02
ago

Ti senti all'altezza?

“Sei una mamma crudele! I miei amici giocano alla Wii tutte le volte che vogliono, tu invece mi costringi a giocare sono mezz’ora!” (J. 11 anni)
“Mi avevi promesso che facevamo quel gioco!... fa niente se piove, tu me lo avevi detto… una promessa è una promessa. Hai imbrogliato!” (A. 9 anni)
“Basta! Tu sgridi sempre me, invece con la C. sei sempre a fare i coccolini. Uffa, non è giusto!” (P. 6 anni)
“Io lo voglio (pianto disperato) voio quel ciupa ciupa… sei cattiva!” (C. 3 anni)

Certo che ce ne vuole per tenere alta l’autostima di una mamma. Ci sono giorni in cui, di fronte agli affondi dei figli, sento crescermi dentro una rabbia mista a frustrazione che fatico a trattenere: “Con tutto quello che faccio per voi???” Poi, come m’insegna mio marito, faccio un respiro profondo, penso che quello che ho sentito sono solo parole e provo a restare calma: “Sarò anche una mamma cattiva, ma si fa come dico io”. Punto. Arrabbiarsi, protestare, accusare… sono azioni prevedibili, i figli vogliono affermare la propria visione dei fatti, sostenere i loro diritti, difendere il loro potere. È  preoccupante se abbiamo figli che non protestano mai, che non ci attaccano, che accettano incondizionatamente ogni nostra indicazione. A 2/3 anni è normale pensare di poter comandare il mondo, a 11 anni lottare per i propri diritti… e non parliamo dell’adolescenza.

È bellissimo quando, dopo un match serrato in cui ho sostenuto una regola o un divieto, anche di fronte alle proteste più intense di un figlio arrabbiato, qualche minuto dopo, lo stesso figlio torna ad abbracciarmi rilassato e sorridente, come a dirmi di continuare così. I figli hanno bisogno di sentirsi contenuti, di sapere che i genitori sono forti. So che il giorno in cui verranno a dirmi che sono stata una brava madre è ancora lontano e chissà mai se arriverà. Quante volte sono andata dai miei genitori per complimentarmi delle loro scelte educative? Ai figli resta attivo sempre il desiderio di rivendicare tutto quello che non si è avuto e continuare a lamentarsi. A quarant’anni si rincorrono ancora i gesti e le parole che i nostri genitori  non sono stati capaci di fare e dire. Gli occhi dei figli, piccoli e grandi che siano, sono sempre piuttosto critici e pronti a rimarcare le mancanze. Nello stesso tempo però capitano momenti di visione in cui sentiamo forte l’affetto per chi si è preso cura di noi. Riconosciamo in quello che siamo le tracce di chi ci ha generato, nel bene e nel male.

Cosa quindi ci permette di pensarci genitori sufficientemente buoni?. E difficile concordare su quali siano gli ingredienti principali di questa professione a tempo pieno, cosa deve sapere, saper fare e saper essere una mamma per sentirsi adeguata. È chiaro che non ci sono risposte semplici ma piuttosto un universo di rappresentazioni che ciascuno di noi ha dentro di sé. La mia qualità che più mi aiuta in famiglia è la flessibilità mentre il difetto che sempre mi accompagna è la sbadataggine. Se qualcuno rovescia una bottiglia di vino rosso sulla tavola imbandita a festa riesco a rimediare un’alternativa a tempo record senza perdere il sorriso, ma mi capita spesso di ricevere la telefonata del pediatra che mi chiede come mai non mi sono presentata all’appuntamento.

E per voi: quali sono le competenze più importanti che mettete in gioco coi figli? O quali le qualità personali di cui andate fieri? Quali sono i vostri punti deboli? Vi sentite all’altezza? Buona settimana a tutti.    

Pubblicato il 02 agosto 2012 - Commenti (2)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da trismamma75 il 15/08/2012 15:59

Io credo che i nostri figli capiscano quanto li amiamo, e che ogni nostra decisione è presa in assoluta buona fede per il loro bene. E questo ci deve bastare. Io so che i miei genitori mi hanno amata molto e hanno cercato di scegliere per me il meglio, si sono sempre impegnati al massimo per essere dei buoni genitori. Non sono certo la figlia che rinfaccia ai genitori le cose fatte o non fatte, so che mi hanno sempre voluto bene e li ringrazio per tutto ciò che hanno fatto per me, soprattutto ora che anch'io sono madre e comprendo pienamente quanto questo ruolo sia impegnativo. Eppure anch'io non condivido tutte le scelte educative che hanno fatto all'epoca, e con i miei figli seguo vie diverse. Anch'io sto dando tutto come mamma, mi impegno più che posso e ogni giorno prego il Signore perchè illumini il mio cammino e quello dei miei figli. Ma so che alcune volte sbaglierò. Metto in conto che crescendo i miei figli magari non condivideranno tutte le mie scelte, e che con i loro figli si potranno comportare diversamente. Però credo che sapranno sempre quanto li amo, e questa secondo me è la cosa più importante. Per quanto riguarda me credo che il mio principale difetto sia l'eccessiva puntigliosità. Pretendo molto da me stessa (e tendo a pretenderlo anche da marito e figli), e se le cose non mi riescono come vorrei sono capace di fare delle scene incredibili. Un altro difetto è il disordine, non di rado mi capita di trovare gli oggetti più impensati nei posti più impensati, tempo fa' ero una specialista anche nello smarrire chiavi e bancomat, ora per fortuna su questo ho imparato a stare più attenta. Il mio maggior punto di forza credo invece sia, come per Barbara, la flessibilità.

Postato da Molly il 09/08/2012 15:43

Mi capita di pensare: "sono una mamma terribile! Poveri figli miei" quando non ho la pazienza di ascoltarli, di accoglierli, di consolarli, di coreggerli, di amarli per quello che sono... ma il "manuale" non ce l'ho! Non sono perfetta e non posso sapere quando e come sbagliero' con loro... che fare allora? Certe volte sei sconsolata e ti confronti con il papa' che ti dice che sei una mamma fantastica ... ma tu invece senti che fantastica non basta vorresti essere per i tuoi figli una super-mega-ultra-mamma ... quella che sa sempre consolare, amare, accogliere ... allora piedi per terra e avanti nella speranza di non deludere i tuoi figli che contano su di te! nella speranza di farli diventare uonini e donne di domani, nella speranza di forgiare il loro cuore al bello, nella speranza di sentirsi dire (come mi ha detto la mia Sofia): sono fortunata ad avere te come mamma! un sorriso a tutti Molly

Pubblicita

Autore del blog

Noi mamme

Barbara Tamborini

Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di libri sull'educazione. Ha 4 figli.

Calendario

<<febbraio 2024>>
lmmgvsd
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati