12
mar

Immersioni antiche e nuove

Una cinquantina di sport (cioè altrettante sfide), tra cui il canottaggio
Una cinquantina di sport (cioè altrettante sfide), tra cui il canottaggio

Ho letto su un libro interessante che c’è una parola speciale per descrivere l’“interattività”, vale a dire quell’interazione continua che caratteristica molti testi tipici dell’era digitale, come i siti web e soprattutto – molto di più – i videogiochi.

Questa parola è “immersione”. Ed è proprio vero. In un videogioco ci immergiamo come in mare, indossiamo una maschera per guardare una realtà diversa da una prospettiva particolare, e restiamo immersi finché non ci manca l’aria. Il parallelismo con l’attività davanti allo schermo è evidente, anche perché mentre giochiamo molti sensi sono coinvolti: la vista, l’udito e anche il tatto, dal momento che mouse o controller sono la nostra strada di comunicazione (i tecnologi dicono “la nostra interfaccia”) con l’ambiente “sottomarino” del videogioco.

E così come quando ci immergiamo in mare, l’aria può mancarci molto presto, se ci annoiamo, oppure durare a lungo, grazie alle “bombole” dell’entusiasmo, del fascino che possono indurre un gioco ben concepito e una storia ben narrata.

Ma proprio questa considerazione me ne fa venire in mente un’altra: forse che “immersione” non è la parola giusta per definire qualsiasi esperienza bella di contemplazione e di comunicazione? Prima che i pc fossero anche immaginati, ci si immergeva – ci si tuffava! – in un bel libro, in un film, in una musica.

La differenza sta in quel di più di tecnologia che, tramite l’interazione, ci porta fisicamente un po’ più in là. Se ci pensate, anche il cinema, con la sua ambientazione buia, offre quel “trasporto” che la tv invece non dà, ed è il motivo per cui lo stesso film di solito arreca più o meno emozione se visto sul grande o sul piccolo schermo.

Immergersi in un videogioco significa poi immergersi nel mondo di cui parla. Lo sa bene chi ha dedicato a SuperMario e a un altro noto personaggio un videogame in tema delle prossime Olimpiadi. Con Mario & Sonic Olimpiadi di Londra 2012 (Sega, per Nintendo Wii e 3DS) si mettono insieme la fantasia di personaggi amati e una delle “fiabe” contemporanee più seguite, le Olimpiadi.

Qui sotto il video di presentazione. Niente di straordinario, per carità, ma un'ambientazione azzeccata.

Pubblicato il 12 marzo 2012 - Commenti (0)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita

Autore del blog

Family Game

Giuseppe Romano

Giuseppe Romano insegna Lettura e creazione di testi interattivi all'Università Cattolica di Milano e collabora con quotidiani e riviste su temi riguardanti l’era digitale, la comunicazione interattiva, i videogame, i fenomeni di massa.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati