31
gen

Quando gli uragani avevano le…gonne!

Quante volte vi sarà capitato di ascoltare alla Tv o alla radio notizie del tipo “Agnese si sta pericolosamente avvicinando alle coste della Florida…” oppure “già evacuate le popolazioni lungo la costa atlantica del Nicaragua per l’ormai prossimo arrivo di George..”?!! Ebbene, come avrete intuito, si fa riferimento ad uno dei fenomeni più devastanti e più temuti in natura: gli uragani, quei vasti cicloni di 300-500 km di diametro, che imperversano in prossimità della fascia tropicale! E’ come se nei nostri bollettini meteo comparissero, di quando in quando, avvisi del tipo: “Giovanna porterà abbondanti nevicate su tutto l’Arco Alpino”. Ma come è nata questa curiosa abitudine di assegnare un nome a questi temibili fenomeni?

In realtà, la scelta di nominare i cicloni tropicali, o almeno quelli che raggiungono un certa intensità, deriva in primo luogo dalla necessità di rendere più facile lo scambio di informazioni tra centri meteorologici, addetti alla protezione civile e la popolazione in genere, sia per quanto riguarda l’osservazione e la previsione dei cicloni tropicali, sia per quel che concerne la prevenzione e gli allarmi. I cicloni tropicali hanno infatti un ciclo di vita dell’ordine di 6-10 giorni e quindi spesso capita che sulla medesima area scorrazzino due o anche tre cicloni tropicali contemporaneamente. Da qui l’esigenza di etichettarli con un nome onde evitare di confondere l’uno con l’altro. Per di più, vi è il vantaggio di ricordare più facilmente i cicloni più catastrofici: il nome Katrina richiama subito alla mente i terribili eventi che accompagnarono il suo passaggio sulla città di New Orleans, senza la necessità di dovere specificare di quale anno, di quale nazione o di quale tempesta si stia parlando.

Il primo a fare uso di nomi propri per indicare gli uragani fu agli inizi del ‘900 il meteorologo Clement Wragge, il quale assegnava alle alte pressioni, sinonimo di bel tempo, i nomi di personaggi a lui simpatici, mentre alle tempeste tropicali dava nomi di uomini politici a lui antipatici. La prassi fu ripresa nella Seconda Guerra Mondiale, quando i piloti americani iniziarono a indicare i tifoni del Pacifico con nomi femminili, per ricordare le proprie mogli o fidanzate rimaste a casa. Più in generale però, fino al 1950, ai cicloni tropicali veniva assegnato solo un numero, e nulla di più. Poi, dal 1950 al 1952, si iniziò a indicare i cicloni tropicali atlantici tramite l’alfabeto fonetico americano (Able, Baker, Charlie...).

Ma nel 1953, il Servizio Meteorologico degli USA decise di utilizzare, per l’Atlantico, solo nomi femminili: scelta motivata in parte dal luogo comune circa la mutevolezza d’umore del gentil sesso e in parte dalla tradizione marinara che assegnava alle donne il ruolo, poco simpatico, di “portasfiga”. Soltanto a partire dal 1979, i nomi dei cicloni tropicali furono attinti da una lista contenente sia nomi femminili che maschili: Bob fu il primo uragano con nome maschile. Nella tabella sono indicati i nomi assegnati o da assegnare dal 2011 al 2013. L’ultimo uragano atlantico del 2011, tuttora presente appena ad est dei Caribi, è stato Ophelia.

Pubblicato il 31 gennaio 2012 - Commenti (0)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Pubblicita

Autore del blog

Il meteo di Giuliacci

Col. Mario Giuliacci

Mario Giuliacci è un meteorologo, personaggio televisivo e colonnello italiano. È laureato all'Università La Sapienza di Roma. È autore di diversi libri sulla meteorologia. Attualmente cura su LA7 la rubrica del meteo per il fine settimana.

Calendario

<<giugno 2024>>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati