16
mar

Un figlio su quel pullman

Stavano tornando da una vacanza sulla neve, da una delle settimane più belle della loro vita. Desiderata, supplicata, conquistata, alla fine erano riusciti a esserci e ne era valsa la pena. Quando i figli sono piccoli siamo noi a spingerli verso l’esterno. Loro ci vogliono vicini, sono abituati a fare tutto con noi, a essere accompagnati, scortati.
“J. (9 anni) a catechismo adesso vai da solo”.
“No mamma, ti prego, accompagnami. E se incontro un bullo?”
“Vai tranquillo, devi solo fare poca strada (abitiamo a 400 metri dall’oratorio) e a quest’ora c’è un sacco di gente, ce la puoi fare!”
“Ti prego! Vieni con me”.
“No. Devi andare e tornare da solo. Stai molto attento ad attraversare”.

La stessa cosa abbiamo detto ad A. E così per la palestra o la cartoleria in piazza. Abitiamo in una piccola cittadina, il traffico è modesto, ci si conosce un po’ tutti. Possiamo osare. Nessuno dei nostri figli ha un cellulare e quindi non abbiamo modo di verificare che siano arrivati a destinazione, dobbiamo credere che tutto sia andato per il meglio e aspettare il loro rientro. Le prime volte ero agitata. Li ho anche seguiti da lontano per verificare che se la cavassero. Mio marito mi ha aiutato a placare le ansie, a lasciarli andare. Tra qualche anno saranno loro a voler andare da soli, useremo tutte le nostre forze per moderare i loro slanci. Ci chiederanno di uscire, di andare in vacanza con un amico, di stare fuori la sera. Noi li sosteniamo perché imparino a stare lontano dai pericoli e a comportarsi bene.. Li ammiriamo nel vederli crescere, gioiamo quando tornano felici da una trasferta con la squadra di calcio. I figli, nelle loro sperimentazioni, rimettono in discussione quello che hanno appreso in famiglia per costruire una nuova sintesi… molte volte anche migliore di quella che noi abbiamo provato a impostare per loro.

I figli nascono per viaggiare e i genitori per attenderli. Non ci sono parole per raccontare il dolore dei genitori all’obitorio di Sion. Chi gli è prossimo avrà modo di fare sentire tutta la solidarietà che in questi momenti non è mai abbastanza. Tutti noi che assistiamo da lontano alle immagini del loro dolore possiamo solo essere prossimi nella preghiera per chi crede. Una cosa concreta però la possiamo fare tutti. Possiamo continuare a lasciare i nostri figli liberi di andare. È quasi tempo di gite e di decidere le vacanze estive. Tutti noi ci sentiamo interpellati pensando ai viaggi che anche i nostri figli faranno in pullman, alle gallerie che dovranno attraversare, ai pericoli nascosti ovunque. Eppure il valore di una settimana bianca ben vissuta con amici e insegnanti è troppo grande e importante. Lo è per tutti quelli che torneranno a casa felici di riabbracciare i loro genitori. Ma lo è anche per chi a dodici anni è morto in un incidente. Spero con tutto il cuore che nessun genitore prenda su di sé oltre il dolore per la perdita del figlio, il rimpianto o il senso di colpa per aver messo il proprio bambino su quel pullman. Gli effetti di chi trattiene per paura i figli sono meno evidenti, forse oggi si vedono solo i vantaggi, ma se si guarda la vita dall’alto si scopre la verità. Un genitore che  non lascia sperimentare ai figli le gioie di una gita, di una vacanza, di un’esperienza di gruppo fa un grave danno al proprio bambino. Genera una morte con la “m” minuscola che si alimenta di piccole rinunce fino a diventare potente e distruttiva.

Quei genitori che oggi piangono un dolore infinito, resteranno per sempre nel mio cuore quando dovrò scegliere per il bene dei miei figli. Li penserò quando li lascerò andare verso qualcosa di buono, nonostante i rischi che questo comporta. E che i genitori siano uniti nel sostenere le esplorazioni che fanno bene ai figli. Che nessuno dica mai: “Te l’avevo detto di non mandarlo!”  

Pubblicato il 16 marzo 2012 - Commenti (3)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da Lilly70 il 20/03/2012 21:28

Cara Barbara, le scrivo per ringrazarla per quanto ha scritto. Dopo le prime parole, quando ho intuito l’argomento il mio cuore ha cominciato a battere più forte e la lettura è stata d’un fiato. Si, perché proprio in questi giorni è morta in un incidente stradale una giovane ragazza del mio paese, sorella di un compagno di classe di mio figlio. Avevo visto la mamma al pomeriggio ad un compleanno di un amichetto e l’avevo sentita parlare della figlia maggiore, raccontava di lei e della bella esperienza di “vacanza studio” che aveva appena terminato. La sera stessa lo schianto in macchina, la morte. Il mio primo pensiero è stato: al poso di quella mamma avrei nella testa un sacco di “…e se…” di “avrei potuto…” di “forse…”. Pesi, pensieri pesanti che potrebbero far nascere sensi di colpa. Questo suo scritto mi fa stare meglio, è una sorta di “assoluzione” dai pensieri grevi di una mamma che sicuramente in questo momento ha bisogno di genitori uniti che la sostengano. In fondo essere mamma è anche questo: saper dare la giusta libertà ai figli anche se questo significa preoccupazione.

Postato da mg.santoro il 19/03/2012 12:55

Grazie per queste parole. Mi terrò aggrappata ad esse ogni volta che dovrò resistere alle mie paure e a quelle che chi ci sta intorno. Penso soprattutto alla promessa della mia piccola scout: in fondo, la sua promessa è anche la mia.

Postato da Molly il 19/03/2012 09:43

Giusto questa mattina ho visto un bel pulma davanti la scuola dei mie figli che caricava due classi di quarta elementare per una gita di 4 giorni (non so dove!) e come non pensare ai piccoli scolari del belgio... e che pensate che non mi sia detta: io li avrei mandati? Si certo sono epserienze bellissime e formanti quelle all' autonomia, quindi si loro un giorno staranno su di un pulman per andare in giro chissa dove... il mio piccolo di 4 anni andrà a fine mese con il pulman dall'altra parte di Roma a teatro ... potrebbe succedere qualcosa anche in giro per la cristoforo colombo... ma come si fa a vivere con il pensiero delle cose brutte? per fortuna non sono di quelle mamme che vedono nero: per carità se andiamo al parco non li perdo nenache un momento di vista, ma della vita bisogna fidarsi... e poi che figli avremo se li mettiamo sotto una cmpana di vetro?

Pubblicita

Autore del blog

Noi mamme

Barbara Tamborini

Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di libri sull'educazione. Ha 4 figli.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati