13
giu

I figli generati da Dio

"Non da sangue né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati
"
(Giovanni 1,13)

Madonna col bambino di Giovanni Bellini (1430-1516). Bergamo, Accademia Carrara.
Madonna col bambino di Giovanni Bellini (1430-1516). Bergamo, Accademia Carrara.

Il soggetto di questa frase è presente nel versetto precedente del grandioso inno che funge da prologo al Vangelo di Giovanni: «I figli di Dio, quelli che credono nel suo nome» (v.12). Si avrebbe, quindi, la proclamazione di quella che san Paolo definirà come l’adozione a figli da parte di Dio mediante la fede (Galati 4,4-7; Romani 8,15-17).
È curioso, nell’originale greco, l’uso del plurale “sangui”, che riflette un’antica concezione fisiologica secondo la quale l’embrione era generato dall’impasto del sangue materno e dal semesangue paterno. La formula “volere [o desiderio] di uomo” è evidentemente anch’essa legata alla cultura del tempo di stampo maschilista: era il maschio l’agente principale della generazione (tra l’altro, si ricordi che l’ovulo femminile fu identificato solo nel 1827!).

Fatte queste puntualizzazioni, è facile immaginare la domanda dei nostri lettori: dov’è mai la difficoltà di questo versetto? La risposta è più di indole teologica che esegetica. La quasi totalità degli antichi manoscritti greci che ci hanno trasmesso il Nuovo Testamento sono concordi nell’avere il verbo al plurale: «da Dio sono stati generati (eghennéthesan)». Di scena sono, quindi, i credenti in Cristo, Verbo divino. Tuttavia, dobbiamo segnalare che un solo codice greco, alcuni manoscritti dell’antica versione latina e non pochi Padri della Chiesa (come Giustino, Ireneo, Tertulliano) propongono un testo col verbo al singolare: «Non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio è stato generato (eghennéthe)».

È evidente che in questo caso di scena non saremmo più noi con la nostra generazione spirituale a figli di Dio, ma sarebbe lo stesso Cristo, con la sua origine verginale reale, «non da sangue né da volere di carne, né da volere di uomo». È, però, altrettanto evidente che questo verbo al singolare potrebbe essere un successivo adattamento del testo giovanneo, per riproporre la dichiarazione che i Vangeli di Matteo (1,18-25) e di Luca (1,26-38) hanno riguardo alla generazione verginale di Gesù: egli non è frutto dei meccanismi biologici genetici umani, ma è dono divino attraverso Maria.

Aggiungiamo un’ulteriore nota erudita. Alcuni studiosi pensano che questa lettura al singolare sia originata da una polemica contro un’ipotetica accusa da parte ebraica secondo la quale si affermava che i cristiani – sulla base di un passo oscuro del libro della Genesi (6,1-4) – consideravano Gesù come un gigante dell’antichità, concepito da una donna e da un “figlio di Dio”, cioè un angelo. Tra l’altro, in uno scritto apocrifo giudaico molto popolare detto Libro di Enoc si riprende proprio l’arcaica tradizione biblica dei giganti, considerati frutto dell’unione tra donne e angeli, e la si condanna.

Pubblicato il 13 giugno 2013 - Commenti (2)
07
giu

La sconfitta delle tenebre

                                                      "La luce splende fra
le tenebre, e le tenebre
non l'hanno vinta"
(Giovanni 1,5)

La separazione della luce dalle tenebre , cupola della Genesi, mosaici del secolo XII. Venezia, Basilica di San Marco.
La separazione della luce dalle tenebre , cupola della Genesi, mosaici del secolo XII. Venezia, Basilica di San Marco.

Tra i famosi manoscritti giudaici venuti alla luce nel 1947 a Qumran, sulla sponda occidentale del Mar Morto, ce n’è uno intitolato dagli studiosi Il Rotolo della Guerra: in esso si descrive la battaglia finale di una guerra quarantennale tra i Figli della Luce e i Figli delle Tenebre, segnata dal trionfo della Luce. Ebbene, nel celebre inno che funge da prologo al Vangelo di Giovanni si ha qualcosa di analogo e il versetto che noi abbiamo proposto ne è un’evidente attestazione. Lo è almeno nella versione che è stata adottata e che è anche quella scelta dall’ultima edizione della Bibbia della Conferenza episcopale italiana.

La precedente – che è quella forse ancora nelle orecchie dei nostri lettori – suonava invece così: «La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta». Alcuni, abituati al latino, hanno ancora in mente la resa offerta dalla Vulgata di san Girolamo: Lux in tenebris lucet, et tenebrae eam non comprehenderunt e, nel tardo latino, quel comprehenderunt poteva avere anche valore di “non compresero”.

Allora, quale sarà mai la traduzione giusta del verbo greco originale katélaben? “Vincere”, “accogliere”, “comprendere” non sono la stessa cosa, eppure sono verbi diversamente usati da versioni ufficiali o qualificate. Qual è, dunque, quella preferibile? Diciamo subito che il verbo greco presente nel testo originario è di sua natura ambiguo perché può ospitare al suo interno tutta la gamma dei significati indicati, sia pure con accenti diversi. Partiamo dalla resa «le tenebre non hanno compreso» (la luce).

Di per sé è possibile, dato che le tenebre sono nel quarto Vangelo sinoni- mo di “mondo” e nel versetto 11 dell’inno-prologo si dice che «il mondo non ha riconosciuto» il Verbo-Luce- Cristo. Ma la formulazione risulta un po’ estranea al modo con cui Giovanni sviluppa il tema della rivelazione e del giudizio compiuti da Cristo nei confronti del mondo. 

Passiamo, allora, all’altra traduzione: «le tenebre non l’hanno accolta». Certo, se Giovanni avesse avuto in mente l’aramaico, la lingua allora dominante in Terrasanta, avrebbe potuto proporre un gioco di parole: la’ qableh qablâ , «le tenebre non l’accolsero». Ma il verbo greco usato dall’evangelista indica piuttosto un’opposizione, espressa dalla preposizione katà; sarebbe stato più logico usare il verbo parélaben , come appunto si ha nel versetto 11: «Venne tra i suoi, e i suoi non l’hanno accolto (parélabon)».

Rimane, dunque, il terzo significato, accettato dalla versione da noi proposta: «le tenebre non l’hanno vinta» (o “sopraffatta”). Il senso ostile ben s’adatta allo scontro che intercorre tra la luce e le tenebre, tra Cristo e il mondo. È una sfida di cui il cristiano conosce l’esito. Tra l’altro, è da notare che questo senso affiora anche nell’unico altro passo del quarto Vangelo in cui appare lo stesso verbo greco: «Camminate mentre avete la luce, perché le tenebre non vi afferrino (katalábê)» (12,35). Il nostro versetto proclama, dunque, la fiducia nella vittoria finale di Cristo sulle tenebre, sul mondo, sul male.

Pubblicato il 07 giugno 2013 - Commenti (2)

Pubblicita

Autore del blog

Gianfranco Ravasi

Gianfranco Ravasi

Gianfranco Ravasi è un cardinale, arcivescovo cattolico e biblista italiano, teologo, ebraista ed archeologo.
Dal 2007 è presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Calendario

<<novembre 2022>>
lmmgvsd
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati