14
giu

"Smanettoni" al servizio della Chiesa

Un ecumenismo (= cammino di dialogo tra le varie chiese cristiane) spicciolo ma non per questo meno profondo e reale che passa attraverso l'amicizia, la preghiera comune, la buona tavola e, talvolta, anche attraverso il gioco. È questa la base su cui ogni anno un gruppo di webmaster cristiani provenienti da tutta Europa costruisce il suo consistente lavoro di condivisione di risorse e prospettive. «Abbiamo a cuore tutti lo stesso obiettivo: crescere nella fede e poter far crescere altre persone che incontriamo attraverso il web - spiega Ralf Peter Reimann, pastore luterano di Dusseldorf - e questo si può realizzare solo se facciamo squadra tra di noi e iniziamo a collaborare in modo consistente».

Si va dal progetto tedesco di una chiesa realizzata in stile cartoon (www.kirche-entdecken.de) per spiegare la liturgia ai bambini alla grande campagna per gli adulti che si sono allontanati dalla fede della Chiesa luterana di Finlandia (http://uskotoivorakkaus.fi/).

Il gruppo di simpatici smanettoni che si riconosce sotto la sigla Ecic, la Conferenza dei webmaster cristiani d'Europa, si incontra ogni anno in una diversa città del vecchio continente. Quest'anno è toccato a Roma, meta sempre gradita perché permette in testa o in coda all'evento una visita personale alla città (clicca qui per visionare uno slideshow dell'evento).

Non poteva mancare la curiosità per l'attività nel web del Vaticano e così una delle sessioni di lavoro si è svolta nella sala Marconi di Radio Vaticana. «È stato davvero interessante - ha commentato a caldo Juha Kinanen, un webmaster della Chiesa luterana finlandese - vedere come un'istituzione così complessa e con un retroterra storico tanto consistente sia riuscita a sbarcare in Rete in modo tanto rapido e differenziato. Certo, l'approccio al web è un po' rigido visto il carattere istituzionale della comunicazione, ma lo sforzo è davvero notevole».

Le chiese protestanti del nord Europa utilizzano da tempo le nuove tecnologie come supporto all'azione pastorale. «È importante inserirsi in quello che oggi definiamo non più un dialogo, ma un “polilogo”, ovvero una conversazione che coinvolge più utenti contemporaneamente e non necessariamente tutti allo spesso tempo» ha sottolineato Christian Grund Sorenson, un operatore pastorale della Chiesa luterana di Svezia. Alcuni stanno cercando di farlo con una web tv, altri segnalando e condividendo le risorse come, per esempio, nel progetto della Chiesa evangelica in Germania, geistreich.de, all'interno del quale vengono segnalate idee meritevoli di essere sostenute.

Tutte le informazioni relative alla conferenza si possono trovare sul sito www.ecic.org

Pubblicato il 14 giugno 2012 - Commenti (0)
04
giu

Family 2012, un bilancio

Da “veterano” delle Giornate mondiali dei giovani, eventi per alcuni aspetti analoghi al mega raduno di Bresso, continuo a chiedermi: dov'è sparito il milione di persone che era radunato sulla pista dell'aeroporto milanese?

Dissolti in poche ore, lasciando pochi residui del loro passaggio.

C'era lo stesso numero di persone che ha partecipato alla Gmg di Colonia nel 2005, eppure non sembra si sia registrato nessuno dei pesanti inconvenienti che hanno caratterizzato quel raduno mondiale: nessun tappo di folla, deflusso ordinato e fluido verso le stazioni della metropolitana e i 4000 pullman parcheggiati ordinatamente attorno all'area della celebrazione domenicale. Forse è stato diverso il senso di responsabilità dei partecipanti, diverso il tempo di permanenza, diversa la modalità di accesso e deflusso, in ogni caso la cosa ha dello stupefacente. Complimenti all'organizzazione, la macchina ha funzionato davvero bene!

I pellegrini all'ultima uscita della metropolitana im cammino verhttp://www.flickr.com/photos/famigliacristiana/7325247300/so il parco di Bresso

L'Incontro mondiale delle famiglie ha avuto un senso davvero compiuto per chi ha potuto partecipare come convegnista a tutto il percorso, accoglienza nelle famiglie compresa.

Gli altri hanno assaporato un frammento, un singolo evento che li ha proiettati, però, in una dimensione di Chiesa aperta e accogliente che sa abitare piazze e stadi e si è dimostrata meno rigida di quanto ci si aspettava. «La prima sensazione che ho provato con mia famiglia - mi confida Renato, 46 anni della provincia di Vercelli - è stata la delusione. Ci siamo messi in viaggio per partecipare alla veglia del sabato sera, ma siamo capitati in un settore lontano dal palco e il Papa non l'abbiamo visto nemmeno passare all'inizio: tanto valeva vederla da casa, in tv. Le parole di Benedetto XVI sulla crisi e sull'accoglienza dei divorziati mi hanno scaldato il cuore e ho cambiato idea. I figli, poi, hanno fatto conoscenza con altri ragazzi conosciuti al momento. Alla fine della veglia si sono messi a ballare e non volevano più venir via».

Veglia con il Papa

Peccato, mi vien da dire, per i movimenti che hanno sempre un loro momento di raduno dedicato all'interno di questi grandi eventi. Certo capisco sia piacevole e importante incontrarsi tra di loro, guardarsi in faccia, ascoltare le proprie guide, celebrare con il proprio stile. Il messaggio che passa all'esterno, però, è che l'esperienza di Chiesa fatta con gli altri fedeli fuori dal movimento non sia sufficiente e ci sia un di più al quale non è possibile rinunciare.

Tra le varie testimonianze ascoltate in questi giorni mi ha colpito quella del gruppo musicale “The Sun”, quattro artisti che si sono esibiti a Bresso prima dell'arrivo del Papa sabato pomeriggio. Non hanno la faccia da giovani dell'oratorio, eppure le loro canzoni puntano il dito verso l'alto, parlano della vita dopo la vita, dell'importanza della fede nel percorso di questa esistenza. Sono maledettamente credibili, perchè assolutamente veri. Stringono tra le mani un contratto triennale con la Sony Music Italy e vogliono bene a questa Chiesa che hanno riconosciuto come ambiente vitale dopo aver cercato la felicità per tutt'altre strade. E il loro cambiamento è partito proprio dalla famiglia, come raccontano pubblicamente con la forza della semplicità.

Pubblicato il 04 giugno 2012 - Commenti (0)
03
giu

Bresso, tanta gioia in attesa del Papa

I cancelli della spianata di Bresso si sono aperti alle 4 del mattino e c’era già una piccola folla in attesa. Le poche centinaia di persone che hanno deciso di trascorrere la notte all’aperto sono state radunate  in un settore vicino al palco. Tra la folla che ha occupato i contano tante famiglie ma anche pellegrini che desiderano condividere questo momento di preghiera con un’assemblea così vasta e con il Santo Padre.

 

Chi ha vissuto veramente in pieno l’esperienza dell’incontro sono le famiglie giunte a Milano sin dall’inizio della settimana, ospiti delle famiglie del luogo, che hanno gustato l’accoglienza e sperimentato il confronto con coppie provenienti da ogni paese del mondo. Ce lo conferma la coppia responsabile della pastorale familiare di Grosseto che ha provocato anche un consistente cammino di preparazione prima dell’evento.  «L’ospitalità nelle famiglie è stata straordinaria – spiegano Giulio e Angela Borgia, responsabili dell’Ufficio diocesano e delegati a partecipare al congresso internazionale- per noi è stato importante vivere l’intera esperienza di scambio e dialogo di cui questa celebrazione è solo la conclusione.»

Martina, una piccola congressista, mi racconta del “giardino” che ha realizzato in questi giorni e degli animali che l’anno guidata a capire cosa stava succedendo. All’inizio non capisco ma poi i genitori mi spiegano che da mercoledì a venerdì si è svolto parallelamente anche un congresso dei ragazzi.

 

Family 2012

 

In attesa del Papa, nel corridoio centrale, del settore sotto il palco vengo fermato da un ragazzo che suona la cornamusa. «Conosci il Papa?» Mi chiede, e subito comprendo che ha qualche problema nel muoversi e nell’esprimersi. Ma suona bene e con passione lo strumento che ha tra le mani. Vorrebbe portare la sua musica davanti al Papa, è una cosa che sa fare bene e che lo rende orgoglioso. Nel frattempo allieta le persone che gli stanno intorno e regala sorrisi e leggerezza a quanti passano di là.

 

 

Due volontarie davanti al settore 7 stanno discutendo della veglia di ieri sera. Sono state colpite dall’intervento di Benedetto XVI sulle coppie divorziate. Mi incuriosisco e chiedo cosa ne pensano.«Mia sorella è divorziata –mi spiega Laura, una delle due- ma lei l’ha subita questa storia, avrebbe voluto ricostruire ma non c’è riuscita. Soffre terribilmente di non poter fare la comunione ma sono contenta che abbia sentito le parole del Papa ieri sera». La regole non cambiano, ma l’affetto e l’accoglienza sono arrivati a molti tramite il piccolo schermo. Quello dei separati e dei divorziati è un settore pastorale che richiede una speciale attenzione e una serie di cammini di accoglienza e sostegno che non sono più rinviabili al giorno d’oggi.

Il tempo ha retto: niente pioggia sino alla fine della celebrazione e durante il deflusso. Un dono soprattutto per chi ha figli piccoli ed è giunto fin qui armato di passeggini, biberon e pannolini. La pazienza di tanti piccoli è finita da un pezzo ma anche loro hanno avuto la percezione di aver vissuto un evento speciale. E chiedono di salire sulle spalle per vedere, anche se della dimensione di un puntino bianco, il Papa.

Pubblicato il 03 giugno 2012 - Commenti (0)
02
giu

A Bresso la gioia delle famiglie del mondo

“Una Gmg su scala minore con la presenza di tanti adulti e bambini.” Così hanno definito in molti la veglia serale del VII incontro mondiale delle famiglie di Milano. Il colpo d’occhio può essere simile ma alcuni elementi si differenziano notevolmente. La responsabilità, ad esempio, dovuta alla presenza così massiccia di bambini piccoli.
Gli spazi sono più ampi, le modalità di gestione diverse. Anche il divertimento che non è più a base di battaglie acquatiche amplificate dagli idranti dei pompieri ma si snoda attorno a canti graditi ai più piccoli, giochi semplici, danze in cerchio.
Pochi hanno le cuffiette sulle orecchie, pochi tra i più piccoli hanno in mano cellulari, lettori musicali, videogiochi. Anche il tempo è stato clemente con le famiglie consentendo a chi è arrivato già dalle 15 di non cuocere a fuoco lento sotto il sole.

Bresso



Alcune famiglie in mezzo alla spianata di Bresso sono in ginocchio e pregano brevemente con i figli per varie intenzioni
: popolazioni terremotate, famiglie del mondo, per chi ha perso il lavoro o non ha nemmeno di che vivere.
Lucia è venuta da Manaus, Brasile, con la sua famiglia e altre venti persone della diocesi perché dice che volevano assaporare la dimensione internazionale della Chiesa.

Hanno faticato per il viaggio e per vari inconvenienti, ma non ne fanno problema, vanno dritti al risultato.
L’atmosfera è sciolta, non c’è la ressa delle Gmg, il controllo stretto dei volontari e della polizia, anche sotto il palco del Papa sembra ci si muova con più fluidità. Una bimba che viene dalla Croazia insieme a genitori e fratellino stringe tra le mani un porcellino salvadanaio. «Vorrei donarlo ad bambino che ne ha bisogno» mi spiega.
Inizia la veglia, il Papa non passa tra i settori, c’è un po’ di delusione tra i bambini, volevano vederlo. Ci sono anche molti gruppi di ragazzi preadolescenti, accompagnati dalle famiglie, che hanno desiderio di vivere una mini avventura.

Un gruppo di loro mi racconta che vorrebbero dormire qui. La delegazione ufficiale della Repubblica Dominicana scopre all’ultimo momento di non avere aste a sufficienza per il numero di bandiere. Così si spostano di qualche centinaio di metri e prendono dal parco di Bresso qualche ramo utile a raggiungere il loro scopo. La veglia è a misura di bambino, non dura molto, al termine il deflusso risulta più agile. 

La spianata di Bresso si spopola gradualmente mentre la festa continua grazie alla presenza di artisti provenienti da vari paesi del mondo. Quacuno, pochi in verità, si prepare per trascorrere la notte all'aperto.

Family 2012

Tra le coppie sposate con figli incontriamo Ezio, un diacono permamente. Ci parla di due doni complementari: il matrimonio e la dimensione ministeriale. Con la moglie, Maria Grazia, si parla anche del lavoro domenicale e festivo, lei è infermiera e comprende bene la difficoltà di lavorare a turni. Lo ricorda anche il Papa: la festa va difesa, ma anche la famiglia dev’esser soggetto di maggiore tutela. Vengono nominate le famiglie terremotate: un collegamento in diretta con S. Felice sul Panaro consente al Santo Padre di parlare loro. Alcuni, in quel momento, tirano fuori dalla tasca il rosario e iniziano a pregare.

Pubblicato il 02 giugno 2012 - Commenti (0)
02
giu

Il volto giovane della Chiesa

Adele parla un buon Italiano fluente anche se è Brasiliana da sempre. I suoi genitori, originari della Basilicata, l’hanno allevata a pane e idioma della terra natia. Insieme a Ronaldo e Tatiana si occupa a Rio de Janeiro della pastorale familiare, in particolare degli adulti che hanno congelato la fede il giorno dopo la cresima e che possono ravvivarla in modo da poterla trasmettere ai figli.

Tutto il mondo è paese, il risveglio della fede è un’operazione che coinvolge non solo il vecchio continente ma anche le Chiese ritenute più giovani ed effervescenti.

Gli operatori di pastorale familiare di Rio hanno anche un blog che racconta le loro fatiche, pastoralfamiliarrj.blogspot.com (oppure facebook.com/pastoralfamiliarrj), nel quale stanno pubblicando foto e resoconti della loro trasferta italiana. «Ci siamo mescolati a ragazzi –mi spiega Adele- educatori e famiglie qui a San Siro per capire come loro educano i ragazzi ma soprattutto come coinvolgono nuovamente gli adulti.»

E di adulti ce ne sono tanti al Meazza, quasi in proporzione uno a uno, sono educatori e genitori che non hanno voluto perdere l’occasione di partecipare a questa festa. Alberto è papà di un ragazzo di undici anni, è venuto qui per curiosità ma non è coinvolto nel cammino di fede di suo figlio.

Diana  e Samanta hanno accompagnato anche loro i figli all’incontro. Sono convinte di dover dare un contributo alla crescita cristiana dei figli ma si sentono in difficoltà. Una delle due dichiara con schiettezza di non essere praticante ma è convinta che a questi preadolescenti serva una seria trasmissione di valori, iniziando dal rispetto.


Diana e Samanta

I ragazzi e i loro formatori rivelano con i loro gli occhi limpidi e sinceri un volto della Chiesa credibile, pur nel suo divenire. I commenti dei più piccoli rivela lo stupore di fronte alle curate coreografie che disegnano simboli colorati sul prato del Meazza. I messaggi trasmessi sono semplici e diretti, il ritmo è quello giusto, a misura di preadolescente.

Gli educatori non nascondono le loro fatiche. Alcuni non vogliono essere ripresi, né rivelare i loro dati personali, ma raccontano la difficoltà di intercettare la vita quotidiana di questi ragazzi che sono quotidianamente polarizzati da attenzioni diverse da quelle proposte del cammino di fede, se non contrastanti.

Altrettanto difficile coinvolgere in profondità le famiglie, che spesso delegano la formazione cristiana ad altre figure. La vitalità frizzante degli oratori rimane un terreno fertine di semina, come conferma Ciro, direttore delle attività di un oratorio della provincia di Milano.

L’arcidiocesi di Milano ha camminato molto nella formazione cristiana dei ragazzi, e si percepisce a pelle. Molto, però, resta ancora da fare. Lo confermano le parole ascoltate nel corso dell’incontro che sottolineano che questo è solo l’inizio di un cammino di iniziazione cristiana, non il traguardo.

Pubblicato il 02 giugno 2012 - Commenti (0)
02
giu

[VIDEO] Allo stadio con i cresimandi

Pubblicato il 02 giugno 2012 - Commenti (0)
01
giu

Affari di famiglia

C’è margine di ricupero quando una coppia scoppia, quando una famiglia è sul punto di disgregarsi per sempre? Secondo Retrouvaille (www.retrouvaille.it), un’esperienza nata negli anni ’70 in Canada non solo è possibile, ma addirittura è un percorso consigliato. «Noi, tramite un cammino cristiano –spiega Paola Galaverna coordinatrice nazionale insieme al marito del programma Retrouvaille- cerchiamo di aiutare coppie che stanno pensando alla separazione o al divorzio. Grazie al dono della nostra esperienza cerchiamo di aiutare altri a ritrovare la forza di costruire una relazione.» Questi due coniugi ribadiscono con la loro vita che “la riconciliazione è possibile” all’interno della Fiera della famiglia, la vetrina di buone prassi allestita nei padiglioni del Mico (Milano congressi) in via Scarampo a Milano.
E’ un segnale di speranza forse ancora troppo sottovalutato in una società dove le famiglie si disgregano con troppa facilità e chi opera in ambito pastorale spesso non ha strumenti adeguati per intervenire.



Pochi chilometri più in là, verso piazza Duomo, capita di incontrare una coppia di turisti provenienti dal Punjab con il classico turbante che agli Italiani di una certa età ricorda Kabir Bedi. Capitano spesso in Europa, uno di loro due parla un buon italiano fluente e racconta di essere un sostenitore della famiglia.
Non gli interessa la differenza di religione, d’altronde il Sikhismo si basa sull’adorazione del Creatore e sulla condivisione dei beni, compresa la cucina (il “Langar”) che mette allo stesso tavole le persone annullando differenze e privilegi.  



Più che dall’ufficialità dell’incontro sono rimasti colpiti dall’aiuto reciproco che hanno visto fiorire in questi giorni nelle famiglie milanesi e tra coppie provenienti da tutto il mondo. Prima di abbandonare Piazza Duomo, galvanizzata dalla presenza di Benedetto XVI, incontro casualmente una famiglia che ha una storia davvero singolare: lei è una ragazza Cecoslovacca, lui un indiano convertitosi al cristianesimo. Si sono conosciuti tramite il web. La loro, però, non è una storia fatta di bit ma un vero e proprio cammino di avvicinamento alla fede transitato attraverso le Giornate mondiali della gioventù e l’amore che li ha trasformati lentamente ma in profondità.

Pubblicato il 01 giugno 2012 - Commenti (0)
01
giu

[FOTO] Milano come la vedo io

Pubblicato il 01 giugno 2012 - Commenti (0)
01
giu

Bimbi al pc, se ne parla a Family 2012

L'interno di un padiglione in Fiera Milano City in occasione del Family2012 (foto Tosatto).
L'interno di un padiglione in Fiera Milano City in occasione del Family2012 (foto Tosatto).

Si può scegliere il nome di un figlio aprendo un dibattito su Facebook? Può diventare un’opportunità se la rete è vista come una risorsa per la famiglia, da dosare nei tempi e modo opportuni. Se ne è parlato all’incontro “Famiglia e comunicazione globale ” tenutosi al MiCo di Milano in occasione dell’Incontro mondiale delle famiglie (www.family2012.com/it/meeetings/18705).

A tessere la trama del confronto non solo i tre relatori, Josè Luis Restan, Piercesare Rivoltella e Norberto Gonzales Gaitano ma anche le numerose famiglie presenti in sala e quelle intervenute via Twitter (https://twitter.com/#!/search/realtime/family2012%20weca). “C’è una forte richiesta di informazioni riguardanti la sicurezza dei più piccoli –spiega Andrea Canton che ha seguito il flusso di messaggi elettronici giunti nel corso dell’incontro- che, comunque, è stato il tema centrale del meeting, ed è risultato con chiarezza che questo non significa impedire loro l’accesso agli strumenti informatici, ma dare ai mezzi elettronici la giusta collocazione all’interno della famiglia.”

Utili le segnalazioni di siti che si mettono a servizio della famiglia per aumentare la sicurezza dei piccoli cybernauti, come www.gianofamily.org o www.ilveliero.info.

In occasione dell’incontro che ha vista gremita di partecipanti la sala più capiente del MiCo, l’Associazione webmaster cattolici italiani (Weca) ha presentato in anteprima lo speciale “decalogo” sull’utilizzo del web in famiglia, scaricabile gratuitamente da questo indirizzo www.webcattolici.it/pls/webcattolici/V3_S2EW_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=212&rifi=guest&rifp=guest

Pubblicato il 01 giugno 2012 - Commenti (0)

Pubblicita

Autore del blog

Un prete in Rete

Don Marco Sanavio

Prete della diocesi di Padova che dal 1999 si occupa di coniugare il mondo della tecnologia con la pastorale. Ha iniziato a collaborare con alcuni uffici della Conferenza episcopale italiana in occasione del Grande giubileo del 2000, creando il sito www.giovani.org. Attualmente è all'interno del consiglio direttivo dell’Associazione webmaster cattolici italiani. A Padova è direttore dell'Ufficio comunicazioni sociali della diocesi e segue la formazione di adulti e ragazzi all'uso dei new media.

Calendario

<<aprile 2024>>
lmmgvsd
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati