05
lug

Farmville e la "gamification"

L'agreste mondo di Farmville, su Facebook: oltre 80 milioni di giocatori
L'agreste mondo di Farmville, su Facebook: oltre 80 milioni di giocatori

Una nuova parola si diffonde nella rete: “gamification”. Significa qualcosa come “dare forma di gioco”. Ovvero, sfruttare caratteristiche dei videogiochi per rendere attraenti altri generi di interazione, come la consultazione di un sito, la composizione di un questionario, la risposta a un annuncio pubblicitario che prevede la consegna di dati personali. Esistono anche gli “advergames”, parola-sintesi fra advertising, pubblicità, e games, giochi. Sembra essere qui parte del futuro della pubblicità online.

Anche Facebook ha alcune caratteristiche che richiamano i videogiochi. Per esempio il meccanismo “mi piace” innesca l’emulazione ed è una sorta di punteggio che premia un’opinione scritta sulla bacheca elettronica.

Facebook è andato pure arricchendosi di giochi in senso stretto. Il più noto è Farmville, ovvero una fattoria virtuale nella quale si deve coltivare, irrigare, mungere. Questo richiede attenzione, perché se non si accudiscono campi e bestiame quando è tempo, tutto va a male. È un gioco semplice, quasi noioso. È anche una specie di catena di sant’Antonio, perché altri giocatori “amici” di Facebook regalano sementi, utensili, animali e chiedono aiuti. Ha avuto enorme diffusione (83 milioni di utenti al mese), tale da far pensare che più del gioco sia sentito come importante il mantenere questa catena di obblighi e scambi. È gratuito salvo acquistare elementi per passare di livello: piccole transazioni che moltiplicate per tanti fanno cifre notevoli. Ci sono state anche controversie per vendite di servizi camuffate da offerte.

Ecco il video girato da un giocatore:

Certamente si possono immaginare e realizzare giochi positivi, simpatici, “sociali” e davvero gratuiti. Conviene tener presente che far venire e restare le persone in un luogo in cui vendere (o sottrarre) loro qualcosa è comunque un obiettivo che ingolosisce molti.

Pubblicato il 05 luglio 2011 - Commenti (1)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da Gamification il 12/07/2011 14:06

L'utilizzo dei giochi a fini sociali ed educativi rappresenta sicuramente uno strumento validissimo e coinvolgente per un pubblico di giovanissimi. Vi ringrazio per l'articolo e approfitto per segnalarvi il sito italiano di riferimento sul fenomeno Gamification http://www.gameifications.com

Pubblicita

Autore del blog

Family Game

Giuseppe Romano

Giuseppe Romano insegna Lettura e creazione di testi interattivi all'Università Cattolica di Milano e collabora con quotidiani e riviste su temi riguardanti l’era digitale, la comunicazione interattiva, i videogame, i fenomeni di massa.

Calendario

<<febbraio 2024>>
lmmgvsd
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati