23
set

Internet come un palcoscenico

Un picnic virtuale su Second Life
Un picnic virtuale su Second Life

A Torino, organizzato dalla Scuola Superiore di Formazione Rebaudengo (dov’è attiva una laurea in Psicologia della comunicazione), si sta svolgendo un convegno dedicato a rischi e virtù dell’internet riguardo ai giovani. Giornate d’incontri promosse dal mondo salesiano per interrogarsi, con esperti, studiosi e insegnanti, su ciò che accade nel mondo da quando abbiamo un sistema di comunicazione istantaneo e mondiale, democratico e universale, capace di molto bene e di molto male.

Avventori in un bar virtuale su Second Life
Avventori in un bar virtuale su Second Life

Per tirare l’acqua al mulino di questo blog, mi pare significativo riflettere che la caratteristica più palese dei rapporti via internet è quella che potremmo definire la loro “teatralità”. Nel mondo della Rete si comunica, sì, all’istante, ma anche alla cieca, senza tutto il contorno di segnali umani a cui i nostri cinque sensi sono abituati. Dunque ci ritroviamo inevitabilmente a indossare maschere e a recitare parti: lì, volenti o nolenti, agiamo tutti “nascosti” dietro i nickname e gli avatar di noi stessi. Nel migliore e più frequente dei casi indossiamo la maschera di noi stessi e recitiamo la nostra parte sincera. Molti tuttavia approfittano delle circostanze e s’inventano una facciata fittizia per l’occasione. Paradossalmente, chi sente meno il bisogno di sembrare diverso da sé sono proprio i videogiocatori, che recitano “ufficialmente” nel ruolo che si sono scelti per giocare. Infatti, accanto alle fasi di gioco, spesso danno vita a chat e forum in cui nascono amicizie effettive e anche incontri fisici, per proseguire di persona discorsi e passioni nati nella rete. Non è sempre così, ma capita più spesso di quanto non si creda.

Pubblicato il 23 settembre 2010 - Commenti (3)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da bastardobuono il 04/10/2010 20:32

beh io internet lo vedo anche come un "posto" dove poter incontrare gente che ha i più svariati interessi e modi di pensare...se hai interessi un po' diversi da quelli della maggior parte dei ragazzi della tua età ti è un po' difficile poter trovare qualcuno con cui parlare di ciò che davvero t'interessa ed ecco che li subentra internet anche se un po' ti isola dal mondo... il nickname poi può essere usata anche per superare la vergogna io ad esempio mi trovo più a scrivere che a parlare per un semplice motivo: se faccio una brutta figura online nessuno sa chi sono e finisce la la cosa se la faccio nella vita reale magari mi ricorderanno quella brutta figura per vario tempo, inoltre quando parli spesso al gente non ti ascolta mentre quando scrivi... beh ci sarà qualcuno che leggerà quello che hai scritto e anche che su 100 persone lo leggerà solo 1 tu l'hai scritto solo una volta non lo devi scrivere ogni volta come invece succede per le parole...

Postato da giuseppe_romano il 28/09/2010 12:47

Lei stessa individua il problema. Chi soffre la solitudine (una solitudine che è sempre reale, non solo "digitale") cerca evasioni ovunque: nei videogiochi e in rete ma anche nelle partite in tv o nel bicchierino di troppo. La questione, quindi, è di vivere la vita, non di fuggirne, e di aiutare gli altri a viverla. I mezzi di comunicazione... sono mezzi, così come i giochi, se c'è equilibrio esistenziale, immergono nella realtà e non ne distraggono.

Postato da Molly il 24/09/2010 15:09

Nel mondo di oggi manca totalmente l'accoglienza dell'altro: conseguenza siamo portati a entrate nelle chat o in questi mondi virtuali che ci fanno sentire a casa... nelle facciate d'occasione uno riversa tutto quello che vorebbe essere e non e' o comunque fa finta di essere perche' e' divertente pensarsi altri... Se non fingo forse non sono interessante! invece forse essere se stessi non e' poi cosi' male ... ma il gioco perderebbe d'interesse!!!

Pubblicita

Autore del blog

Family Game

Giuseppe Romano

Giuseppe Romano insegna Lettura e creazione di testi interattivi all'Università Cattolica di Milano e collabora con quotidiani e riviste su temi riguardanti l’era digitale, la comunicazione interattiva, i videogame, i fenomeni di massa.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati