21
ago

Dire Cristo ai quattro venti

"Cuatro vientos", quattro venti, il nome dell'aeroporto militare di Madrid che ha accolto l’incontro finale di questa ventiseiesima Gmg si è rivelato abbastanza profetico per l’intero evento.  Il papa ha chiesto ai ragazzi di testimoniare senza vergognarsi; dire Cristo ai quattro venti, portarlo nella vita quotidiana è la missione affidata ai giovani.
Quattro venti dovrebbero essere anche quelli che si sono congregati nel violento fenomeno atmosferico della veglia di sabato notte, sconvolgendo un po’ i piani della celebrazione, interrompendo il Papa e danneggiando le tende dalle quali avrebbe dovuto partire la distribuzione dell’ Eucarestia.
Quindi niente comunione per i fedeli domenica mattina. Di certo saldi e radicati i tanti giovani che hanno continuato a cantare e ballare anche sotto la pioggia battente, sorprendendo anche il Papa. 
Levante, Ponente, Tramontana e Ostro sono i venti che accompagneranno il decollo e il ritorno dei pellegrini nelle loro terre di origine, insieme alla domanda affidata loro da Benedetto XVI:  «Ma voi, chi dite che io sia?» chiede il maestro «Rispondetegli – suggerisce il Papa – con generosità e audacia, come corrisponde a un cuore giovane qual è il vostro».

E’ cambiata anche l’aria, quella tesa che aveva accompagnato la vigilia dell’evento in Spagna, ma soprattutto a Madrid, si è trasformata parzialmente in brezza di simpatia da parte di un popolo che per il 70% si dichiara cattolico ma che poi, nei fatti, vive una forte atmosfera di secolarizzazione e indifferenza.

Brutta aria per i giovani pellegrini rimasti fuori dall’aerodromo e ha vissuto qualche momento di smarrimento durante la breve bufera di sabato notte.
Qualche falla organizzativa non di poco conto c’è stata in questi giorni.
Tutti lo sanno ma di solito non se ne parla, un po’ perché i problemi si annacquano nella buona riuscita globale dell’evento, un po’ perché si è ospiti e non è cortese fa notare i disagi subiti.
Fortunatamente l’indole ottimista dei giovani e lo spirito di fede con cui si vive l’intero evento riescono a trasformare anche le situazioni più critiche in occasioni di ulteriore crescita. Adesso soffia vento di Brasile, vento caldo e un po’ pazzerello che proietta già il pensiero oltre. Appuntamento a Rio, nel 2013.

Pubblicato il 21 agosto 2011 - Commenti (0)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita

Autore del blog

Un prete in Rete

Don Marco Sanavio

Prete della diocesi di Padova che dal 1999 si occupa di coniugare il mondo della tecnologia con la pastorale. Ha iniziato a collaborare con alcuni uffici della Conferenza episcopale italiana in occasione del Grande giubileo del 2000, creando il sito www.giovani.org. Attualmente è all'interno del consiglio direttivo dell’Associazione webmaster cattolici italiani. A Padova è direttore dell'Ufficio comunicazioni sociali della diocesi e segue la formazione di adulti e ragazzi all'uso dei new media.

Calendario

<<aprile 2024>>
lmmgvsd
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati