15
giu

Qualche consiglio per l'estate

La fine delle scuole è accolta con gioia dai ragazzi, con sollievo ma anche preoccupazione dai genitori. Sollievo perché i conflitti (piccoli o grandi) sullo studio trovano una tregua. A meno che non ci siano recuperi di materie poco studiate durante l’anno. Preoccupazione perché adesso il tempo a disposizione è molto. Ragazzi che si annoiano. Ragazzi che stanno fuori di casa tutto il giorno. Ragazzi che si trascinano da una panchina all’altra dei parchetti di città o delle piazze di paese. Ragazzi che dormono durante il giorno e stanno svegli di notte, per giocare o chattare. A volte poi la possibilità di controllo dei genitori è ridotta, per gli impegni lavorativi durante la giornata. Che fare?

E’ giusto insistere perché i ragazzi organizzino il loro tempo libero? Penso di sì, per almeno due motivi. Il primo è che, alla lunga, il rischio della noia è sempre presente. Il secondo è che l’estate, tempo (parzialmente) libero dagli impegni di studio, è occasione di esperienze di vita importanti e spesso utili per la crescita, per le quali non si ha tempo l’anno scolastico.

Le vacanze vanno programmate, e non solo quelle che si trascorrono lontano da casa, come i viaggi di piacere o le permanenze all’estero per studiare le lingue. Se non lo si è fatto prima, è in questi giorni che va affrontato il problema con i ragazzi. Sedendosi al tavolo insieme e provando a progettare. Spesso non è facile, emergono forti resistenze. Ma alla fine si può essere tutti più contenti.

Ci sono impegni fuori casa, come la partecipazione all’oratorio feriale, al Grest, ai Centri estivi o come in altri modi vengono chiamate queste attività. Si può essere utenti, oppure, per gli studenti di scuola superiore, animatori. Ci sono campi di lavoro, proposte di impegno che provengono dalle associazioni di volontariato (basta digitare su internet per trovare gli elenchi). Un’esperienza di servizio agli altri è sempre formativa per un adolescente, di solito centrato su di sé più che attento al resto del mondo.

Ma anche per chi sta in casa occorre pensare ad una regolamentazione condivisa. La sveglia al mattino deve suonare, certamente non all’orario in cui si va a scuola, ma neppure alle 11 o a mezzogiorno… La maggiore disponibilità di tempo consente ai ragazzi di farsi carico di alcune incombenze domestiche (riordino, letti, spesa, preparazione del pranzo o della cena). Ad esempio, si può decidere di stabilire insieme che un giorno alla settimana l’adolescente sta in cucina. Dapprima con la guida di qualcuno, poi da solo.  Più autonomo, più pronto alla vita.

Pubblicato il 15 giugno 2010 - Commenti (1)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da bastardobuono il 30/08/2010 03:02

Scusa da adolescente ti rispondo ( ti do del tu scusami ma il lei a stento lo uso nelle lettere ai grossi siti è troppo informale) Se in inverno hai la scuola e in estate i genitori ti organizzano la giornata o l'estate quando avrai il tempo per te quando finirai la scuola e dovrai lavorare? Naturalmente se il figlio è d'accordo lo si può anche fare ma non cercare di imporgli degli impegni. Se dormono di mattina e sonos vegli di notte beh se non si fanno a questa età certe cose quando bisogna farle? per esempio io sono qui a risponderti alle 3.02 di notte...

Pubblicita

Autore del blog

Mio figlio l'adolescente

Fabrizio Fantoni

Fabrizio Fantoni, 55 anni, sposato, tre figli. Psicologo psicoterapeuta, esperto di adolescenti.

 

Calendario

<<giugno 2024>>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati