09
feb

Nostalgia d'infanzia

Marta inizia a piangere, mentre mi racconta le sue contraddizioni di quindicenne. I suoi genitori le dicono che è cambiata, quasi fosse un’accusa, ma lei sostiene di essere sempre la stessa dell’anno scorso. Continua a dire che non parla più con loro, ma le parole della mamma e del papà fanno capolino ad ogni angolo della nostra conversazione. E’ presissima da un ragazzo, ma in certi momenti non lo vorrebbe vedere più…

Le dico che a me sembra contenta di diventare grande e di pensare alla sua vita con la propria testa, ma che ha anche molta confusione. E forse, qualche volta ha un po’ di nostalgia per quando era più piccola.

Marta alza lo sguardo e con convinzione mi dice che sì, che era proprio meglio da bambina, alle elementari. Lì ogni cosa era più chiara, i litigi duravano cinque minuti e poi passava tutto. Era più ingenua, ma si sentiva anche più genuina.

Malgrado gli atteggiamenti da piccoli adulti, i modi decisi, la rigidità di certe prese di posizione, si percepisce negli adolescenti un po’ di rimpianto per l’infanzia, per un’età più facile da vivere, dove c’erano meno responsabilità, meno sfide da affrontare, meno giudizi da subire.

Non è facile far vedere loro che abbiamo capito questa nostalgia, perché possono risentirsi. Ma dobbiamo anche stare al loro gioco, e talvolta coccolarli ancora un po’. Come possiamo aiutarli a capire che l’infanzia non va perduta, ma se ne può ancora  conservare un pezzetto da qualche parte?

Pubblicato il 09 febbraio 2011 - Commenti (3)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da a.osti il 24/08/2011 14:20

Il tempo è volato...da un giorno all'altro mi sono ritrovata a dover spiegare a mia figlia di 17 anni, alle prese con il suo primo amore, che tra l'altro vive a 217 km da noi, il valore della castità. Oggi è come parlare un'altra lingua. Mia figlia è innamoratissima di questo ragazzo, diciottenne, che ha conosciuto in Inghilterra lo scorso anno, lo ha rivisto 5-6 volte, ma già si sta preparando ad avere rapporti con lui... perchè?... perchè è normale così, così fan tutte le sue amiche. Basta scorrere le pagine di Facebook, per rendersi conto di ciò. Non c'è alcun pudore nel mostrare foto, immagini ed intavolare argomenti che un tempo erano veri tabù. Non credo di essere fuori dal tempo, ma onestamente non so più come spiegarglielo e ogni argomentazione mi pare ormai fuori luogo. Mi smonta pezzo per pezzo... con una convinzione incredibile. Al punto che comincio ad esser fragile anch'io e a dubitare delle mie capacità educative. Ho chiesto aiuto al mio anziano parroco, che si è stretto nelle spalle...anche lui mi ha confermato che... così fan tutti. Ho cercato di parlare con i capi scout del gruppo di mia figlia: magari se fra un nodo e l'altro, una route e l'altra riuscivano anche ad affrontare argomenti come la verginità, la castità... poi ho saputo che i fidanzati scout da anni fanno vacanze insieme...come se fossero sposati. Io e mio marito siamo arrivati alla conclusione che mai come oggi le coppie che vivono un amore puro e casto sono una vera rarità.

Postato da gigliola 62 il 23/02/2011 10:25

ho due figli adolescenti e vi assicuro che è una faticaccia. i figli che passano 20 volte al giorno da "sono indipendente" a "sono ancora piccolo" mi mettono a dura prova, ma penso che sia un passaggio inevitabile, è così per tutti. Io mi limito ad avere pazienza: le regole del vivere civile dovrebbero averle già capite a quest'età. qundo vogliono essere indipendenti gli dico va bene, quando vogliono attenzioni da lattante, li abbraccio. Fin'ora pare che funzioni. Ma non siamo anche noi adulti a volte un po' così?

Postato da bastardobuono il 09/02/2011 21:06

in questo articolo un po' mi ci ritrovo precisamente nel fatto di avere nostalgia d'infanzia. Si dice che quando si è bambini si vuol diventare adulti e quando si è adulti si vuole tornare bambini, beh io ho capito questo a circa 16 anni ho riflettuto un po' e ho visto che quando si è bambini si hanno meno difficoltà, più facilità nella socializzazione, meno problemi, e si è anche fisicamente più belli, intendo la bellezza dell'infanzia, della fanciullezza, e si ha una visione del mondo tutto rose e fiori o quasi perchè gli adulti ci fan credere questo: non dicono molte parolaccie su di noi, non guardiamo i tg e non sappiamo di stupri, omicidi ecc poi si comincia a capire e si prende la pillola rossa del film matrix e si vede la verità per com'è. Personalmente vorrei tornare bambino ma solo fisicamente ovvero mantenendo le conoscenze che ho acquisito fino ad ora. Per questi motivi mi trovo spesso a riuscire a socializzare con ragannini tra 10 e 13 anni anche se io ne ho 18

Pubblicita

Autore del blog

Mio figlio l'adolescente

Fabrizio Fantoni

Fabrizio Fantoni, 55 anni, sposato, tre figli. Psicologo psicoterapeuta, esperto di adolescenti.

 

Calendario

<<giugno 2024>>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati