29
mar

"Sbattimento maturità"

Con queste parole Giulia e Lorenzo introducono il tema della preparazione all’esame di Stato conclusivo della scuola superiore. Come molti loro coetanei sono agitati dalla prova finale. Dal desiderio di uscire da una scuola dove hanno trascorso  cinque anni e che incomincia a star stretta. Dal pensiero di come si troveranno all’università. Gli amici di poco maggiori ne parlano come di un posto dove si incontrano tante facce nuove, e dove è bello poter studiare solo ciò che interessa. Ma anche come di un’esperienza di esami difficili, di appelli che si rincorrono e di grandi studiate.

Certo, l’esame a punteggi (un tanto per i crediti degli anni precedenti, un tanto per gli scritti, un tanto per l’orale) fa compiere un esame di realtà stringente. La terza prova, con i suoi elementi di imprevedibilità, spinge a ridurre gli imprevisti con un lavoro scolastico di più ampio respiro. Qualcuno ne approfitta per affrontare lo studio con un impegno fino ad ora sconosciuto. Qualcun altro si preoccupa in modo diverso, e studia meno di quanto già non facesse, affrontando la sfida finale in modo fatalistico e confidando nella fortuna più che nelle proprie capacità. L’idea di dover dimostrare di avere spina dorsale, e magari scoprire di non averne abbastanza, forse lo spaventa troppo.

L’importante è che i genitori non facciano, con le proprie ansie, da cassa di risonanza delle preoccupazioni (consce o meno) dei candidati alla maturità. Si può stare vicino senza essere pressanti. Si può capire che un figlio poco impegnato sta combattendo una battaglia di retroguardia per restare nel paese dei balocchi e resistere all’inevitabile passaggio ad un’età più adulta, e rassicurarlo.

Dopo, le cose cambiano, per i ventenni giovani adulti. E’ sempre bene sottolineare che ‘adulti’ è il sostantivo e ‘giovani’ è l’aggettivo, non il contrario… Dopo, le sicurezze maturate dovranno emergere. Le eventuali fragilità di alcuni si faranno più scoperte e richiederanno interventi decisi ma rispettosi. Ai genitori spetterà ancora una volta il compito di tenere la barra del timone, mettere dei paletti in modo che le scelte fatte (università o lavoro) siano rispettate nei tempi giusti e senza dispersioni.  

Pubblicato il 29 marzo 2011 - Commenti (1)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da Caracol il 10/04/2011 11:40

È vero... tutti siamo stati adolescenti e quell'epoca dell'esami di maturità è assai difficile. Vogliamo che i nostri genitori siano lontani da noi, poiché sembra non ci lasciano svilupparci come noi stessi vogliamo. Ma dall'altra parte invece, vogliamo che ci siano vicini. È la vita complicata degli adolescenti... Come possiamo mantenere l'equilibrio giusto? È difficile e ci vuole pazienza, e soprattutto chiede il Signore la sua grazie per saper essere accanto i nostri figli nel modo giusto e amoroso.

Pubblicita

Autore del blog

Mio figlio l'adolescente

Fabrizio Fantoni

Fabrizio Fantoni, 55 anni, sposato, tre figli. Psicologo psicoterapeuta, esperto di adolescenti.

 

Calendario

<<giugno 2024>>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati