15
ago

La rivoluzione di padre Hannan

Far crescere la spiritualità cristiana attraverso i film?

E farlo, tra l’altro, in una struttura per esercizi spirituali dove si osserva il massimo silenzio? E’ l’originale obiettivo che da qualche anno si è posto Peter Hannan - un canuto gesuita di Dublino che da anni sperimenta il linguaggio simbolico nel suo ministero sfidando la forma classica e le aspettative degli uditori più tradizionalisti.

«Sono stato missionario nello Zambia per 12 anni - spiega padre Hannan- al mio rientro in Irlanda ho approfondito l’approccio catechetico, ovvero come comunicare quelle verità di fede che sembrano così sganciate dalla vita dell’uomo di oggi. Attraverso canzoni, immagini e spezzoni di film ottengo molto più che con qualsiasi omelia.»

Ai suoi ritiri spirituali in cui utilizza il cinema, chiamati “Movies that matter” (film che interessano, che contano), partecipano molti giovani attratti  inizialmente dal linguaggio cinematografico e successivamente coinvolti in un profondo cammino spirituale.

«Il mio metodo è semplice –continua padre Peter, 77 anni compiuti- presento il film, lo si guarda insieme, e poi dò spazio alle storie personali. Il cinema diventa un ponte tra la vita dei presenti e le vicende narrate nella Bibbia. Fermarsi ad ascoltare il vissuto, anche senza farci sopra immediatamente della catechesi, non è mai tempo perso! E’ fondamentale per portare quella persona ad incontrare il Cristo

Padre Peter Hannan è un noto autore di libri di spiritualità in Irlanda. Ne ha scritti otto (www.peterhannan.ie/books.html). I più curiosi sono quelli che collegano l’enneagramma, una mappa che descrive nove tipi di personalità (http://it.wikipedia.org/wiki/Enneagramma_della_personalit%C3%A0), all’amore di Dio. «Possiamo percepire l’amore che Dio ha nei nostri confronti, in nove modi diversi –spiega l’originale gesuita- che richiamo altrettante rappresentazioni del volto del Padre o di Gesù Cristo. Ognuno può scegliere quale volto è più consono alla sua storia personale.»

Il blog di Peter Hannan replica nel nome il titolo di un suo libro “The quiet revolution” (www.peterhannan.ie), una pacifica rivoluzione interiore che lui tenta di scatenare con fotogrammi e pagine della Scrittura, ma anche una provocazione per chi pensa che la spiritualità si alimenti con prassi noiose e pesanti da reggere.

Pubblicato il 15 agosto 2012 - Commenti (0)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita

Autore del blog

Un prete in Rete

Don Marco Sanavio

Prete della diocesi di Padova che dal 1999 si occupa di coniugare il mondo della tecnologia con la pastorale. Ha iniziato a collaborare con alcuni uffici della Conferenza episcopale italiana in occasione del Grande giubileo del 2000, creando il sito www.giovani.org. Attualmente è all'interno del consiglio direttivo dell’Associazione webmaster cattolici italiani. A Padova è direttore dell'Ufficio comunicazioni sociali della diocesi e segue la formazione di adulti e ragazzi all'uso dei new media.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati