16
lug

Ozio estivo

Tanto tempo libero. Il sole, la calura, i pomeriggi vuoti. Appena possibile, cioè dopo l’ultimo boccone del pranzo, ragazzi e ragazze si precipitano fuori casa per la libera uscita. Stare con gli amici. Passare dal caldo delle panchine dei giardinetti e delle piazze al fresco dei centri commerciali. Oppure ci si sdraia su letti e divani, a guardare repliche di telefilm alla tv o repliche di youtube sul tablet. Visti mille volte, senza mai annoiarsi. Chi è al mare o ai monti si stende al sole, gioca in spiaggia, rincorre un pallone, mangia un gelato, afferra la bici.

E’ un tempo sospeso. Non c’è preoccupazione per il futuro, se non per gli imminenti momenti successivi, che subito scivolano via. L’orizzonte dei grandi progetti si restringe ai programmi della serata. Non bisogna rendere conto a nessuno delle proprie scelte. Al massimo, ma non sempre, bisogna comunicare ai genitori l’ora di rientro o i soldi spesi. Per moltissimi adolescenti, l’estate è il tempo dell’ozio. Non si fa niente. E’ un abbandono languido, senza forze, senza nerbo, al quale ci si lascia andare. Noi adulti guardiamo a questo tempo con un mix di sentimenti diversi.

Comprensione: si godano le vacanze, almeno loro! si riposino dell’anno.
Irritazione: ci sono tante cose da fare; essere in vacanza non vuol dire mollare tutto, c’è sempre un po’ di studio, e ci sono gli obblighi della vita in famiglia.
Inquietudine: tempo vuoto, tempo senza un senso, senza una direzione.

Che cosa passa nella mente degli adolescenti quando il tempo si fa liquido e perde la sua ‘forma’ abituale, fatta di doveri, di obiettivi, di regole che lo scandiscono? Il tempo, insieme al corpo e agli spazi di casa, è il terreno di battaglia favorito nei conflitti tra gli adolescenti e i loro genitori, quei conflitti che possono essere così utili nella crescita quando non cercano di distruggere l’avversario, ma di incontrarlo, sia pure nel corpo a corpo, e di delimitarlo. Tuttavia in estate, come genitori, siamo anche noi stanchi e desideriamo un po’ di vacanza. Abbiamo già lottato abbastanza per organizzare almeno una parte del tempo estivo: soggiorni all’estero, campi di lavoro, vacanze dai parenti, oratorio feriale, piccoli lavori, ripetizioni.

E’ il momento per dire ai nostri figli: oziate per davvero! Abbandonate anche le solite attività del tempo libero che distraggono, i videogiochi che ottundono. Lasciatevi andare alle vostre fantasie e ai vostri pensieri, seguiteli senza volerli sempre controllare. Vi porteranno lontano e vi faranno approdare a territori che nella quotidianità non potete esplorare.  Sperimentate anche la noia, che è un vuoto che chiede di essere riempito, che porta a cercare ciò che soddisfa davvero, e non narcotizza. State molto, molto tempo con i vostri amici, finché le parole cominciano a mancare, le risate appaiono stanche. Se rinuncerete a facili scorciatoie, che danno ebbrezza ma non saziano, comincerete a guardarvi negli occhi. A parlare di cose che non si capiscono, ma che interrogano ciascuno. E talvolta a cercare anche un po’ di solitudine.    

Pubblicato il 16 luglio 2012 - Commenti (1)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da ippogrifo il 25/07/2012 22:22

Buonasera, trovo sempre molto interessanti e utili gli articoli del Dott, Fabrizio Fantoni. Avrei necessità di sapere se fosse possibile un dialogo diretto per poter meglio approfondire la gestione delle problematiche inerenti mio figlio di 18 anni oppure se si può ricevere qualche suggerimento su chi poter contattare a Genova per avere qualche supporto che mi possa aiutare nell'impegnativo "mestiere" di genitore di un figlio di 18 anni. Grazie molte in anticipo per la cortese attenzione e cordiali saluti.

Pubblicita

Autore del blog

Mio figlio l'adolescente

Fabrizio Fantoni

Fabrizio Fantoni, 55 anni, sposato, tre figli. Psicologo psicoterapeuta, esperto di adolescenti.

 

Calendario

<<giugno 2024>>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati