06
set

Realtà virtuale? Più reale di così…

Secondo le statistiche, oltre la metà dei bambini usa il proprio cellulare per giocare e per scattare foto.
Secondo le statistiche, oltre la metà dei bambini usa il proprio cellulare per giocare e per scattare foto.

Sei bambini italiani su dieci, in un’età compresa tra i 7 e gli 11 anni, utilizzano un telefono personale. Lo dicono le statistiche. Le quali, se interpellate, direbbero anche che sei genitori italiani su dieci non hanno un’idea chiara di ciò che figlio o figlia fanno, o potrebbero fare, con le potenzialità tecnologiche di quel telefonino.

A papà e mamma risulta che l’apparecchio serva a telefonare. Sì, fa anche sms. E forse ci si può scattare fotografie, girare qualche filmato.

Non hanno idea del fatto che quel “telefonino” è un terminale mobile dell’internet, che può agganciarsi (o essere agganciato) dentro infiniti “luoghi virtuali” frequentati da persone reali. Folle di amici e di sconosciuti. Consente non soltanto di telefonare quanto di immergersi in una realtà senza confini e – paradosso, trattandosi di tecnologie basate sulla visualizzazione – senza schermi.

Nell’era digitale le prospettive cambiano. Un pc, un cellulare, sono punti di partenza per luoghi e attività sterminati, diversi, a volte meravigliosi e altre volte orribili. Con questi strumenti si può giocare, studiare, lavorare, conversare. Si può anche aggredire, distorcere, ferire.

Occorre anzitutto sapere, di quest’universo digitale che alcuni chiamano “realtà virtuale”, che non c’è niente di virtuale. È tutto reale: le persone, i discorsi, gli insulti, le carezze. Ciò che si fa nell’internet si fa davvero. C’è gente che ne vive e gente che ne muore. Gente che si rivela e gente che si traveste.

Qui entriamo in una dimensione “family” del mondo e del gioco digitale. Una dimensione, intendo, in cui le scoperte non si fanno da soli e soprattutto non si resta soli davanti all’ignoto. Perché la sostanza della famiglia pulsa dentro l’avverbio “insieme”, e insieme non c’è niente che non sia abbastanza importante da meritare attenzione, né troppo impegnativo per non meritarla.

Pubblicato il 06 settembre 2010 - Commenti (1)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da bastardobuono il 15/09/2010 23:59

beh in parte è vero però questo vale per social network, giochi in multyplayer , forum, chat, blog ecc ma per realtà virtuale s'intendo un gioco a singolo giocatore...

Pubblicita

Autore del blog

Family Game

Giuseppe Romano

Giuseppe Romano insegna Lettura e creazione di testi interattivi all'Università Cattolica di Milano e collabora con quotidiani e riviste su temi riguardanti l’era digitale, la comunicazione interattiva, i videogame, i fenomeni di massa.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati