21
mar

Da Francesco a Francesco

La lettera di un ragazzo di dodici anni al nuovo Papa.

Caro papa Francesco, la raggiungo attraverso Famiglia Cristiana e il mio insegnante di religione Sandro Pozza. Mi chiamo Francesco Bonifacio, ho dodici anni e frequento la prima media presso l’Istituto Filippin dei Fratelli della Dottrina Cristiana di Paderno del Grappa, in provincia di Treviso. Questa località è molto vicina al paese che ha dato i natali a Pio X; le mie radici, poi, sono bellunesi e, quindi, sono particolarmente legato a papa Giovanni Paolo I. Tra l’altro, il mio cognome, Bonifacio, coincide con il nome di un altro Papa... Adesso, papa Francesco, sono particolarmente felice che lei abbia scelto il nome Francesco per essere il “papà” di tutti noi. Pregherò perché san Francesco volga a lei lo sguardo e allontani da lei ogni eventuale idea futura di dimissioni. Sono sicuro che san Francesco aiuterà lei ad affrontare con forza la sua missione e con le sue preghiere aiuterà me a crescere serenamente e in salute. Spero con tutto il mio cuore che il suo papato duri a lungo e dia buoni frutti e che Gesù la mantenga sempre in buona salute. Glielo auguro di cuore, papa Francesco, anche a nome dell’altro mio compagno di classe con lo stesso nostro nome, Francesco Santacroce, che vive pure lui in un paesello ai piedi del Monte Grappa. A noi due si aggiungono gli altri ottanta nostri amici e “colleghi” compagni delle medie che, anche se non hanno lo stesso nostro nome, stanno tifando per lei. Ti vogliamo bene, papa Francesco!!!».

Francesco Bonifacio e Francesco Santacroce Paderno del Grappa (Treviso)

Fin dalle sue prime uscite, papa Francesco, in semplicità e umiltà, ci ha mostrato un volto bello e gioioso della Chiesa, quello vicino alla gente e ai poveri. Ma ci ha indicato, soprattutto, di volgere la nostra attenzione non sulla sua persona di Papa, ma su Cristo “pastore e cuore della Chiesa”. Nel suo primo Angelus in piazza San Pietro, commentando il Vangelo della domenica sull’adultera che Gesù salva dalla condanna a morte, secondo la legge di Mosè, ci manifesta anche il volto di Dio, che è quello di un padre misericordioso e paziente. «Dio non si stanca mai di perdonarci, mai! Siamo noi, a volte, che ci stanchiamo di chiedere perdono. Lui è Padre amoroso che sempre perdona, che ha quel cuore di misericordia per tutti noi». Parole semplici ed evangeliche, che fanno bene a tutte le persone, credenti e non credenti, soprattutto a chi ha il “cuore lacerato e ferito” e, spesso, ha trovato solo parole di condanna e di giudizio. La Chiesa, prima di tutto, è “madre premurosa”. E Dio è “padre prodigo” di misercordia, che fa festa ogniqualvolta un figlio pentito torna alla sua casa.

Pubblicato il 21 marzo 2013 - Commenti (2)

I vostri commenti

Commenta

Per poter scrivere un'opinione è necessario effettuare il login

Se non sei registrato clicca qui

Postato da Antonio da Silva Leite il 21/03/2013 20:27

Ho sbagliato per poco. Dicevo che il prossimo Papa sarebbe brasiliano, del Terzo Mondo. Lo Spirito Santo ha scelto uno più lontano: dal fine mondo. A quanto sembra la Chiesa cambierà rotta, verso un porto sicuro. Francesco I darà questa svolta, senza dubbio...

Postato da Giuseppe (Pino) Verbari il 21/03/2013 13:31

E’ difficile esprimere il bello. esprimere la mia compiacenza ed emozioni quando si verifica che tali aspetti interferiscono con la capacità di lavorare e di sviluppare relazioni denoto spesso un forte disagio che provo a causa del perfezionismo e dell’inflessibilità alle regole delle persone. Ansia nell’espormi e perfezionismo nel gradirmi, mi mettono in condizione di trovare il modo per non fare del male. Avrei voluto dire ad una collega: sei bella, intelligente, gentile, hai stile Una di quelle che ha tanto di quel non so che, ma che ha. Pensai che si sarebbe sentita valutata come una cosa, un oggetto, un gioco, e quindi, preferii esprimermi così: “Hai tanto e non lo dimostri, sono gli altri ad accettarti per come sei, quanto di bello e di caro racchiudi in te è tanto ma non so quanto. Sei come un quadro senza la cornice. Sei come una semplice tela che esprime solo se stessa e non quello di cui si circonda”. Credetemi!, mi sento fortunato quando, raramente, incontro queste persone. Giuseppe (Pino) Verbari

Pubblicita

Autore del blog

Don Sciortino risponde

Don Sciortino

Don Antonio Sciortino è il direttore responsabile di Famiglia Cristiana. In questo blog affronterà le tematiche riguardanti la famiglia e le questioni sociali, dalla disoccupazione, all'immigrazione all’impegno dei cristiani.

Calendario

<<maggio 2024>>
lmmgvsd
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
gli altri blog di Famigliacristiana
Periodici San Paolo S.r.l. Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 5.164.569,00 i.v.
Copyright © 2012 Periodici San Paolo S.r.l. - Tutti i diritti riservati