremendo imbarazzo. Prevedere con il proprio bambino la situazione che si troverà a vivere e contrattare un livello di messa in gioco tollerabile. Per es: “Se vuoi andare alla festa io ti accompagno, sto lì con te mezz’ora, poi vado via un’ora e poi torno a prenderti. La mamma di … starà lì tutto il tempo e quindi per qualsiasi problema puoi dire a lei”. Se i vostri figli non vogliono mai fare niente davanti agli altri, non preoccupatevi, prima o poi la voglia di socializzare e di sperimentare ha il sopravvento. Voi continuate a incoraggiarli senza farli sentire sotto pressione. Un buon trampolino per aprirsi agli altri ed evitare che un bambino timido resti solo è coltivare una buona amicizia. Con un amico al fianco tutto è più facile, anche superare l’ansia da socializzazione.

E poi? E poi aspettiamo i vostri consigli e le vostre esperienze. Avete figli timidi? Voi siete timidi? Cosa pensate della timidezza? Buona settima a tutti

Pubblicato il 17 novembre 2011 - Commenti (1)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da trismamma75 il 21/11/2011 23:25

Anch'io ho vissuto alcune di queste situazioni con i miei due figli più grandi, soprattutto con la seconda, perché il primo, una volta rotto il ghiaccio iniziale, non fa' tanta fatica a socializzare. Poiché io stessa sono sempre stata molto timida, ho sempre vissuto con una certa apprensione la vita di relazione dei miei bambini, soprattutto all'asilo. Non sono un'esperta di psicologia, però da quella che è stata la mia esperienza di bambina e adolescente molto timida penso che forzarli sia controproducente, è meglio accoglierli e sostenerli, far sempre capire loro che li amiamo e li apprezziamo per quello che sono, che non li vorremmo diversi solo perché sono timidi e che sappiamo vedere i loro punti di forza anche quando la timidezza impedisce loro di manifestarli.

Pubblicita

Autore del blog

Noi mamme

Barbara Tamborini

Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di libri sull'educazione. Ha 4 figli.

Calendario

<<agosto 2022>>
lmmgvsd
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati