26
giu

La malattia di Miguel, una famiglia segnata

MIGUEL, 49 anni, è un uomo di origine peruviana che da molto tempo vive in Italia. Già sofferente di una malattia cronica addominale, gli è stata diagnosticata una grave forma tumorale invasiva per la quale ha subìto vari interventi chirurgici. Gli ultimi due (emilectomia e resezione di parte dell’intestino) hanno compromesso la sua capacità lavorativa, al punto che ha dovuto chiedere l’invalidità civile. La sua vita, condizionata da continue cure, controlli medici e alimentazione speciale, ha pure dissanguato l’economia familiare. Nel frattempo anche il figlio primogenito, affetto da crisi convulsive ricorrenti, necessita di più approfonditi accertamenti. Unico sostegno economico della famiglia (nullatenente, e in casa d’affitto), è la moglie, operatrice socio sanitaria a tempo parziale, con un reddito purtroppo insufficiente a coprire i bisogni primari, le cure per la salute, l’affitto e le utenze di casa.

Pubblicato il 26 giugno 2012 - Commenti (0)
19
giu

Ruggero e un senso acuto di fallimento

RUGGERO, 42 anni, sposato, con tre figli rispettivamente di 16, 14 e 10 anni, tutti studenti. Sembrava fosse riuscito a darsi una stabilità lavorativa con l’avvio in proprio di un piccolo negozio per la vendita e il noleggio di video. Ma, nel 2010, la crisi del settore e la pirateria digitale l’hanno costretto a chiudere per fallimento. Oltre a essere rimasto senza lavoro, ancora adesso è minacciato da creditori spazientiti. Ha potuto far fronte al mantenimento della famiglia solo grazie a piccoli lavori precari sostenuti dalla moglie, tralasciando però l’affitto dell’alloggio popolare in cui vivono. E i debiti si sono accumulati. I problemi economici pesano in modo drammatico su Ruggero, che vive come una colpa personale il tracollo della famiglia. Sulla situazione, appena lenita dagli aiuti della Caritas locale, pesa soprattutto il problema dell’affitto, insoluto da più d’un anno, con il rischio imminente di sfratto esecutivo.

Pubblicato il 19 giugno 2012 - Commenti (0)
12
giu

Cristiana, 16 anni, ha davvero bisogno di noi

CRISTIANA, 16 anni, è affetta da sindrome di Parkes-Weber, una rara malformazione artero- venosa nel braccio destro. Prima di scoprire la malattia ha dovuto affrontare viaggi e soggiorni in luoghi di cura fuori regione. Anni segnati da visite e ospedalizzazioni e numerosi delicati interventi chirurgici per evitare che si compromettessero altre funzioni vitali. Adesso perché Cristiana non veda svanire il sogno di salvare il braccio, sempre accompagnata, dovrebbe tornare presso il Centro dove ha subìto gli altri interventi. Purtroppo, la situazione economica dei suoi è al collasso. Il padre è in cassa integrazione, la madre lavora part-time in un supermercato, e in famiglia c’è anche la figlia maggiore che soffre di gravi disturbi visivi. In particolare, per i genitori non è più possibile ricorrere a prestiti da banche o da privati, presso i quali hanno dovuto rivolgersi ogni volta per affrontare le spese dei precedenti trasferimenti di Cristiana.

Pubblicato il 12 giugno 2012 - Commenti (0)
05
giu

Romelia, 84 anni, e una figlia a carico

ROMELIA, vedova dal 1992, ha appena compiuto 84 anni e, malgrado i suoi problemi di salute, accudisce da sola la figlia che vive con lei, cinquantenne e invalida al cento per cento. Romelia è anche reduce dalla disgrazia della morte accidentale per annegamento del figlio secondogenito e, per cercare di riprendersi, è in cura presso il Dipartimento di salute mentale. Questo piccolo nucleo, la cui triste situazione ci è presentata dalla San Vincenzo del luogo, vive delle sole pensioni di vecchiaia e di invalidità. La situazione è disastrata; l’anziana donna da mesi non paga l’affitto di casa e ha già accumulato svariati debiti, tuttavia la più grande preoccupazione che l’opprime è quella di non poter proseguire le cure della figlia, che va assistita e ha assoluto bisogno delle protesi dentali per potersi nutrire normalmente.

Pubblicato il 05 giugno 2012 - Commenti (0)

Associazione don Zilli

Chi volesse intervenire a favore di questo caso e di altre attività benefiche e culturali, che non possono essere segnalate singolarmente, mandi le sue offerte servendosi del c/c postale. n. 14365209, intestato a: Associazione don Giuseppe Zilli - Onlus - Il caso della settimana - Via Giotto 36 - 20145 Milano, oppure del c/c bancario IBAN: IT54 I030 6909 515 10000000 7890  presso Banca Intesa Sanpaolo spa, o utilizzando la Carta di Credito entrando nell' area donazioni del sito dell'associazione Don Zilli all'Associazione don Giuseppe Zilli onlus, oppure comunicare il numero della Carta di Credito e la data di scadenza telefonicamente 02.480.120.40, o con posta elettronica donzilli@stpauls.it ricordando di indicare la causale del versamento. Tutte le offerte vengono devolute in beneficenza, e comunque per fini propri dell’Associazione, in base alle indicazioni dei contribuenti e alle reali necessità, accuratamente controllate, dei casi proposti. Le richieste di aiuto, documentate, devono essere presentate per iscritto all’Associazione don Giuseppe Zilli - Via Giotto 36 - 20145 Milano - tel. 02/480.120.40. La loro pubblicazione viene decisa, a discrezione dell’Associazione, solo dopo i necessari riscontri.

Ogni erogazione liberale a favore delle attività dell'Associazione Don Giuseppe Zilli onlus è fiscalmente deducibili ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 4/12/1997 n.460 e dell'art.14 Capo VIII del D.Lgs. 14/03/2005 n.35.

Calendario

<<giugno 2023>>
lmmgvsd
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
a
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati